function iscriviti() {window.open("http://ads.caffe.ch/ppl/","_blank","width=620,"menubar=no","resizable=no","scrollbars=no")};





L'appello alla politica dell'oncologo Franco Cavalli
Immagini articolo
"Per la ricerca servono
maggiori investimenti"
PATRIZIA GUENZI


Qualità e finanziamenti, nella ricerca sono strettamente collegati l’un l’altro. Riuscire a reperire fondi è fondamentale per portare avanti l’attività scientifica. E questa, più è di qualità e maggiori finanziamenti si assicurerà. È questa la sfida che dovrà affrontare il Cardiocentro, che anche se inglobato nell’Ente ospedaliero cantonale - in settimana c’è stata la tanto attesa firma per il passaggio nell’Ente ospedaliero a fine 2020 - manterrà separata come un ente esterno la sua Foundation for Cardiological Research and Education (Fcre).
Più i progetti dei ricercatori sono autorevoli e maggiori chance si avranno per accedere ai finanziamenti, cantonali, nazionali, europei o privati. Lo sa molto bene l’oncologo Franco Cavalli, direttore scientifico dell’Istituto oncologico della Svizzera italiana (Iosi), che grazie all’alto livello dello Ior, l’Istituto oncologico di ricerca di Bellinzona, ha ottenuto l’affiliazione all’Usi. "Avere alle spalle un istituto accademico come l’Università della Svizzera italiana è un atout estremamente importante per trovare fondi", sottolinea Cavalli. Fondi che servono proprio a mandare avanti il lavoro dei ricercatori, impegnati in progetti scientifici ma anche "obbligati" a reperire finanziamenti. Avere un curriculum di peso facilita.  
Alle spalle del Cardio, invece, l’Usi non c’è. Da qui, anche, le probabili difficoltà cui potrebbe andare incontro l’"istituto del cuore". Va da sé che più "sostegni" un istituto di ricerca riesce a reperire e maggiori e più potenti saranno i canali cui potrà attingere. In questo senso lo Iosi, grazie alla qualità delle pubblicazioni dei suoi ricercatori negli anni s’è guadagnato una nomea di tutto rispetto. "Essere in grado di attivare fondi è fondamentale - osserva Cavalli -. Altrimenti si chiude. Chi non riesce a coprire una buona percentuale dei costi non ce la fa". E Cavalli fa una richiesta al Cantone. "Il Ticino finanzia molto meno rispetto a Basilea o Zurigo. Ecco perché dobbiamo darci daffare per far quadrare i conti. Speriamo che in futuro le cose cambino. Non si può pretendere di avere una facoltà di medicina a costo zero". In altre parole, se il Cantone vuole un’università con le scienze della vita dovrà per forza investire di più. "È un progetto che può portare a sviluppi industriali", aggiunge il medico che non si lascia scappare l’occasione per osservare: "Invece di fare regali fiscali ai ricchi, la politica sostenga la nostra ricerca".
pguenzi@caffe.ch
11.08.2019


Articoli Correlati
Leggi in anteprima
le notizie del Caffè

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
27.07.2020
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, secondo trimestre 2020
23.07.2020
Attivato il sito dell’Ufficio del controlling e degli studi universitari
13.07.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, giugno 2020
06.07.2020
Notiziario statistico Ustat: Movimento naturale della popolazione, Ticino, 2019
17.06.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, maggio 2020
17.06.2020
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, giugno 2020
12.06.2020
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel primo trimestre 2020
10.06.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 22 giugno 2020
04.06.2020
Swiss Mobility: opportunità di stage professionale in Svizzera per neodiplomati 2020
20.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, aprile 2020
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
La Libia è una polveriera
ormai pronta a esplodere
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Le gang dettano legge
in sessanta città Usa
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Nella tana degli affetti
per sentirci meno soli
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Per fermare i virus
aiutiamo l'ambiente
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi

IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

25 anni
dal massacro
di Srebrenica

Belgrado:
assalto
al Parlamento

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00