L'analisi dell'antropologa sulla cucina del mondo
Nei menù si trova
la civiltà del domani
ELISABETTA MORO


C’era una volta il cibo etnico. Evocava mondi lontani, esotici, da assaggiare di tanto in tanto, con  curiosità e un pizzico di diffidenza. Ma ormai, nel pianeta ipercomunicante, che mescola vorticosamente uomini e cose, il lontano è venuto a stare sotto casa nostra. Con la sua offerta di diversità commestibili, che sono entrate a far parte del nostro quotidiano. Kebab turchi, falafel israeliani, naan indiano, humus palestinese, mezze libanesi, asado argentino, feijoada brasiliana, injera etiope, zigini eritreo, grigliate berbere, piroski ucraini, dim sum cinesi, noodles asiatici, blinis russi, bagel polacchi, tacos messicani, cous cous magrebino, goi cuon vietnamiti, pita gyros greci e sushi giapponese. Così anche la scelta del pranzo è diventata un atto creativo. Una delocalizzazione alimentare. La ricerca di nuovi mondi da esplorare. Solo che per farlo usiamo la forchetta come bussola e il tam tam sul web come radar. Più un piatto è lontano dalle nostre abitudini e tradizioni, più ci sembra che valga il viaggio. Ancorché immaginario.
Diceva il massmediologo Marshall McLuhan, l’inventore della metafora del villaggio globale, che mentre l’uomo paleolitico era un cacciatore di animali e un raccoglitore di frutti, l’uomo globale è alla continua ricerca di nuove informazioni e conoscenze. E il cibo è la prima di queste info. Un file zippato di dati da metabolizzare con il corpo e processare con la mente. Un modo per entrare in contatto con altre civiltà. In questo senso le strade delle nostre città, dove colori, odori e sapori si mescolano, sono la prova generale dell’umanità di domani.
11.06.2017


Articoli Correlati
La cucina
del mondo
11-06-2017 01:00
IL DOSSIER


I fatti e le opinioni
sulle vicende S.Anna
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

Troppa canapa light
e il mercato è saturo
L'INCHIESTA

Se lavori oltre i 65
rendite più ricche
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Dagli esodati
ai pensionati d'oro
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Una tregua "olimpica"
riunisce le due Coree
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nella base americana
"Pronti, qui in Corea"
Guido Olimpio
Guido Olimpio
La folle corsa nucleare
non è solo propaganda
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
La razza è un concetto
inventato della politica
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La tendenza a esagere
...ereditata dai greci
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
15.02.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, gennaio 2018
12.02.2018
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, quarto trimestre 2017
12.02.2018
Documentazione regionale ticinese (DRT) - È in linea il nuovo dossier concernente la protezione dell'ambiente in Ticino
08.02.2018
La Segreteria del Gran Consiglio ha pubblicato la lista delle presenze dei Deputati alle sedute della legislatura in corso
07.02.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 19 febbraio prossimo
01.02.2018
Aggiornato il formulario della domanda di costruzione (versione 01.2018) [www.ti.ch/edilizia]
31.01.2018
Lingue e stage all'estero - 20 anni di scambi linguistici. Partecipa al concorso.
22.01.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, dicembre 2017
11.01.2018
Prova delle Sirene 2018
10.01.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta del 22 gennaio 2018.

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Kosovo:
si festeggiano
i 10 anni
d'indipendenza

Messico:
la terra trema
e le paure
riaffiorano