function iscriviti() {window.open("http://ads.caffe.ch/ppl/","_blank","width=620,"menubar=no","resizable=no","scrollbars=no")};
Protagonisti da rileggere - Cicikov
Immagini articolo
Quell'uomo qualunque
scaltro e sfuggente
RENATO MARTINONI


Pavel Ivanovic Cicikov è l'eroe negativo di un romanzo-poema, "Le anime morte", di Nikolaj Gogol'. L'opera viene scritta in parte, verso la metà dell'Ottocento, quando il grande autore ucraino di lingua russa si trova in Svizzera; e poi al tavolo del Caffè Greco di via dei Condotti a Roma. È un uomo qualunque, Cicikov: né grasso né magro, né alto né basso, né bello né brutto. Né giovane né vecchio, né ricco né povero. È un personaggio sfuggente che nella vita, una vita altrimenti destinata alla mediocrità la più assoluta, ha un solo obiettivo: quello di fare il proprio fieno e soprattutto di vivere da signore. Siamo nella Russia dello zar Nicola I.
In un universo dominato da una casta di funzionari pigri e corrotti di cui Gogol', per averci lavorato assieme, conosce vita e miracoli. In un impero fatto di sterminate campagne che si perdono a vista d'occhio, dove vivono nella decadenza i proprietari terrieri (pochi) e nella più assoluta e disumana indigenza i servi della gleba (una galassia). I proprietari sono padroni dei servi che possono vendere a loro piacimento. Ed ecco la trovata di Cicikov: comperare le "anime" dei servi deceduti, sempre iscritti però nel registro delle tasse che i loro proprietari devono a pagare allo Stato, fino al censimento successivo. Pavlucka Cicikov acquista dunque le "anime morte", o se le fa regalare con l'inganno, solo per mostrare di avere un capitale, di essere anche lui padrone, di appartenere all'élite dei ricchi insomma.
Con la sua lista di "anime" (in realtà tutti i servitori che si vanta di avere guardano l'erba dalla parte delle radici) può farsi prestare soldi dalle banche e anche ricevere sussidi statali: sarà l'occasione per svignarsela con i soldi degli altri. È dunque un truffatore l'uomo che intraprende un viaggio "d'affari" nell'enorme impero russo. In un Paese ammalato socialmente e moralmente.
Sempre molto deferente, l'astuto Cicikov si sposta in carrozza da una città all'altra, da un villaggio all'altro, da una locanda all'altra, da un'izba all'altra. Rende visita ai potenti locali, lusingandoli con mille moine. Sempre ai margini della legalità, godendosi la vita, tra un ricevimento e un pranzo, tra un altro cicchetto d'acquavite e un altro bicchiere di vino francese, tra un complimento e un pettegolezzo, tra una moina e un baciamano.
Di giorno vagabonda e di notte se la dorme della grossa ("di quel sonno mirabile", ironizza Gogol', "di cui dormono solo i fortunati che non sanno che siano né emorroidi, né pulci, né troppo elevate capacità intellettuali"). Nel suo ampio affresco l'autore racconta la campagna russa, con grande dovizia di particolari. Riempiendola di personaggi spesso caricaturali o grotteschi, offrendo un affresco sociale, metà reale metà satirico, e qualche volta anche un poco paradossale, della Russia contadina e borghese zarista: di un Paese a tratti paradisiaco, nella natura, ma che più spesso sembra quasi un inferno dantesco. Un amico dello scrittore, Aleksandr Puckin, lo dirà un ritratto triste, dato che mette in mostra uno Stato inefficiente, una società corrotta, la vanità, le debolezze e i vizi degli uomini. In primo piano comunque c'è sempre lui, l'ineffabile Cicikov, bugiardo e calcolatore, scaltro e adulatore, reticente nel parlare di sé, anzi: quasi modesto (si  dice un "trascurabile vermiciattolo di questa bassa terra"), e logorroico nel rivolgersi agli altri, cercando di carpire le "anime morte".
Pigro di natura ma attivo per interesse. Privo di valori etici, votato anzi al piacere e al soddisfacimento dei propri desideri, gentile e diabolico, invidioso (dei ricchi) e sprezzante (con i poveri). Pavel Ivanovic Cicikov, colui che si è messo in testa di appropriarsi delle "anime morte", è un portaborse gaudente che dice una cosa e intanto pensa il suo esatto contrario; è osservatore paziente, come il gatto con il topo, attende soltanto il momento buono per tirare fuori gli artigli. È adulatore e incantatore, e soprattutto anarchico: mentre, a parole si dice rispettoso delle istituzioni. Ma chi può credere a Pavlucka il mentitore?
12.08.2012


Leggi in anteprima
le notizie del Caffè

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
20.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, aprile 2020
15.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, aprile 2020
13.05.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 25 maggio 2020
12.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, primo trimestre 2020
12.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, aprile 2020
08.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Dati settimanali provvisori sui decessi, Ticino e Svizzera, stato al 5.5.2020
06.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, aprile 2020
06.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, aprile 2020
06.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, aprile 2020
30.04.2020
Pubblicato il Rendiconto 2019 del Consiglio di Stato
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Ripartenza a singhiozzo
e borse poco indicative
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Il braccio del Sultano
"allunga" il suo potere
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Nella tana degli affetti
per sentirci meno soli
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Per fermare i virus
aiutiamo l'ambiente
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi

IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Notte
di violenze
nelle città
statunitensi

La lenta
ripartenza
della cultura
europea

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00