Alti costi sociali e un modello di business in crisi
Immagini articolo
L'insostenibile
pesantezza del gioco
MAURO SPIGNESI


Si assottiglia l'utile, non offre più i gettiti fiscali e i contributi ai Comuni di un tempo, garantisce sempre meno posti di lavoro. L'industria dell'azzardo arranca dietro una crisi che appare irreversibile.  Soprattutto in Ticino dove, fra Locarno, Mendrisio e Lugano, c'è un'altissima densità di case da gioco: una ogni 110 mila abitanti. Rapporto che cala se si mette nel mazzo anche Campione d'Italia. E se da una parte i casinò non sono più un modello di business vincente,  come ci si era illusi una decina di anni fa, dall'altra lasciano sul terreno un alto costo sociale e, spesso, anche pesanti strascichi giudiziari e polemiche politiche come sta accadendo a Lugano.
"È pur vero che da noi l'apertura ai casinò è stata fatta in maniera ragionevole", afferma Tazio Carlevaro, psichiatra e cofondatore dell'Irga (Istituto di ricerche del gioco d'azzardo). "Perché - prosegue - ci siamo attrezzati per prevenire le ripercussioni negative". C'è, ad esempio, il Gat, il Gruppo azzardo Ticino che aiuta chi è in difficoltà e lavora su mandato statale. Oggi, in Svizzera, ci sono circa 120 mila persone con problemi legati al gioco. E 32 mila di loro sono "diffidati", cioè non possono entrare nei casinò. Già anni addietro una ricerca segnalava che tra la popolazione adulta ticinese c'è uno 0,6% di giocatori problematici e un altro 0,6% di giocatori patologici. "I numeri direi che sono complessivamente stabili. Ma il problema che si pone ora - aggiunge Carlevaro - non riguarda solo chi esagera ma anche chi amministra male i propri soldi. E qui è chiaro che la prevenzione gioca un ruolo rilevante". Come si fa prevenzione? "Una persona dipendente dal gioco - spiega Carlevaro - è come un alcolista, non viene a chiedere aiuto. Capita, ma è rarissimo. Se tu poi gli dici che sta esagerando, risponde che sa cavarsela da solo, che può smettere quando vuole. Da noi invece può essere aiutato, ma anche dalle case da gioco perché segnalano il caso". È il principio della "concezione sociale, previsto dalla legge.
Eppure in Svizzera si va controcorrente. A Zurigo è stato appena inaugurato il più grande casinò nazionale, che prevede1.600 giocatori al giorno e un fatturato di 104 milioni. Ma il prezzo sociale resta alto. Uno studio recente dell'Università di Neuchâtel afferma che il rapporto tra costi diretti e indiretti (problemi sanitari, perdita di lavoro, assistenza e misure di prevenzione) è fra i 545 ai 658 milioni, cioè superiore alla cifra del gettito delle case da gioco, che nel 2011 è stato di 420 milioni.
Poi c'è l'aspetto economico. Di un modello economico che mostra evidenti cedimenti.  "E non penso siano soltanto legati all'euro", avverte Amalia Mirante, economista dell'Usi: "In Ticino abbiamo costruito un business legandolo molto all'Italia, perché non possiamo solo basarlo sui nostri 300 mila abitanti. E in Italia attualmente c'è la crisi e i giocatori non arrivano più come un tempo". L'altro problema, secondo Mirante, "è quello della nostra scarsa capacità di fare turismo. Accanto ai casinò non si è sviluppato un sistema attrattivo. Se uno viene a giocarea Lugano, e prima vuol fare una passeggiata in città, scopre che a una certa ora i negozi sono chiusi e che i ristoranti dopo le 22 ti danno solo piatti freddi o qualche pizza".
mspignesi@caffe.ch
@maurospignesi
23.12.2012


Articoli Correlati
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

Lampi di guerra
e fulmini su Trump
L'INCHIESTA

Viviamo circondati
da 8mila videocamere
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Dalle buche di Roma
a quelle di Bellinzona
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Ecco come l'Occidente
scoprì la globalizzazione
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Lampi di guerra
e fulmini su Trump
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Mosaici di guerra
dalla postazione Judy
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
La razza è un concetto
inventato della politica
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Alienati per il lavoro?
La cucina è l'antidoto
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
18.04.2018
Pubblicato il nuovo sito tematico "Mobilità ciclabile" della Sezione della mobilità [www.ti.ch/bici]
17.04.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, marzo 2018
10.04.2018
Pubblicato il rendiconto 2017 del Consiglio della magistratura
05.04.2018
Tiro obbligatorio 2018
28.03.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 9 aprile prossimo
22.03.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, marzo 2018
21.03.2018
L'Ufficio dei beni culturali (UBC) ospite della trasmissione RSI "Finestra popolare" per una serie di incontri dedicati al patrimonio culturale del Cantone Ticino.
21.03.2018
Aperte le iscrizioni all'evento "Un’altra opportunità è d’obbligo - La nuova procedura di annuncio dei posti vacanti" promosso dal Servizio aziende URC della Divisione dell’economia del DFE.
16.03.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, febbraio 2018
12.03.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere Ticino, gennaio 2018 e quarto trimestre 2017

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Siria:
ispettori Opac
entrano
a Douma

Nicaragua:
almeno 10 morti
per le proteste
sulle pensioni