In Ticino alla ricerca di parole nuove come "petaloso"
Straparlando in classe
a colpi di neologismi
EZIO ROCCHI BALBI


Prima che una parola venga ammessa nel salotto buono dei dizionari deve raggiungere nell’uso una diffusione certificata, ma "petaloso" coniato dal linguista in erba Matteo, 8 anni, ha avuto un successo mediatico tale, e un’eco così vasta sui social, che è probabile appartenga ormai al nostro bagaglio culturale. Anche perché l’aggettivo inventato dal bambino di 3a elementare di Copparo, in provincia di Ferrara, è stato sdoganato - grazie alla segnalazione della maestra Aurora, reticente nel considerarlo un errore - dall’Accademia della Crusca, massima autorità della lingua italiana.
Grazie a "petaloso", comunque, tutti si son ricordati di quante parole inventate, soprattutto dai bambini, diventano d’uso in famiglia, tra amici, e  a scuola dove spesso nascono da candidi quanto incolpevoli strafalcioni. E basta aggirarsi tra i banchi delle elementari in Ticino per scoprire che la fantasia linguistica non manca. "Il neologismo più bello che mi è capitato di sentire recentemente è ‘giraluna’, indicato come cugino del girasole", dice la docente Adriana Pedrazzini, che in quarant’anni d’insegnamento, ne ha sentite di tutti i colori.  Tra parentesi molti di questi termini sono comprensibili solo dai piccoli, al punto che i maestri non capiscono se siano stati inventati o derivati da "slang" in uso tra i personaggi dei cartoni animati. Chissà che vorrà dire "spriccicante" o "spatarango"... "I bambini a volte fanno ragionamenti e collegamenti d’idee sorprendenti,  e la creatività non manca - aggiunge il maestro bleniese Manuel Notari -. Poi è difficile individuare le parole influenzate dai vari dialetti, ma in fondo è simpatico  sentir chiamare ‘pome’ le mele o ‘carotole’ qualsiasi verdura o minestra di color arancione".
Secondo i docenti, in ogni caso, i bambini che leggono di più sono quelli che più si inventano nuove parole. "E fortunatamente stiamo assistendo ad una ripresa della passione verso la lettura -conferma Paola Ernst, maestra da diversi anni -. E questo aiuta, incrementando la conoscenza di altre parole che sostituscono, o s’aggiungono,  alle influenze dialettali che vanno via via sparendo". Un vuoto lessicale che viene ampiamente colmato da parole straniere, che spesso si mescolano ai vocaboli italiani con effetti divertenti. "Spuntano dei bei termini, non meno simpatici e musicali di ‘petaloso, ma quando capitava a uno dei miei allievi lo correggevo semplicemente con un sorriso, senza per questo scrivere all’Accademia della Crusca - commenta Maurizio Colombi, docente elementare in pensione di Tegna  -. Anche se certi termini come ‘scarpusciato’, usato al posto di inciampare, o ‘pedriollo’ per imbuto bisognava correggerli quasi a malincuore. Eppure ogni tanto è  bello sdoganarne qualcuno, che potrebbe entrare nella parlata comune". Il guaio è che, per quanto simpatici e divertenti, certi neologismi sui quaderni dei bambini spesso nascono dallo storpiamento di termini esistenti.
"Potrei scrivere un capitolo su tutti i falsi derivati che strappano una risata in classe - ammette una maestra elementare del Grigioni italiano -. Un cuscino di piccole dimensioni diventa ‘cuscinetto’ e un minuscolo tacco di scarpa un ‘tacchino’...". Senza arrivare alla raccolta di strafalcioni che ha reso celebre, con "Io speriamo che me la cavo", il maestro elementare Marcello D’Orta, anche il docente di Maggia Aron Piezzi suggerisce di valorizzare i neologismi degli allievi: "Anche perché ciò permette di aprire un dibattito sulla lingua italiana, e per una volta che un ‘petaloso’ si trasforma in un dibattito costruttivo, non lamentiamoci - conclude -. Correggiamo sì gli  allievi, ma non frustriamo la loro fantasia; sarebbe un errore imperdonabile".
28.02.2016


Articoli Correlati
IL DOSSIER


I fatti e le opinioni
sulle vicende S.Anna
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
LA SOLIDARIETÀ


La generosità dei ticinesi
per i pastori delle steppe
L'INCHIESTA


Interrogativi sulle eredità
degli anziani maltrattati
L'INCHIESTA


Meno sesso
a pagamento


POPULISMO
VS POPULISMO
È finito lo scontro
fra destra e sinistra
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Il Califfo capitola
ma non all'estero
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Da al Quaeda a Isis
tutto si è semplificato
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
I nuovi pirati del mare
sono gli scafisti armati
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Il secessionismo
scuote l'Europa
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Sandro Cattacin
Sandro Cattacin
Gli attributi razzisti
della cronaca nera
Ritanna Armeni
Ritanna Armeni
A Renzi non si perdona
la "rottamazione"
Paolo Bernasconi
Paolo Bernasconi
Non si sfugge
alle nuove regole
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Disposte a tutto
per i propri figli
Alessandra Comazzi
Alessandra Comazzi
I manicaretti in tv
rischiano il flop
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Nei menù si trova
la civiltà del domani
Marino Niola
Marino Niola
Lo straniero riassume
tutte le nostre paure
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
Filippo Facci
Filippo Facci
È un voto politico
che paralizza il Paese
Roberto Alajmo
Roberto Alajmo
La Grande Migrazione
non si fermerà da sola
Roberto Nepoti
Roberto Nepoti
Per un Festival à la page
un'inedita sezione 2.0
Antonio Sciortino
Antonio Sciortino
Le Famiglie vere
eroine nella crisi
Roberto Vacca
Roberto Vacca
La caduta libera
del mito della sicurezza
Andrea Vitali
Andrea Vitali
Zimmer frei

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
18.09.2017
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, agosto 2017
14.09.2017
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, secondo trimestre 2017
11.09.2017
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, luglio e secondo trimestre 2017
07.09.2017
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, secondo trimestre 2017
07.09.2017
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel secondo trimestre 2017
06.09.2017
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta del 18 settembre 2017.
05.09.2017
Pubblicati i dati di quattro ulteriori punti di misura delle PM2.5 in Ticino: Airolo, Locarno, Brione e Pregassona [www.ti.ch/oasi]
30.08.2017
Notiziario statistico Ustat: Popolazione residente permanente, Ticino, 2016
30.08.2017
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, luglio e secondo trimestre 2017
24.08.2017
Proscioglimento dagli obblighi militari 2017
DOMANDE E RISPOSTE

Leggi »

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »
Gruppo
Ringier




I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Londra
migliaia
manifestano
contro la Brexit

Bangladesh
Rohingya,
rischio di crisi
umanitaria

RINGIER

Dufourstrasse 23
8008 Zurigo
Svizzera

info@ringier.com
+41 (0)44 259 61 11

Abo-Service:
0848 880 850

www.ringier.ch