Uno storico e un docente di letteratura sull'antisemitismo
Immagini articolo
"L'Olocausto fa capire
il valore della libertà"
MAURO SPIGNESI


Se leggo la frase scritta da Jonas Fricker, mi viene da chiedermi se la sua sia ignoranza o consapevole provocazione. Io spero, visto che si tratta di un uomo delle istituzioni, che sia una provocazione. Perché chi ignora certi passaggi storici, così drammatici, è doppiamente colpevole", spiega il professor Renato Martinoni, professore ordinario di Letteratura italiana all’Università di San Gallo. Secondo Martinoni, tuttavia, oggi più che mai va cambiato l’approccio a certe tragedie, come la Shoah. "Perché - aggiunge il docente - vanno lette non soltanto con la lente della storia, ma anche con quella della letteratura e della filosofia. Per esempio prendendo come pretesto i lager, che sono stati una realtà tragica, ma anche una menzogna perché tanti Paesi, a cominciare dall’Italia, negavano la loro esistenza". Un discorso, questo di Martinoni, che porta ad affrontare altri importanti temi. "Come quello - spiega - attorno alla cittadinanza e alla negazione della libertà dell’uomo, dei diritti universali. Insomma, io sono per una storia che serva a capire e insieme a far riflettere".
Purtroppo oggi si tende a banalizzare tutto. Anche i grandi drammi collettivi. "Io penso che al di là della civica - spiega lo storico Maurizio Binaghi - si debbano sottolineare e andare a studiare con attenzione aspetti importanti della storia moderna che spesso i nostri giovani non conoscono. Serve una presa di coscienza per non dimenticare". In Ticino l’Associazione degli insegnanti di storia, presieduta proprio da Binaghi, ogni anno organizza un evento sul dramma dell’Olocausto e sulla vicenda di milioni e milioni di ebrei perseguitati. Per mantenere viva la memoria ha deciso, di pubblicare e tradurre il volume dello storico romando Pietro Boschetti "La Svizzera e la Seconda guerra mondiale nel rapporto Bergier", uscito all’inizio dell’anno. Un saggio che costringe tutti a guardare dentro se stessi e dentro la coscienza collettiva. "Ma soprattutto - aggiunge Binaghi  - a capire un pezzo importante della nostra storia recente".
Ma il caso di Jonas Fricker, così come quello dell’albergatrice di Arosa, restano comunque segnali preoccupanti. "Che vanno letti - spiega Renato Martinoni - in un quadro più vasto di un decadimento generale. Basta dire che in Italia un potenziale premier come Luigi Di Maio confonde il Cile con il Venezuela".

m.sp.
08.10.2017


Articoli Correlati
IL DOSSIER


I fatti e le opinioni
sulle vicende S.Anna
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

Se l'assistenza
è a lungo termine
L'INCHIESTA

Un "aiuto domiciliare"
diventato carissimo
L'IMMAGINE

Una settimana
un’immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Lei un invalida?
Ma è sui social!
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
I "Paradise Papers",
un furto di ricchezza
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nella base americana
"Pronti, qui in Corea"
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Propaganda e verità
sono sempre in guerra
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Il secessionismo
scuote l'Europa
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Il colore "pervinca"
emblema di artificio
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
24.11.2017
Caccia tardo autunnale: evoluzione delle catture al 24.11.2017 [www.ti.ch/caccia]
16.11.2017
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, ottobre 2017
15.11.2017
Istituto della formazione continua - Pubblicato il nuovo programma gennaio-giugno 2018 dei corsi base per formatori di apprendisti
15.11.2017
Comunicazione di prassi cantonale concernente le deduzioni di spese professionali particolari degli espatriati domiciliati nel Canton Ticino
08.11.2017
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da mercoledì 8 novembre 2017 alle ore 10.00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
07.11.2017
I dati del censimento annuale dei rifiuti sono ora consultabili in modo interattivo anche sul portale dell'Osservatorio Ambientale della Svizzera Italiana [www.ti.ch/oasi]
30.10.2017
Pubblicato nuovo formulario per la compilazione elettronica della dichiarazione dei redditi 2017 dei Patriziati, con la funzione di somma automatica
24.10.2017
Aggiornato il sito tematico del Parco del Piano di Magadino [www.ti.ch/ppdm]
19.10.2017
Pubblicati i dati del traffico sulla rete stradale in Ticino nel 2016 [www.ti.ch/conteggi]
19.10.2017
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, settembre 2017

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio




I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Parigi:
Hariri annuncia
il ritorno
a Beirut

Zimbabwe:
corteo
contro
Mugabe