Da Mogadiscio alla Svizzera grazie alla lingua italiana
"Pirandello? Scoperto
a scuola in Somalia"
ADDEI SIDI


Mi ricordo che quando si arrivava a scuola, era una scuola pubblica, una volta superato il cancello era proibito parlare il somalo, che non era una lingua scritta, era una lingua parlata. Ai miei tempi, quando andavo a scuola lì, tutto era in italiano: la storia, la geografia, io ho imparato più sull’Italia e in italiano che la lingua somala. Per esempio la letteratura e queste cose le ho imparate più in italiano che in somalo. Anche autori classici, per esempio, non so, Pirandello. Ogni tanto mi piace anche rileggere un po’ le antologie".
"Allora, a casa mia mamma preferiva che si parlasse il somalo, sennò non avevamo nessun altra occasione di parlarlo. Poi io ho partecipato anche alla campagna di alfabetizzazione della lingua somala. Eravamo una piccola scuola, però siamo andate nel nostro quartiere a insegnare alla gente a leggere e a scrivere in somalo. E il somalo l’hanno scelto con i caratteri latini, l’alfabeto latino e non era difficile da imparare a scrivere siccome io lo parlavo già. E dopo hanno tradotto tutti i libri di scuola in somalo e hanno continuato le scuole in somalo. Però ai miei tempi, quando andavo a scuola lì, tutto era in italiano".
"Dunque ho questa doppia appartenenza, il somalo a casa e l’italiano a scuola. Però siccome con tutti i miei fratelli e le mie sorelle eravamo nella stessa scuola, si mischiava. Non si rispettava proprio il limite dello spazio, né del tempo; per questo anche ora parlo metà somalo e metà italiano con i miei fratelli e sorelle. Ho vissuto sempre questa doppia identità: metà una lingua e l’altra metà un’altra lingua".
"In famiglia eravamo otto, dunque ho quattro sorelle e tre fratelli, ora sono dappertutto nel mondo. C’è mio fratello che è in America, ho un fratello in Italia, un altro fratello in Olanda, un’altra sorella… ecco insomma un po’ dappertutto. Il fatto è che nel Paese le cose erano un po’ complicate, c’era una dittatura militare, poi c’è stata la guerra. Adesso non ci sono né scuole italiane, né altre scuole perché le scuole sono state distrutte".
07.05.2017


ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
19.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, gennaio 2020
14.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, gennaio 2020
11.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, gennaio 2020
10.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, quarto trimestre e anno 2019
06.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, gennaio 2020
06.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, gennaio 2020
05.02.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 17 febbraio 2020
16.01.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, dicembre 2019
10.01.2020
Arge Alp: pubblicato un bando di concorso per un posto vacante presso il segretariato generale
08.01.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 20 gennaio 2020
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Se il virus ci trascinerà
in una recessione
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Il terrorismo resterà
ancora un pericolo
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Dalla tavola sovranista
a quella pro - global
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Si scenderà a patti
con il sistema-Terra
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi


IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie





I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Prove
di Olimpiadi
con la paura
del coronavirus

Messico: donne
in marcia
contro
i femminicidi

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00