Il film cinese su un malato d'Alzheimer vince il Pardo d'oro
Immagini articolo
Ma resta la domanda
se è cinema o dolore
MARIAROSA MANCUSO


È uno scherzo. Non può essere vero. Non possono essere la decisioni di una giuria capitanata da Olivier Assayas. È vero, prima di passare alla regia faceva il critico ai Cahiers du Cinema, e ha un debole per il cinema asiatico. Ma poi ha girato per Canal  la miniserie sul terrorista Carlos detto lo Sciacallo, appassionante e non punitiva per lo spettatore. Un po’ di fiducia in lui l’avevamo. Poca e niente invece nel giurato portoghese Miguel Gomes, che ha girato un film di sei ore ispirato a "Le mille e una notte" dimenticandosi della narratrice Sheherazade.
Non può essere vero. Lo abbiamo pensato - perché in fondo abbiamo il cuore tenero, e non riusciamo a concepire un simile masochismo - davanti al Palmarès del Locarno Festival, edizione del 70°. Non una celebrazione, aveva detto qualche giorno fa il direttore Carlo Chatrian - ma uno sguardo al futuro. Una ripartenza, abbiamo pensato noi, dopo che i film premiati nelle scorse edizioni non hanno esattamente incontrato il gusto del pubblico. Neppure l’interesse dei distributori. Ma i soldi dovranno pur arrivare da qualche parte: in mancanza di spettatori il cinema muore (o si fa assistere, ma allora a cosa servono gli Industry Days?).
Per rimanere nella tradizione, di stretta osservanza cinefila, vince il Pardo d’oro "Mrs Fang" di Wang Bing. Se non lo avete visto non potete capire, proveremo a dare un’idea. Racconta il lento spegnersi di Fang Xiuying, anziana signora cinese con l’Alzheimer. Sotto la coperta variopinta, muove appena gli occhi, è sul suo volto che il regista-artista fissa l’obiettivo. E non lo sposta finché lo spettatore - francamente a disagio - comincia a chiedersi se queste immagini vadano considerate arte (come pretendono di essere) oppure cinema del dolore.
Spiega Cervantes in un racconto che nei concorsi - letterari, ma la regola ben si adatta al cinema - il vincitore del primo premio è solitamente un raccomandato. Il vero meritevole  si aggiudica solo il secondo posto. Non al Locarno Festival, purtroppo. Il Premio Speciale della Giuria va al brasiliano "As Boas Maneiras" di Juliana Rojas, Marco Dutra, registi brasiliani che quando va bene fanno il verso a "Rosemary’s baby" di Roman Polanski (però siamo a San Paolo, via con la lotta di classe e il rapporto servo-padrone). Il Pardo per la miglior regia va a F. J. Ossang per "9 doigts", che comincia come un noir e prosegue su una nave, dove filosofeggiano. Bella la fotografia, si usa dire in questi casi: la trama dovrebbe spiegarcela la giuria.
Si respira un po’ con il premio per la migliore attrice a Isabelle Huppert, per "Madame Hyde" di Serge Bozon. Lei certo non ne aveva bisogno, a casa ne ha già tanti. Era il Festival ad aver bisogno di un titolo che potesse viaggiare per il mondo, e farsi applaudire dagli spettatori, con l’etichetta "Pardo d’oro a Locarno". Candidato ideale: "Lucky" di John Carroll Lynch, costruito attorno novantenne Harry Dean Stanton. L’attore potrebbe vincere l’Oscar, un premio a Locarno avrebbe dimostrato lungimiranza. E amore per il cinema.
13.08.2017


IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
GRANDANGOLO

Sgravi fiscali per tutti
con un taglio del 5%
L'INCHIESTA

L'estate al museo
con 100mila visitatori
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Nelle città turistiche
non si santifica la festa
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Lehman Brothers
e la fine del sogno Usa
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Con il "topo morto"
la lotta tra Cia e Kgb
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
I missili non aiutano
la Siria senza pace
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Perché il sovranismo
costruisce nuovi muri
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
È urgente arrivare
ad un'economia "pulita"
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
19.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, settembre 2018
14.09.2018
Proscioglimento dagli obblighi militari 2018
13.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Statistica delle abitazioni vuote, Ticino, 1° giugno 2018
13.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, agosto 2018
06.09.2018
Documentazione regionale ticinese (DRT) - È il linea il nuovo dossier sul tema “La scuola che verrà”
06.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel secondo trimestre 2018
05.09.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 17 settembre prossimo
31.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Popolazione residente permanente, Ticino, 2017
28.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, luglio e secondo trimestre 2018
28.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, luglio e secondo trimestre 2018

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

"Florence"
declassato
ma vittime
e danni

Città del Messico:
sparatoria
in pieno centro,
morti e feriti