function iscriviti() {window.open("http://ads.caffe.ch/ppl/","_blank","width=620,"menubar=no","resizable=no","scrollbars=no")};
L'antropologo Campione e il calo di bebè in Ticino
"Si fanno meno bimbi
siamo troppo materiali"
ANDREA BERTAGNI


Gioia, consapevolezza e sostenibilità. Francesco Paolo Campione, professore di antropologia culturale, utilizza queste parole per spiegare perché non si fanno più bambini (vedi articolo sopra). "Le nascite sono da sempre legate all’investimento delle famiglie verso il futuro - dice - ma l’attuale situazione di decrescita demografica non si spiega comunque solo con questo".
Come si spiega allora?
"Un’altra ragione è che non c’è più l’appagamento dei rapporti personali, stiamo andando verso un appagamento dell’universo materiale che ci circonda. Il crescente materialismo è insomma una delle cause, ma non l’unica".
Ce n’è una terza?
"Sì, da sempre c’è una sorta di meccanismo naturale che regola i rapporti dell’individuo con l’ecosfera. Oggi questa ecosfera è messa alle corde, la stiamo sfruttando troppo e l’individuo ne risente. Se il pianeta non è confortevole, non lo sarà  neanche per le generazioni future".
Quali, dunque, le soluzioni?
"La scuola può fare molto, ha un grande potenziale nell’influenzare la ‘costruzione’ di un individuo, nella sua ricerca di un maggior equilibrio e nella capacità di investire sul futuro per vivere quindi una vita il più possibile appagante".
E in risposta al materialismo?
"Si dovrebbe puntare su una maggiore consapevolezza slegata dal consumismo. Servono soluzioni  per sganciarsi dal materiale".
E per l’ecosfera?
"Devono essere attuate politiche di sostenibilità che prevedano un mondo a misura d’uomo. Dove si vive bene, cresce nelle persone il desiderio di mettere al mondo dei figli".
E i bonus bebé, possono essere una soluzione?
"No, perché sono controproducenti, vanno proprio nella direzione del materialismo. Dare soldi significa solo offrire una maggiore forza economica all’individuo, il che porta a un calo delle nascite.
an.b.
08.09.2019


Leggi in anteprima
le notizie del Caffè

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
20.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, aprile 2020
15.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, aprile 2020
13.05.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 25 maggio 2020
12.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, primo trimestre 2020
12.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, aprile 2020
08.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Dati settimanali provvisori sui decessi, Ticino e Svizzera, stato al 5.5.2020
06.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, aprile 2020
06.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, aprile 2020
06.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, aprile 2020
30.04.2020
Pubblicato il Rendiconto 2019 del Consiglio di Stato
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Ripartenza a singhiozzo
e borse poco indicative
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Il braccio del Sultano
"allunga" il suo potere
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Nella tana degli affetti
per sentirci meno soli
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Per fermare i virus
aiutiamo l'ambiente
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi

IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Notte
di violenze
nelle città
statunitensi

La lenta
ripartenza
della cultura
europea

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00