Una ricerca sulle lingue e le radici con 14 storie di vita
Immagini articolo
L'italianità che resiste
anche oltre i confini
MAURO SPIGNESI


C’è un italiano, al di là dei confini geografici cantonali. Anzi, la vitalità della lingua italiana, la sua capacità di conservarsi ed essere trasmessa nel tempo, risiede proprio oltre i confini del Ticino e dei distretti di Bernina, Maloja e Moesa. Lo racconta un saggio, "Italiano per caso", con sottotitolo "Storie di italofonia nella Svizzera non italiana", a cura di Verio Pini, Irene Pellegrini, Sandro Cattacin e Rosita Fibbi, ed edito da Casagrande. Un saggio nato attorno a quattordici testimonianze. Il volume, che presto uscirà anche nella versione in tedesco, sintetizza una lunga ricerca scientifica sul significato della lingua dei padri che è passata da una generazione all’altra, da una città all’altra, da un cantone all’altro, attraverso percorsi personali o familiari. Così capita di trovare un professionista che non ha mai vissuto in Ticino, ma che ha origine italiane e in italiano parla con i figli e la moglie. O una donna somala che ha imparato la lingua a Mogadiscio e una volta in Svizzera, dove nel frattempo è diventata mamma e lavora nell’Amministrazione federale, continua a parlarla.
"Questo dimostra che non è vero che la lingua si diffonde ed evolve, soltanto se è legata e storicamente radicata al territorio in cui si parla", spiega Sandro Cattacin direttore dell’Istituto di ricerche sociologiche dell’università di Ginevra, tra gli autori della ricerca. "Tanto che le interviste contenute nel libro - aggiunge il sociologo - confermano proprio questa nostra tesi". Insomma, ci si può sentire italofoni ovunque ci si trovi. Come Antonella Di Fusco, nata a Berna da genitori dell’Italia del sud, che ha compiuto la sua rivoluzione "con successo, senza guerre di bandiera, senza ideologie ma tra una pasta alla Norma e un Rösti, una canzone di Franco Battiato e Mani Matter". Nelle testimonianze, che sono poi piccole, appassionate biografie (sotto ne abbiamo scelto tre tratte dal saggio), sintesi di storie di vita di intere famiglie, ci sono personaggi noti e meno noti. C’è la studentessa, ad esempio, e l’ostetrica, la mamma e l’impiegata, ma c’è anche la presidente di Unia Vania Alleva, il consigliere nazionale e avvocato Carlo Sommaruga, e Pietro Supino, presidente del gruppo editoriale Tamedia e della Federazione degli editori della Svizzera tedesca. "Tutte queste testimonianze - riprende Cattacin - ci dicono che bisogna iniziare seriamente a riflettere, e su questo ci piacerebbe aprire un dibattito, sul fatto che il nostro Paese è quadrilingue. E sul fatto che questo per noi è un valore aggiunto, perché l’utilizzo di diverse lingue ha portato a creare una autentica identità di gruppo".
Però questo processo ha fatto emergere anche un problema. "E cioè - riprende Cattacin - che questa specificità, questo vantaggio di parlare 4 lingue nazionali riconosciute e diverse, si è cercato di riportarlo, di ingabbiarlo dentro una dimensione regionale. Questa tendenza alla regionalizzazione, dove il francese si parla nei cantoni francesi e il tedesco e l’italiano a nord e a sud mentre il romancio è relegato nei Grigioni, ha finito per penalizzare la diffusione e l’evoluzione stessa delle diverse lingue". Secondo gli studiosi che hanno realizzato la ricerca, l’esempio dell’italiano presente in tutta la Confederazione è indicativo. La sua oggi è una "presenza totale", come si dice in sociologia indicando che in un modo o l’altro c’è dappertutto. "Ecco perché - conclude Cattacin - la politica deve slegare il concetto del territorio da quello delle lingue nazionali. L’italiano deve poter essere parlato in tutte le città svizzere. Noi sosteniamo questa necessità per rinvigorire l’idea di una Svizzera multilingue che non dimentichi radici e valori di fondo".

mspignesi@caffe.ch
@maurospignesi
07.05.2017


ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
18.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, ottobre 2019
15.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, ottobre 2019
13.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, ottobre 2019
13.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, ottobre 2019
06.11.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 18 novembre 2019
04.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, terzo trimestre 2019
30.10.2019
Pubblicati i dati del censimento rifiuti 2018 [www.ti.ch/gestione-rifiuti, www.ti.ch/oasi]
23.10.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 4 novembre 2019
15.10.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, settembre 2019
20.09.2019
L'Ufficio di vigilanza sulle commesse pubbliche ha pubblicato la lista delle commesse del Cantone aggiudicate a invito o per incarico diretto con importi superiori a fr. 5000.– per l'anno 2018 [www.ti.ch/commesse]
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Bipartitismo in stallo
da Madrid a Londra
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Killer, boss e agguati
al clan dei marsigliesi
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Il sanguinoso attacco
alla "Terra dell'alba"
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Emmental e pollo
tra i "falsi svizzeri"
Luca Mercalli
Luca Mercalli
"Senza una svolta
ci sarà un'estinzione"
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi


IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie





I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Praga:
la tecnologia
delle dittature
in mostra

Iran in piazza
contro il caro
carburante.
Un morto a Sirjan

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00