Le testimonianze di famiglie e lavoratori sul salario extra
"Con la 13a riusciamo
a pagare gli arretrati"
PATRIZIA GUENZI


Quella busta paga in più che entra in banca a metà dicembre è sempre una preziosa boccata d’ossigeno. Per la maggior parte dei lavoratori serve a far quadrare i conti di casa. A chiudere l’anno senza più fatture in sospeso. C’è anche chi non potrebbe proprio farne a meno, perché altrimenti perderebbe il lavoro. Come Natasha Melis, 45 anni, mamma sola con un figlio di 19 e un lavoro part time. "Da Castagnola mi devo spostare a Minusio e lo posso fare solo con il treno - spiega -. L’abbonamento, per svariate ragioni, lo devo fare completo: 1’800 franchi. Per fortuna scade a dicembre".
Una fortuna, l’entrata extra di dicembre, anche per Jenny Pagani, 33 anni, un’occupazione part time, sposata con 4 figli: "Santa tredicesima mi vien da dire - esclama -. Io non la prendo, mio marito per fortuna sì. Ci permette di pagare quelle fatture che durante l’anno trasciniamo. Come le quote sportive dei ragazzi, 600-700 franchi l’anno". Spese, tante spese. Per una famiglia le bollette ogni mese sono numerose. E, alcune di queste, inevitabilmente, si pagheranno proprio con quel doppio stipendio di fine anno. "Sì, con quello riusciamo a saldare tutto ciò che eventualmente è rimasto indietro - conferma Luisa Balde, 55 anni, un lavoro al 60%, sposata, una bimba di 11 -. Ti toglie un po’ di ansia, sai che a fine anno entreranno quei soldi. È una sicurezza".
Una sicurezza, anche per chi ha la fortuna di non doverla aspettare per rimettere in sesto i bilanci domestici. È sempre un’entrata e se ne può risparmiare una parte che può tornar utile in caso di necessità impreviste. "Quando hai dei figli è sempre meglio avere una piccola riserva - osserva Duska Giorgetti, 42 anni, sia lei che il marito con un’attività in proprio ma dipendenti delle rispettive società, due figli, 14 e 11 anni -. Più crescono e più costano, sapere quindi di poter eventualmente far capo a quei soldi tranquillizza". Tranquillizza, certo, uno stipendio in più. Figuriamoci per quei lavoratori che durante l’anno vivono costantemente in un precario equilibrio tra entrate e uscite. Per cui quella busta in più diventa un’ancora di salvezza.
Ne sa qualcosa Jenni Stefanachi, 42 anni, mamma single di una bimba di 13. "È fondamentale per me - ammette -. So, ad esempio, che potrò saldare quelle fatture, e sono tante, che arrivano proprio a fine anno". I vari conguagli, le ultime rate delle imposte, l’assicurazione dell’auto, la targa… Che prima di girare il calendario tocca pagare. E poi i regali di Natale. Impossibile, quando in casa ci sono dei bimbi, non metter mano al portafogli. "Già, e non c’è solo il Natale, mia figlia compie gli anni proprio a dicembre e sa che la mamma ha qualche soldo in più per i regali - riprende Stefanachi -. Come faccio a dirle di no?".
Nessun genitore dice di no. Lo scorso anno la società di consulenza Ernst & Young aveva fatto due conti e stimato che i ticinesi spendono per i regali di Natale attorno agli 80 milioni di franchi. Soldi che fanno girare l’economia, che aiutano il commercio. Versare la tredicesima ai lavoratori significa anche questo. Eppure, il 30% dei dipendenti questa "gratifica" non ce l’ha (vedi pagina accanto). Non può contare su quel doppio stipendio per saldare arretrati e fatture in sospeso. Non certo per accantonarla. Pochi ci riescono. Se sì, "qualche centinaio di franchi al mese, non di più - dice Martina Mattei, 35 anni, impiegata a metà tempo, un marito e un figlio di 3 anni -. La tredicesima per noi è una riserva che mettiamo da parte". Risparmi anche in casa Giorgetti. "La mia va tutta nel 3° pilastro - riprende Duska -. Quella di mio marito tornerà utile tra qualche anno, quando i figli studieranno fuori cantone". La spenderà prima Giulia Taragnoli, 39 anni, indipendente, sposata, due figli, 7 e 3 anni: "Stiamo riattando casa, servirà per pagare la porta d’entrata". Di risparmiare non se ne parla neanche in casa Stefanachi. "Come farei?! - esclama Jenni -. Ho solo il mio stipendio". Impossibile anche per i Pagani: "Se tutto va bene, il beneficio della tredicesima dura fino ad aprile-maggio. Nel senso che non siamo in rosso sul conto". Poi si ricomincia. Sino al prossimo dicembre. "E invece - conclude Melis - sarebbe bello poterla spendere tutta in regali". pguenzi@caffe.ch
01.12.2019


ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
18.03.2020
Pubblicazione straordinaria: Decreto esecutivo concernente l’annullamento e il rinvio delle elezioni comunali per il periodo 2020-2024 del 18 marzo 2020
18.03.2020
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, marzo 2020
13.03.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, febbraio 2020
11.03.2020
Notiziario statistico Ustat: Risultati provvisori della statistica delle transazioni immobiliari, Ticino, quarto trimestre e anno 2019
28.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, gennaio 2020
26.02.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 9 marzo 2020
19.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, gennaio 2020
14.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, gennaio 2020
11.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, gennaio 2020
10.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, quarto trimestre e anno 2019
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
L'economia malata
cambierà la società
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Il terrorismo resterà
ancora un pericolo
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Nella tana degli affetti
per sentirci meno soli
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Per fermare i virus
aiutiamo l'ambiente
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi



IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie




I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Coronavirus:
il business
della paura

Wuhan:
prove tecniche
di normalità

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00