function iscriviti() {window.open("http://ads.caffe.ch/ppl/","_blank","width=620,"menubar=no","resizable=no","scrollbars=no")};




La Spagna segna la crisi delle democrazie europee
Un modello politico
che si è inceppato
LORETTA NAPOLEONI


Anche se il Psoe ha vinto nuovamente le elezioni si tratta di una vittoria amara dal momento che non si traduce in un contratto di governo. Gli spagnoli hanno regalato al primo ministro Sanchez una maggioranza simbolica, insufficiente per formare un governo monocolore. Chi ha veramente vinto queste ultime elezioni è Vox, partito sovranista nato nel 2015 ed oggi terza forza politica in Spagna.
L’ascesa di Vox alla destra del Pp, il Partito Popolare, nasce da una serie di fattori comuni in molti stati europei tra cui: l’orgoglio nazionale, che nega qualsiasi tentativo di secessione, e la distanza sociale nei confronti dei migranti. In altre parole il socratismo affonda le sue radici in un nazionalismo che incamera anche chi non ne vuole far parte, come i catalani, purché siano spagnoli ed esclude tutti gli altri, anche coloro che vorrebbero farne parte, come i migranti.
In Spagna il ricordo delle atrocità del franchismo è ancora vivo, un regime che chiuse il Paese al mondo, dove la Spagna era celebrata quale nazione superiore a tutte le altre, in questa ottica la vittoria di Vox è particolarmente preoccupante proprio perché’ ripropone chiusure  e narrative antiche.  
Sullo sfondo dell’avanzata dei partiti sovranisti troviamo anche la polarizzazione dei temi politici, vedi la questione secessionista catalana, e l’ingerenza politica che Bruxelles, la cui stessa esistenza alimenta i desideri di secessione. I catalani indipendentisti domandano di esistere come stato autonomo sotto l’ombrello dell’Unione europea, situazione naturalmente inaccettabile da Bruxelles ma che tuttavia viene perseguita.
La crisi delle democrazie europee non è estranea ai successi dell’Unione europea, è questa forse la chiave di lettura giusta delle ultime elezioni spagnole, in fondo il modello politico di cui abbiamo usufruito fino ad oggi potrebbe non funzionare perché la convergenza promossa da Bruxelles è stata tale che riesce difficile distinguere i confini nazionali tra stato e stato. I sovranisti come Vox li vogliono rilanciare convinti che così facendo si proteggono gli interessi di chi, secondo loro, ha la fortuna di esserci chiuso dentro.
17.11.2019


Articoli Correlati
Leggi in anteprima
le notizie del Caffè

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
30.10.2020
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, terzo trimestre 2020
28.10.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 9 novembre prossimo
13.10.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, settembre 2020
07.10.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 19 ottobre 2020
05.10.2020
Notiziario statistico Ustat: Statistica delle abitazioni vuote, Ticino, 1° giugno 2020
17.09.2020
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, settembre 2020
14.09.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, agosto 2020
09.09.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 21 settembre 2020
09.09.2020
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel secondo trimestre 2020
27.08.2020
Notiziario statistico Ustat: Popolazione residente permanente, Ticino, 2019
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Cina, ovvero "Fabbrica"
per un mondo malato
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Tutte le ipotesi in campo
dopo la guerra più lunga
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Cibo, ambiente e clima
portano alla nuova umanità
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Abbiamo appena dieci anni
per evitare una catastrofe
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi

IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Accordo
fra Israele e Sudan
per normalizzare
le relazioni

Repubblica Ceca,
ospedale da campo
contro il Covid-19
a Praga

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00