Giudizi positivi di industria e commercio per gli sgravi fiscali
"Un aiuto all'economia,
ne avevamo bisogno"
CLEMENTE MAZZETTA


Piuttosto che niente, meglio... piuttosto. Ma quell’1% in meno sulla tassazione per le aziende per i prossimi quattro anni è considerata dal mondo economico e imprenditoriale ancora troppo poco. Finalmente qualcosa si muove, ma troppo lentamente rispetto alla velocità di crociera degli altri cantoni.
Telegrafico Luca Albertoni, direttore della Camera di commercio: "È indispensabile procedere con decisione sulla via della riforma fiscale. L’approccio del governo presenta alcuni punti interessanti. Ma è da valutare la tempistica della riduzione dell’aliquota dell’utile delle imprese... forse un po’ lunga".  
La tassazione sugli utili delle imprese scenderà al 5,5% solo a partire dal 2025. Per i prossimi quattro anni resterà ancora all’8%. L’ultima modifica all’aliquota risale al 2000, quando la popolazione ticinese approvò un taglio di tre punti, dal 12% all’attuale 9%. L’approccio che piace è la riduzione del moltiplicatore cantonale di due punti (che ha un riflesso sia sulle persone fisiche che giuridiche) che va di pari passo con la consapevolezza che l’economia si sostiene con una fiscalità concorrenziale. Piace il taglio di un punto sull’aliquota dell’imposta sull’utile che favorirà, subito, le piccole medie aziende e le 33mila società a regime ordinario. Piace l’annuncio di un taglio al 5,5%, indispensabile dopo che la riforma fiscale federale ha abolito la tassazione agevolata per le aziende straniere a statuto speciale (un migliaio in Ticino, per un gettito di 144 milioni).
"Bene, bravi, finalmente il Consiglio di Stato ha fatto un passo nella giusta direzione, ha capito che l’economia necessita di un fisco concorrenziale… ma occorre fare il bis in metà tempo", aggiunge Glauco Martinetti, presidente della Camera di commercio.  Non cela però un certo disappunto: "Il Ticino è il cantone che più ha bisogno di sgravi per le aziende ma purtroppo è quello che impiega più tempo per fare dei passi avanti. I cantoni che hanno già una minor pressione fiscale la stanno riducendo rapidamente. La manovra proposta dal governo è troppo timida e soprattutto troppo lenta. Oggi le aziende che non hanno un legame con il territorio si spostano con estrema facilità. Se non si interviene con rapidità non riusciremo a trattenerle, perdendo posti di lavoro, gettito fiscale". I nuovi scenari fiscali dei cantoni "post riforma", vedono l’aliquota effettiva sull’utile scendere mediamente dall’attuale 18% a circa il 14%. Oggi il Ticino ha un’imposizione complessiva per le imprese superiore alla media: 18,6%.
"Complessivamente la direzione in cui va il governo è quella giusta. Anche perché se non si fa nulla resteremmo con una tassazione fra le più elevate della Svizzera. Il problema è che i tempi di applicazione sono troppo dilatati - osserva Stefano Modenini, direttore Aiti, associazione industrie ticinesi -. Speriamo che il parlamento li accorci". In assenza di riduzioni, il Ticino, oggi al 15° posto, diverrebbe  per le aziende uno dei cantoni con il fisco più "pesante", scivolando in terzultima posizione nella graduatoria intercantonale. "In questo caso non solo le aziende a statuto speciale ma anche quelle normali potrebbero essere spinte a delocalizzarsi, in tutto o in parte, in cantoni fiscalmente più favorevoli - dice Modenini -. Mentre valuteremo le misure per scuola e socialità, restiamo critici sul risanamento della cassa pensione per mezzo miliardo. Temiamo che non sarà sufficiente a risolvere definitivamente questo problema, visto l’attuale modesto tasso di copertura".
Per Modenini, in assenza di una soluzione "equilibrata", che contempli anche  la  riduzione dei "privilegi" dei dipendenti pubblici, oltre al sostegno dello Stato, non si esclude un’opposizione da parte del mondo dell’economia.

cmazzetta@caffe.ch
14.07.2019


ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
05.08.2019
Comunicazione Ustat: Pericoli naturali Ticino
30.07.2019
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, secondo trimestre 2019
29.07.2019
Avviso di prudenza del 29.07.2019 nell'accensione di fuochi commemorativi e d'artificio per i festeggiamenti del 1° agosto 2019 [www.ti.ch/incendi-boschivi]
15.07.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, giugno 2019
14.07.2019
Traversa di Cavanna/Bedretto - coordinate 682/152 - Predazione 3 pecore
12.07.2019
Consultabili online le temperature dei fiumi misurate in continuo presso le stazioni idrologiche cantonali e federali [www.ti.ch/oasi]
06.07.2019
Alpe Pesciora/Bedretto - coordinate 681/151 - Predazione 3 pecore
28.06.2019
Servizio militare: giornate informative 2019
27.06.2019
Notiziario statistico Ustat: Movimento naturale della popolazione, Ticino, 2018
26.06.2019
L'ufficio dei beni culturali segnala la pubblicazione di un nuovo sito tematico dedicato al Monetario cantonale [www.ti.ch/monetario]
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
A Hong Kong la rivolta
che cambierà la Cina
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
I migranti in Libia
come arma di ricatto
Guido Olimpio
Guido Olimpio
La fuga dei miliardari
imbarazza gli Emirati
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il tiranno Salvini
al ballo del Papeete
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Onda verde e giovane
delle nuove generazioni
Luca Mercalli
Luca Mercalli
"Senza una svolta
ci sarà un'estinzione"


La copertina
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Le pubblicazioni
di Rezzonico
Editore

Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie





I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Indonesia:
Giacarta,
la città
che affonda

Open Arms,
Salvini autorizza
lo sbarco
dei minori

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00