function iscriviti() {window.open("http://ads.caffe.ch/ppl/","_blank","width=620,"menubar=no","resizable=no","scrollbars=no")};




Confronto sull'uso e l'abuso di chimica nell'agricoltura
Immagini articolo
Pesticidi utili nei campi
ma le conseguenze...
PATRIZIA GUENZI


Numerose sono le ricerche sul ruolo che l’uso massiccio di antiparassitari e biocidi in agricoltura potrebbe avere sulla nostra salute e contribuire ad acuire la resistenza agli antibiotici. Limitare dunque l’utilizzo di pesticidi nell’agricoltura - come chiedono le iniziative  popolari "Acqua potabile pulita e cibo sano" e "Per una Svizzera senza pesticidi sintetici" - sembrerebbe la via da percorrere per non andare incontro a gravi problemi di salute pubblica. Iniziative, però, giudicate troppo radicali dal Consiglio nazionale che ha deciso di sottoporle in votazione senza controprogetti e con la raccomandazione di respingerle. Già esistono sufficienti mezzi di protezione, hanno spiegato i contrari alle iniziative, nel quadro della Politica agricola 2022  e nel Piano d’azione dei prodotti fitosanitari. Strumenti che permettono di rispondere alle preoccupazioni dei promotori.
Preoccupazioni, va detto, condivise da molti. Come il dottor Christian Garzoni che sottolinea come i pesticidi contribuiscano al fenomeno dell’antibiotico-resistenza. Mentre è una questione di misura per l’agronomo Sergio Gobbin, che avverte: "Altrimenti non ci sarebbe abbastanza cibo a disposizione per tutti".
p.g.


Sono l’unica soluzione per sfamamarci tutti e avere di che vestirci
Sergio Gobbin
Agronomo, titolare dell’azienda Ecosfera
Le piante e gli animali sono apparsi sulla terra prima dell’uomo. E non avevano bisogno di noi. Poi venne l’uomo cacciatore raccoglitore che non le curava ma le adoperava come cibo e abbigliamento. Tutto cresceva in modo spontaneo e con un certo equilibrio. I parassiti venivano controllati dai contro parassiti in modo equo. La densità di crescita era rarefatta, i parassiti non avevano richiami da sovrappopolazione per unità di superficie. Nessuno stress di produzione.
Poi l’uomo da cacciatore raccoglitore diventò coltivatore e iniziarono i guai. I parassiti trovarono cibi in quantità molto superiore per unità di superficie. I contro parassiti non avevano la possibilità di eliminarli massivamente ed ecco l’inizio della lotta antiparassitaria moderna. Oggi coltivare senza pesticidi e pretendere di nutrire sette miliardi e passa di persone non è possibile. Senza dire delle "esigenze estetiche" che hanno raggiunto l’esasperazione. I consumatori non comperano il frutto segnato.
Ora si pensa ad un divieto assoluto dei pesticidi e produrre comunque un cibo pulito, bello e sano (inquinamento dell’aria escluso…). È impossibile! Vogliamo bere del buon vino che non ha mai subito trattamenti antiparassitari? Lo troveremo in piccole quantità e dovremo adattarci ad un certo tipo di gusto. Finiti i brindisi con lo Champagne. In Svizzera la legislazione sulla protezione fitosanitaria è una delle più severe del mondo. Con uno stop assoluto ai pesticidi, prepariamoci a girare nudi e magri, ammalati e deboli. I tessuti provenienti da vegetali e non dal petrolio (lino o cotone) vengono protetti indirettamente dalle malattie con i pesticidi. In Svizzera molti contadini producono biologico che risparmia l’ambiente. Ma anch’essi adoperano pesticidi (non tossici per l’ambiente) per poter sopravvivere. Se vogliamo eliminare totalmente i pesticidi dovremo essere pronti a vestirci con gonnellini di paglia (non trattata) e a cacciare la selvaggina.  


Questi antiparassitari rischiano di aumentare l’antibiotico-resistenza
Christian Garzoni
Medico specialista Fmh, medicina interna e malattie infettive
C’è sicuramente un nesso tra il problema, sempre più marcato, della resistenza agli antibiotici e l’utilizzo, sicuramente esagerato, di pesticidi nell’agricoltura e nell’allevamento animale. La suscettibilità dei batteri agli antibiotici può variare se sono contemporaneamente esposti anche agli erbicidi. Ciò favorisce lo sviluppo di batteri resistenti e oggi il problema della resistenza può mettere anche in serio pericolo la nostra vita, come spiega  l’Oms. Faccio un esempio: fino a qualche anno fa i batteri resistenti erano tipici degli ospedali e colpivano quasi solo pazienti ricoverati. Oggi l’epidemia di batteri Esbl colpisce la popolazione abitualmente sana, sono entrati nella catena umana proprio attraverso l’alimentazione. Non è un segreto che i polli possano essere altamente contaminati e anche le verdure. Con gravi conseguenze sulla salute pubblica, un aumento dei costi sanitari, dei ricoveri ospedalieri prolungati e il fallimento delle terapie. Addirittura, potremmo tornare a un’era pre-antibiotica in cui banali infezioni portavano alla morte. Tra gli imputati individuati ci sono anche, appunto, i pesticidi e gli antibiotici usati in agricoltura.
E poi ci sono pure le infezioni fungine. Sempre più resistenti, per cui trovare nuovi antibiotici per contrastarle sta diventando un’impresa. Ad esempio la Candida auris, di cui ancora non si conosce l’origine precisa. Si sa però che è presente in almeno quattro ceppi diversi tra loro, che potrebbero aver sviluppato resistenza agli antimicotici in luoghi e momenti diversi. E ancora una volta c’entra la mano dell’uomo. Sotto accusa, infatti, l’utilizzo indiscriminato di pesticidi e fungicidi sui raccolti, così come gli antibiotici sono ampiamente impiegati negli allevamenti, gli antimicotici contro i funghi parassiti lo sono in agricoltura. L’uso intensivo di questi prodotti, dunque, potrebbe aver contribuito all’insorgere di diversi ceppi di questa resistentissima Candida auris.
11.08.2019


Leggi in anteprima
le notizie del Caffè

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
06.07.2020
Notiziario statistico Ustat: Movimento naturale della popolazione, Ticino, 2019
17.06.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, maggio 2020
17.06.2020
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, giugno 2020
12.06.2020
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel primo trimestre 2020
10.06.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 22 giugno 2020
04.06.2020
Swiss Mobility: opportunità di stage professionale in Svizzera per neodiplomati 2020
20.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, aprile 2020
15.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, aprile 2020
12.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, primo trimestre 2020
12.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, aprile 2020
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
La Libia è una polveriera
ormai pronta a esplodere
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Le gang dettano legge
in sessanta città Usa
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Nella tana degli affetti
per sentirci meno soli
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Per fermare i virus
aiutiamo l'ambiente
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi

IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Londra
esce
dal lockdown

Alluvione
nel sud
del Giappone

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00