I fantasmi delle "misure coercitive"
Migliaia di bambini
rapiti dallo Stato
MAURO SPIGNESI


Erano bimbi di strada, figli di povera gente, di mamme sole. O di stranieri, "sbandati", alcolizzati. O, ancora, erano considerati "ritardati", handicappati. Dal 1850 al 1980 migliaia di bambini di famiglie disagiate sono stati portati via ai genitori in Svizzera attraverso le cosiddette misure coercitive a scopo assistenziale. Ritenuti potenzialmente pericolosi, inclini alla delinquenza, e affidati a famiglie, spesso contadine, per farli lavorare a scopo di prevenzione, o internati in orfanatrofi. Decisioni prese rapidamente, accartocciando e buttando nel cestino norme e garanzie sull'infanzia, su segnalazioni di sindaci, preti, notai e avvocati.
Una pagina di storia a lungo rimossa nel silenzio e riemersa attraverso film, libri e una mostra itinerante (si può vedere all'indirizzo web www.enfances-volees.ch) che ha toccato diverse città della Confederazione facendo esplodere un doloroso passato. Una pagina riletta anche grazie alle testimonianze dei protagonisti - circa ventimila quelli sopravvissuti - e degli studiosi che hanno potuto ricostruire, con i pochi documenti ancora a disposizione, decine e decine di casi finiti negli archivi della memoria. Dimenticati. Persone Lasciate sole a tormentarsi con le loro domande: perché? Dal giugno dell'anno scorso questa oscura storia viene approfondita, su sollecitazione della consigliera federale Simonetta Sommaruga, da una commissione mista di vittime e politici ed è stata anche creato a Berna un ufficio sui torti inflitti che potrà esaminare eventuali domande di risarcimento allo Stato. Per ora ne sono arrivate oltre 500. Nei cantoni, poi, dovrebbero essere istituiti consultori e assistenza agli ormai ex bambini.
Uno di loro, che ha partecipato a questa riaffernazione della memoria collettiva è  Sergio Devecchi, nato a Lugano, e strappato ai genitori quando era bambino, cresciuto in orfanatrofi ticinesi e dei Grigioni. Devecchi ha avuto la forza di andare avanti, ha studiato, si è laureato, è diventato educatore, direttore di un istituto a Zurigo, ed è presidente della Società svizzera di pedagogia sociale. Oggi racconta la sua esperienza proprio per non dimenticare. Ma non c'è solo questo capitolo. C'è anche quello degli zingari. In 50 anni 590 bimbi figli di nomadi, dei tre grandi gruppi come Rom, Sinti e Jenisch, finirono in istituti chiusi. Storie che oggi sembrano appartenere a un'epoca lontana, a quando il diritto della persona veniva dopo quello della protezione della società. Ma che adesso riguardano soprattutto gli stranieri.
Un caso emblematico è quello che vede protagonista in Ticino una famiglia di profughi algerini. Papà, mamma, e quattro figli, di 11, 13, 17 e 21 anni. La loro è una vicenda paradossale, di quelle che restano impigliate nella rete delle leggi. I genitori dei ragazzi non hanno ottenuto il diritto d'asilo e dunque non potrebbero restare in Svizzera, ma l'Algeria si rifiuta di riprenderli. "La famiglia - spiega Maria Innocenzi responsabile del Movimento dei senza voce che ha seguito la vicenda offrendo assistenza - ogni volta che si stava predisponendo l'iscrizione scolastica veniva spostata da un hotel all'altro e dunque i bambini non riuscivano a cominciare la scuola. Un diritto sacrosanto stabilito dalle convenzioni internazionali e dai protocolli per la difesa dell'infanzia".
Mentre la famiglia era in attesa della decisione sulla domada di asilo, i piccoli hanno frequentato le lezioni, sino a tre anni fa, a Locarno. Gli insegnanti dicevano che erano "intelligenti e avevano tanta voglia di fare", racconta ancora Innocenzi. Poi è arrivato il verdetto: niente asilo. È stata bocciata anche la quarta richiesta. Per la famiglia algerina sono svanite le speranze. Parte del gruppo familiare è stata trasferita a Cadro. Il padre invece è finito per un breve periodo in carcere per soggiorno illegale. E poi è stato alloggiato a Bellinzona. "Ora finalmente - racconta ancora Maria Innocenzi - siano riusciti a farli iscrivere e frequentano un istituto nelle Tre valli. Ma è stata dura, faticosissima. Eppure quello all'istruzione dovrebbe essere un diritto superiore, per tutti, dunque non derogabile".
09.11.2014


Articoli Correlati
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
27.11.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 9 dicembre 2019
27.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, ottobre 2019
22.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, ottobre 2019
18.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, ottobre 2019
15.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, ottobre 2019
13.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, ottobre 2019
13.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, ottobre 2019
06.11.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 18 novembre 2019
04.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, terzo trimestre 2019
30.10.2019
Pubblicati i dati del censimento rifiuti 2018 [www.ti.ch/gestione-rifiuti, www.ti.ch/oasi]
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Un traguardo sociale
ma ancora non per tutti
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Il sanguinoso attacco
alla "Terra dell'alba"
Guido Olimpio
Guido Olimpio
L'attentato a Londra
rilancia l'allarme jihad
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Emmental e pollo
tra i "falsi svizzeri"
Luca Mercalli
Luca Mercalli
"Senza una svolta
ci sarà un'estinzione"
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi


IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie





I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Arrestato
il presunto
aggressore
dell’Aja

Un trono
di soldi…
con lo scopo
di farne di più

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00