function iscriviti() {window.open("http://ads.caffe.ch/ppl/","_blank","width=620,"menubar=no","resizable=no","scrollbars=no")};

Il governo riorganizza letti e personale negli ospedali
Immagini articolo
Un nuovo network di cure
se i contagi cresceranno
PATRIZIA GUENZI


Dalla fine della prossima settimana l’attuale rete cantonale di assistenza sanitaria Covid dovrebbe cambiare in vista di una nuova potenziale impennata del numero dei contagi. La Clinica Luganese Moncucco, centro Covid del Ticino (con l’ospedale la Carità di Locarno) potrà dunque beneficiare di un "prestito" di personale proveniente dalle cliniche del gruppo Swiss Medical Network, Ars Medica e Sant’Anna, Hospita (per il personale di anestesia) e dalla clinica Santa Chiara di Locarno. Il Dipartimento della sanità ha messo a punto un nuovo "quadro" organizzativo che prevede la modifica del dispositivo dei letti Covid e il numero di personale. Le nuove decisioni saranno contenute in una "risoluzione" governativa che con molta probabilità dovrebbe essere ufficiale a giorni. Esiste una bozza attualmente in consultazione che chiarisce i rapporti dei privati che metteranno a disposizione le proprie risorse in vista, come detto, di un’eventuale evoluzione drammatica dei contagi.  
Il nuovo network sanitario punta soprattutto sulle cure intensive della Moncucco: qualora i letti saranno occupati con 17 pazienti, si dovrà arrivare a 26 letti entro 48 ore. Ars Medica di Gravesano, Sant’Anna di Sorengo e Hospita assicureranno 15 infermieri, di cui almeno 5 con diploma in cure intensive e/o anestesia, 2 assistenti di cura o di sala operatoria e 2 medici anestesisti o intensivisti. Le tre cliniche potranno decidere come suddividere il personale prestato, dovranno invece concordare con la Moncucco un’eventuale diversa ripartizione dei profili richiesti. La clinica Santa Chiara invierà 3 infermieri, di cui uno con diploma in cure intense e/o anestesia. Un ulteriore potenziamento di 7 letti, per arrivare così a 33, potrà essere organizzato con preavviso di 72 ore. In questo caso Ars Medica, Sant’Anna e Hospita invieranno 3 infermieri, di cui uno con diploma in cure intensive e/o anestesia, e un infermiere lo metterà a disposizione la Santa Chiara.
Per il reparto di degenza Covid della Moncucco, la cui disponibilità a tempo pieno è stata calcolata considerando il prestito spontaneo di personale delle cliniche Varini di Orselina e Viarnetto di Pregassona, la differenza sarà richiesta all’Ars Medica e alla SantAnna tenendo però conto che la Santa Chiara metterebbe a disposizione progressivamente fino a 30 letti Covid (i lavori strutturali erano stati realizzati nella prima fase della pandemia). In sostanza, entro 48 ore dall’apertura del blocco di 25 letti di degenza supplementari alla Moncucco, da 145 a 170, la Varini assicurerà un infermiere, un assistente di cura e un medico assistente, la Viarnetto 2 infermieri e un medico assistente. Ars Medica e Sant’Anna, 10 infermieri, 6 assistenti di cura, un medico senior e un medico assistente.
Per meglio far fronte alla pandemia e a una sua eventuale ripresa, continuerà la sospensione dei mandati di ostetricia e neonatologia alla Carità e al Beata Vergine di Mendrisio, con la chiusura dei reparti di medicina pediatrica stazionaria (aperto il pronto soccorso pediatrico 24 ore su 24). Chiusura mantenuta anche dei pronto soccorso dell’Italiano di Lugano, della sede di Acquarossa e di Faido.
p.g.
21.11.2020


Leggi in anteprima
le notizie del Caffè

LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Sarà una catastrofe!
No, economia più solida
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
"Le navi delle ong
attirano i barconi"
Guido Olimpio
Guido Olimpio
L'ideologia tramonta
e le spie battono cassa
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Il mondo ha 44 sovrani
ma i "regni" contano poco
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Un viaggio tra i popoli
sull'idea del nuovo inizio
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Una Greta, tante Grete
per difendere l'ambiente
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Si pensi anche ai costi
causati da altre limitazioni

IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Il Myanmar
chiude le porte
all’inviato
Asean

Gerusalemme:
calma
apparente
dopo gli scontri

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00