Vigne sempre più a rischio per parassiti e cambi climatici
Immagini articolo
La tentazione Ogm
per il vino ticinese
CLEMENTE MAZZETTA


Non solo i vini italiani, sono in pericolo anche quelli ticinesi. Nelle vigne, a causa dei cambiamenti climatici, con il caldo e la scarsità di pioggia, sono arrivate malattie parassitarie vecchie e nuove. Dalla peronospora, che secca foglie e grappoli, all’oidio, che infetta gli organi verdi della pianta. Le alte temperature favoriscono l’aumento degli insetti, principali vettori di malattie, e di funghi che producono più generazioni infettanti rispetto alla normale diffusione della malattia. Il recente appello di Angelo Gaja, famoso viticoltore piemontese,  che ha pubblicamente chiesto di autorizzare le nuove tecniche genetiche per rendere più resistenti le vigne, ha così messo in subbuglio il mondo vitivinicolo.
"Certo, per il Merlot, che ha più di cento anni, in passato non era necessario combattere con tutte queste malattie che si sono sviluppate non solo per l’aumento delle temperature, ma anche per altri fattori", spiega Giuliano Maddalena, presidente della Federviti. "Ci sono vitigni più sensibili alle malattie, come lo Chardonnay. Ma anche il Merlot, che è il vitigno principe del Ticino, sta soffrendo". Quanto alla possibile soluzione con vitigni Ogm più resistenti, Maddalena osserva: "Non so se risolverà il problema. So che sono stati fatti alcuni esperimenti da Agroscope, il centro di competenza della Confederazione per la ricerca agronomica, che ha realizzato dei vitigni più resistenti attraverso incroci di vite europee".
Comunque in Svizzera fino al 2017 resterà in vigore la moratoria che impedisce la coltivazioni di organismi geneticamente modificati (Ogm). "Siamo confrontati con nuove malattie, come la Drosophlia suzukii che ha infestato le vigne l’anno scorso a causa dell’umidità, con la quale dovremo convivere anche in futuro, o con la flavescenza dorata. Si tratterà di trovare gli antidoti per combattere queste malattie come è stato fatto con la peronospora e l’oidio", conclude Maddalena.
Del resto è noto che proprio per contrastare gli effetti  della filossera, che nell’ ‘800 devastò le vigne  europee, fu creata in Ticino la cattedra ambulante di agricoltura. In pochi anni si sostituì la vite americana con quelle locali e con una sperimentazione si diede avvio alle varietà del Merlot assieme a quelle di origine francese e italiane. "Con l’attuale moratoria, l’Ogm non è un’opzione  possibile in Svizzera, ma neanche in Europa se non a livello sperimentale", puntualizza Matteo Bernasconi, responsabile per la viticoltura dell’Ufficio consulenza agricola del Ticino. "Ma se in viticultura non è stato ancora preconizzato l’uso degli Ogm per lo sviluppo di varietà resistenti - aggiunge Bernasconi -, si stanno da tempo studiando altre vie, incroci multipli con varietà che possono essere più resistenti. Agroscope ha proprio ottenuto un ibrido che si chiama Divico, omologato un paio d’anni fa".
Nel 2013 Agroscope ha infatti presentato il primo vitigno rosso dotato di un’elevata resistenza alla peronospora, all’oidio e al marciume grigio, la cui qualità dei vini si avvicina a quella del Gamaret, che a sua volta è un incrocio ottenuto nel 1970 da André Jaquinet nel laboratorio federale di ricerche agronomiche di Changins. Divico, da tempo chiamato con il nome in codice "Irac 2091", è frutto di un incrocio tra Gamaret e Bronner. "Questo nuovo vitigno è più resistente ai parassiti, e a differenza di altri ibridi del passato, ha delle caratteristiche organolettiche più spiccate, più simili ai vitigni europei", precisa Barnasconi.
Un vino in sintonia col gusto ticinese e che potrebbe incontrare anche quello degli otto svizzeri su dieci che dichiarano di non gradire la presenza di Ogm negli  alimenti. "Mentre nella parte latina dell’Europa si ricerca prevalentemente la marca, il nome del vino, a nord, come in Germania,  c’è più sensibilità ecologica, in poche parole si predilige la produzione senza l’aiuto di fitosanitari", osserva Bernasconi, che ricorda come  le  le varietà tradizionali dei vini più conosciuti nel mondo, italiani e francesi, siano suscettibili agli attacchi dei principali parassiti:  "Pertanto con questi gusti, se non si riuscirà ad avere ibridi resistenti con le stesse qualità organolettiche dei prodotti più richiesti, inevitabilmente si andrà sulla strada tracciata dal produttore piemontese".
17.01.2016


