Sempre più libri, riviste e giornali in forma elettronica
Immagini articolo
"Io leggo sul tablet,
ho tutto in un touch"
MASSIMO SCHIRA


Il tablet come strumento di lettura è una realtà sempre più radicata accanto alla tradizionale carta. Anche se in Svizzera l’evoluzione si sviluppa in modo un po’ più lento che altrove, le persone che dicono di aver letto almeno un e-book nell’ultimo anno sono già il 15% del totale dei lettori. Una cifra che evolve però molto rapidamente. Basti ad esempio pensare che in Olanda il tasso di "e-bookers" è passato dal 20% nel 2012 al 35% di due anni dopo. In Francia e Germania è già superiore al 20%. Senza dimenticare che, oltre ai libri, sui tablet possono essere consultate molte altre pubblicazioni: riviste specializzate, quotidiani e testi scolastici.
In una società sempre connessa, le opportunità di lettura attraverso il tablet ampliano quasi a dismisura le opportunità per l’utente/lettore. Ne è più che convinto l’esperto di nuove tecnologie Davide Gai, che ha nella "tavoletta magica" un compagno d’avventure ormai da anni. "Vivo una vita ‘paperless’, senza carta - afferma Gai -. Leggo tutto su tablet ed evito di acquistare i libri di carta. Sono spesso all’estero, quindi anche la questione della reperibilità dei libri tradizionali ha spinto questa mia scelta. Ma non solo, perché lo faccio anche con un certo spirito ecologico, per evitare gli sprechi di carta che, oggi, grazie alla tecnologia mi sembrano davvero inutili".
Accanto alla lettura per "scopi privati", ossia per il semplice piacere di godersi un libro, cresce molto anche il numero di professionisti che utilizzano il tablet come strumento per consultare i testi specializzati. "Il mio utilizzo del tablet per leggere lo definirei pragmatico - osserva Alessandro Trivillini, responsabile del Dipartimento tecnologie innovative alla Supsi -. La maggior parte delle pubblicazioni scientifiche oggi sono online, anche rinunciando all’edizione cartacea. A questo va aggiunta la maggiore reperibilità di alcuni titoli e la velocità di accesso alle riviste. Per me è uno strumento di lavoro fondamentale in questo senso. Al contrario, invece, non riuscirei a leggere ‘Il nome della rosa’ sul tablet. Continuo ad amare molto il côté romantico della lettura tradizionale".
Secondo Gai, anche nelle scuole si dovrebbe maggiormente pensare ad un adattamento tecnologico dal libro al tablet. "È una buona strada da seguire - osserva -. Anche se, forse, dovendo studiare su tablet, la vista potrebbe soffrirne". L’evoluzione tecnologica sta però trasformando anche il modo di leggere. Nel senso che il tablet può diventare uno strumento che stimola e asseconda gli interessi personali del lettore. "Si parla in questi casi dell’approccio collaborativo degli apparecchi - conferma Trivillini -. Ad esempio, impostando i filtri di google, il tablet mi informa quando vengono pubblicati articoli che mi interessano. Allo stesso modo, posso informarmi attraverso le applicazioni che aggregano le informazioni. Sul mio tablet, comunque, le ‘App’ per leggere i principali quotidiani ci sono tutte".

m.s.
01.10.2017


IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

La bestiale estate
del sovranismo
L'INCHIESTA

"La Svizzera annetta
Campione d'Italia"
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Nell'era degli ebook
i libri vanno a ruba
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
L'"altalena" della lira
nella crisi della Turchia
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Mosaici di guerra
dalla postazione Judy
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Lampi di guerra
e fulmini su Trump
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
La razza è un concetto
inventato della politica
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Orchi e melodrammi
non scaldano Cennes
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La dieta dei cittadini
interessa i governanti
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
16.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, luglio 2018
10.08.2018
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da venerdì 10 agosto 2018 alle ore 11.00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
03.08.2018
Pubblicato il nuovo sito tematico dell'Ufficio di Consulenza tecnica e dei lavori sussidiati [www.ti.ch/consulenza-tecnica]
18.07.2018
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, secondo trimestre 2018
18.07.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, giugno 2018
09.07.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da lunedì 9 luglio 2018 alle ore 13.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
28.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Movimento naturale della popolazione, Ticino, 2017
22.06.2018
L'Ufficio di vigilanza sulle commesse pubbliche ha pubblicato la lista delle commesse del Cantone aggiudicate a invito o incarico diretto con importi superiori a fr. 5000.– [www.ti.ch/commesse]
22.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, giugno 2018
15.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, primo trimestre 2018

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Genova:
le esequie
e le polemiche

Austria:
la ministra
si sposa
e invita Putin