Il deputato Morisoli difende il ritorno della Civica a scuola
"Bisogna riscoprire
le basi identitarie"
STEFANO PIANCA


Ma l’insegnamento della civica c’è sempre stato. Non è una nuova materia!". Sull’incendio divampato attorno al ritorno della Civica a scuola, il presidente di Area Liberale, Sergio Morisoli non soffia. E parla semmai di un necessario ripristino. "Ai miei genitori, ai miei nonni in un modo o nell’altro - ricorda il granconsigliere 53enne - venivano insegnati i meccanismi e il funzionamento del nostro Stato. In seguito, dando forse per scontato che l’assimilazione avveniva anche in altro modo, tale pratica s’è persa nel tempo e oggi è giunto il momento di riscoprirla".
Con quale spirito dovrebbe essere ridisegnato l’apprendimento della Civica?
"Dal mio punto di vista si tratta di un passo necessario per essere coscienti della nostra identità. Si parla di questo concetto in tutti i modi, ma in definitiva si fa molto poco per capire che cosa sia l’identità vera. È infatti troppo facile limitarsi ad esporre le bandiere quando la Nazionale vince. O al Primo d’agosto per dirci ‘noi non siamo gli altri’. Ma bisognerebbe anche capire in cosa differiamo. E perché. La Civica va dunque inserita in un capitolo che è molto più ampio della materia in sé. Quello dell’educazione e di una scuola che riprendano a sviluppare le basi della nostra identità. Basi che non capisco perché dovremmo perdere, oltretutto in un mondo che sempre più è impegnato a riscoprire le proprie".
Ma i contrari sostengono che "civica è tutto", civica è trasversalità. Perché creare artificiosamente un insegnamento nozionistico?
"La Civica è una delle tante materie ed insegnarla così come concordato in commissione scolastica ci sembrava il modo più pragmatico, anche dal punto di vista dei pro e dei contro di un inserimento nella griglia oraria".
L’identità non si raggiunge al termine di un percorso troppo individuale per farne materia? Non la si assorbe in modo omeopatico vivendo in un Paese? Non state ideologizzando l’identità?
"No, direi al contrario. Ciò che avviene attorno a noi, nel nostro vissuto quotidiano, certamente influenza i nostri comportamenti, il nostro modo di pensare, di valutare e giudicare noi stessi e gli altri. Ma quando si vive in un Paese come la Svizzera, basato sulla volontà di stare assieme - perché né geografia, né lingua, né costumi ci porterebbero in questa direzione - bisogna conoscere le regole del convivere come cittadini. E questo è il momento giusto per farlo. Dopodiché il singolo ha una propria individualità e se la gioca come vuole. Qui invece si sta discutendo se riscoprire quello che ci sembrava scontato e invece non è".
Molto criticata è l’impronta nozionistica...
"Certo la civica si può affrontare anche in più discipline. Ma, pragmaticamente, parliamo di reintrodurre l’insegnamento in modo sistematico. È un primo passo, la scuola non può essere la sola istituzione che si mette in moto sull’identità. Il discorso è più educativo che istruttivo. Riguarda il cosa vuol dire essere svizzeri. Cosa significa lavorare da svizzeri nel mondo. Come impegnarsi da svizzeri in politica, nella socialità...".
D’accordo, ma poi c’è un carico di nozioni. O no?
"Ma è come tutte le materie. Anche la matematica ha una parte di nozionismo, ma poi il ragionamento matematico può sfociare nella filosofia. Lo stesso artista prima di dipingere deve imparare a miscelare i colori e lo scultore a conoscere le venature del marmo. È come andare a bottega di democrazia e cittadinanza. Credo che la scuola queste basi le debba dare. Per questo voto sì".

spianca@caffe.ch
17.09.2017


IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

Quando lo Stato
diventa mamma
L'INCHIESTA

Calano i morosi
delle Casse malati
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

L'anziano digitale
stimola la produttività
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Il protezionismo,
retorica della paura
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Mosaici di guerra
dalla postazione Judy
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Lampi di guerra
e fulmini su Trump
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
La razza è un concetto
inventato della politica
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Orchi e melodrammi
non scaldano Cennes
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
L'amore d'antan
nel "Regality show"
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
16.05.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta del 28 maggio 2018.
15.05.2018
Pubblicato un nuovo rapporto sullo sviluppo territoriale: "Nuove geografie della logistica nel Cantone Ticino" [www.ti.ch/ostti]
27.04.2018
Avvio della consultazione del Progetto di risanamento fonico delle strade cantonali e comunali del Bellinzonese e Locarnese-Vallemaggia
27.04.2018
Avvio della consultazione del Progetto di risanamento fonico delle strade cantonali e comunali della Riviera e Valli
25.04.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 7 maggio prossimo
18.04.2018
Pubblicato il nuovo sito tematico "Mobilità ciclabile" della Sezione della mobilità [www.ti.ch/bici]
17.04.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, marzo 2018
10.04.2018
Pubblicato il rendiconto 2017 del Consiglio della magistratura
05.04.2018
Tiro obbligatorio 2018
22.03.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, marzo 2018

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Londra:
il grande giorno
è finalmente
arrivato

L'arduo tentativo
della formazione
del governo
iracheno