Articoli Correlati
IL DOSSIER


I fatti e le opinioni
sulle vicende S.Anna
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
LA SOLIDARIETÀ


La generosità dei ticinesi
per i pastori delle steppe
L'INCHIESTA


Interrogativi sulle eredità
degli anziani maltrattati
L'INCHIESTA


Meno sesso
a pagamento


POPULISMO
VS POPULISMO
È finito lo scontro
fra destra e sinistra
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Approcci differenti
...non funzionerà!
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Dopo la presa di Mosul
tornerà la guerriglia
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Gli imprevedibili
soldati del Califfo
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Il "ciclone Trump"
lascia solo macerie
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Sandro Cattacin
Sandro Cattacin
Gli attributi razzisti
della cronaca nera
Ritanna Armeni
Ritanna Armeni
A Renzi non si perdona
la "rottamazione"
Paolo Bernasconi
Paolo Bernasconi
Non si sfugge
alle nuove regole
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Disposte a tutto
per i propri figli
Alessandra Comazzi
Alessandra Comazzi
I manicaretti in tv
rischiano il flop
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Cade l'ultimo tabù
per sfamare il pianeta
Marino Niola
Marino Niola
Lo straniero riassume
tutte le nostre paure
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Le contraddizioni
faranno gravi danni
Filippo Facci
Filippo Facci
È un voto politico
che paralizza il Paese
Roberto Alajmo
Roberto Alajmo
La Grande Migrazione
non si fermerà da sola
Roberto Nepoti
Roberto Nepoti
Per un Festival à la page
un'inedita sezione 2.0
Antonio Sciortino
Antonio Sciortino
Le Famiglie vere
eroine nella crisi
Roberto Vacca
Roberto Vacca
La caduta libera
del mito della sicurezza
Andrea Vitali
Andrea Vitali
Zimmer frei

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
24.05.2017
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, aprile e primo trimestre 2017
22.05.2017
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, aprile 2017
17.05.2017
La Segreteria del Gran Consiglio ha provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 29 maggio prossimo
11.05.2017
Militare: Visite di reclutamento 2017
11.05.2017
Tiro obbligatorio 2017
02.05.2017
Pubblicato il nuovo Questionario legislatura 2017-2021 per i Patriziati
26.04.2017
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria dell'8 maggio prossimo
26.04.2017
"La quiete stimola" 26 aprile 2017: giornata contro il rumore [www.ti.ch/rumore]
25.04.2017
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da martedì 25 aprile 2017 alle ore 17.00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
18.04.2017
Il Dipartimento del territorio, in collaborazione con il Dipartimento delle istituzioni, mette in consultazione il progetto di Piano di utilizzazione cantonale (PUC) che pone le basi per la realizzazione del centro di addestramento e del poligono di tiro al Monte Ceneri [www.ti.ch/dstm-consultazioni]
DOMANDE E RISPOSTE

Leggi »

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »
Gruppo
Ringier




I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Papa Francesco
a Fatima,
fra 600.000
pellegrini

Egitto
17 mummie
scoperte
a Minya

RINGIER

Dufourstrasse 23
8008 Zurigo
Svizzera

info@ringier.com
+41 (0)44 259 61 11

Abo-Service:
0848 880 850

www.ringier.ch