L'analisi di Marino Niola sui gruppi islamici
Immagini articolo
Una risposta sbagliata
ad un problema reale
MARINO NIOLA, ANTROPOLOGO


Mettere al bando i movimenti islamisti-salafiti. È una risposta sbagliata a un problema reale, sentito e trasversale come la paura degli stranieri. Che porta, nell’ansia di trovare il bandolo di una matassa sfuggente, ad attribuire una causa unica a fenomeni come l’insicurezza contemporanea, che di cause ne ha mille e non tutte riconoscibili. È indubbio che la minaccia jihadista favorisce questa deriva securitaria e oltretutto fa dell’islamismo la sintesi di tutte le nostre paure. E la bandiera di chi vuole farci paura.
In questo senso, dire che tutte le moschee sono luoghi d’incubazione dell’ideologia e della pratica jihadiste sarebbe un errore. Ma affermare che il terrorismo non passi in nessun modo attraverso le moschee sarebbe un errore altrettanto grave. Occorre tenersi lontani dal colpevolismo come dal negazionismo. L’uno e l’altro hanno l’effetto di alzare un polverone che rende difficile individuare le singole responsabilità. Anche perché entrambi guardano il fenomeno attraverso una lente ideologica che orienta la visione e, di conseguenza, la ricerca delle soluzioni praticabili. Ha ragione Loretta Napoleoni a dire "meglio integrati che segregati". Proprio per questo però è necessario perfezionare strumenti per distinguere segregazione da autosegregazione. Marginalizzazione delle comunità islamiche da autoreclusione in ghetti identitari.  Ecco perché la soluzione non può essere certo la chiusura delle moschee, che produrrebbe una reductio ad Islam di tutti i migranti, credenti e non credenti, osservanti o tiepidi, facendo della religione la sola materia prima dell’identità sociale e individuale. Che invece è un edificio complesso, fatto di tanti mattoni di peso, natura e durezza diversi. Intanto non esiste una cultura islamica intesa come totalità, compatta e monolitica, sempre e ovunque eguale a se stessa. Esistono invece i singoli popoli e Paesi con la loro particolare composizione storica e sociale. E ciascuno ha il suo Islam. Non automaticamente coincidente con l’ideologia jihadista che in Europa diventa fa spesso da collettore di un dissenso giovanile di seconde generazioni che forse in altri momenti avrebbe trovato altri simboli unificanti. Non necessariamente religiosi.
Detto questo, è altrettanto necessario difendere le regole che le democrazie occidentali si sono date. E che non sono trattabili, in nome di nessun relativismo culturale.  In uno stesso Paese non possono vigere più sistemi di norme. La legge è una e una sola. Su questi, ed altri punti, non sono possibili concessioni in nome del rispetto di differenze che appaiono inconciliabili con quanto l’Occidente ha di più sacro: la certezza dei diritti e la separazione tra la sfera religiosa e quella politica, tra l’interiorità che appartiene inviolabilmente a ciascun individuo e le condotte sociali che sono determinate dall’ordinamento giuridico. E queste regole non possono arrestarsi alle porte delle moschee. La cui apertura, come quella dei centri di predicazione, deve essere sottoposta a condizioni etiche e linguistiche rigorose. Per esempio imponendo di predicare nella lingua del Paese o del Cantone accogliente. Da norme di questo genere la maggioranza dei musulmani di buona volontà non ha nulla da temere. E sarebbe un modo per distinguersi da chi invece contrabbanda il terrore dietro la maschera della religione.
15.10.2017


IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
GRANDANGOLO

Sgravi fiscali per tutti
con un taglio del 5%
L'INCHIESTA

L'estate al museo
con 100mila visitatori
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Nelle città turistiche
non si santifica la festa
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Lehman Brothers
e la fine del sogno Usa
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
I missili non aiutano
la Siria senza pace
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Con il "topo morto"
la lotta tra Cia e Kgb
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Perché il sovranismo
costruisce nuovi muri
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
È urgente arrivare
ad un'economia "pulita"
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
14.09.2018
Proscioglimento dagli obblighi militari 2018
13.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Statistica delle abitazioni vuote, Ticino, 1° giugno 2018
13.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, agosto 2018
06.09.2018
Documentazione regionale ticinese (DRT) - È il linea il nuovo dossier sul tema “La scuola che verrà”
06.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel secondo trimestre 2018
05.09.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 17 settembre prossimo
31.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Popolazione residente permanente, Ticino, 2017
28.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, luglio e secondo trimestre 2018
28.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, luglio e secondo trimestre 2018
24.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, secondo trimestre 2018

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

"Florence"
declassato
ma vittime
e danni

Città del Messico:
sparatoria
in pieno centro,
morti e feriti