Le nuove forme di comunicazione digitale
Una corrente interattiva
di notizie navigabili
EZIO ROCCHI BALBI


Un futuro fatto sempre più di mappe interattive e notizie navigabili, news a colpi di blog, social, motori di ricerca. "E il bello deve ancora venire", come assicura l’esperto di visual journalism David McCandless. Del resto che le notizie del futuro, o meglio, il futuro delle notizie sia pane digitale e dettato dalle intelligenze artificiali è previsione logica anche per Richard Gingras, direttore delle news e dei social di Google. "I cosiddetti ‘big data’ possono dirci molto sulla realtà delle cose e con una precisione che non è mai esistita prima - è l’opinione di Gingras -. Se vengono usati a fini commerciali, perché non adoperarli per raccontare il mondo?".
Ed è un’obiezione non da poco, visto che è sollevata dal "capo" di Google News, forse il "giornale" più grande del mondo visto che ogni settimana offre l’opportunità, a più di un miliardo di visitatori unici, di leggere articoli in 45 lingue diverse, scritti da giornalisti presenti in 72 Paesi. Ma parlare di articoli "scritti" è solo una forma convenzionale. Non è un caso, infatti, che già due anni fa il World Editors Forum abbia nominato il "giornalismo automatizzato" come un nuovo trend delle redazioni. Una tecnologia che è diventata a tutti gli effetti "mainstream", una corrente da seguire. Così l’agenzia Associated Press ha quasi completamente automatizzato le sue news sui risultati aziendali delle imprese e il podcast Planet Money di Npr (che riunisce 900 emittenti radio negli Usa) ha messo in competizione uno dei più esperti reporter dell’emittente con un algoritmo per scrivere una notizia. Test effettuato anche dal New York Times, trasformando il tutto in un quiz e chiedendo ai lettori di indovinare se un particolare articolo fosse stato scritto da un umano o se fosse stato invece generato da un algoritmo.
Ma nessuno degli addetti ai lavori vede i giornali, nella loro tradizionale forma cartacea, nella parte dello sconfitto. "Il vero sconfitto della post-verità è il giornalismo in generale - dice Guido Romeo, docente esperto di data visualization, ospite all’International Journalism Festival -. Non usare questi mezzi oggi è come andare a parlare di politica con un sindaco senza il bilancio davanti".
E tra i nuovi strumenti, che valgono né più né meno di un reportage, c’è anche la visualizzazione delle espressioni facciali. Come la mappa "emozionale" realizzata sui candidati alle presidenziali Usa del 2016 ed elaborata da The Thing, la sezione data journalism del magazine Quartz. "Credo nella nuova tecnologia che rimpiazza la vecchia - dice Sara Slobin, visual editor di The Thing -. Il nostro lavoro è mostrare il lato umano dei big data. Lavorando con i ‘data’ siamo in grado di confrontare in tempo reale le economie globali, così come in politica non analizziamo il singolo Paese quanto quel che succede ai suoi confini, zigzagando per offrire nuove tracce".
Forse dovremo abituarci a nuovi stili di scrittura, a una nuova narrazione, nuove forme di dare la notizia anche se frutto di dati digitali.
17.09.2017


IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

La bestiale estate
del sovranismo
L'INCHIESTA

"La Svizzera annetta
Campione d'Italia"
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Nell'era degli ebook
i libri vanno a ruba
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
L'"altalena" della lira
nella crisi della Turchia
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Mosaici di guerra
dalla postazione Judy
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Lampi di guerra
e fulmini su Trump
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
La razza è un concetto
inventato della politica
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Orchi e melodrammi
non scaldano Cennes
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La dieta dei cittadini
interessa i governanti
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
16.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, luglio 2018
10.08.2018
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da venerdì 10 agosto 2018 alle ore 11.00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
03.08.2018
Pubblicato il nuovo sito tematico dell'Ufficio di Consulenza tecnica e dei lavori sussidiati [www.ti.ch/consulenza-tecnica]
18.07.2018
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, secondo trimestre 2018
18.07.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, giugno 2018
09.07.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da lunedì 9 luglio 2018 alle ore 13.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
28.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Movimento naturale della popolazione, Ticino, 2017
22.06.2018
L'Ufficio di vigilanza sulle commesse pubbliche ha pubblicato la lista delle commesse del Cantone aggiudicate a invito o incarico diretto con importi superiori a fr. 5000.– [www.ti.ch/commesse]
22.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, giugno 2018
15.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, primo trimestre 2018

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Genova:
le esequie
e le polemiche

Austria:
la ministra
si sposa
e invita Putin