Chi vuole mettere al bando gli islamisti e chi cerca dialogo
Terrorismi ideologici
e terrorismi religiosi
STEFANO PIANCA


Il sasso lanciato dalla petizione che vuole bandire i gruppi salafiti in Svizzera ha sollevato onde più alte dei "quattro gatti", solo 1492 persone in tutta la Svizzera, che l’hanno firmata. Ma se gli incendi si propagano da una scintilla è giusto parlarne, dibatterne pubblicamente, anche perché così si usa in democrazia. Tanto più in un cantone dove oggi si discute anche di vietare la distribuzione pubblica di un libro, il Corano, che fino a prova contraria si può (ancora) acquistare il libreria o prendere a prestito in biblioteca. Ma anche questi sono segnali di un clima di paura e di diffidenza crescenti.  
Dopo aver raccolto sull’ultimo numero le opinioni decisamente critiche e negative di due esperti di terrorismo, i giornalisti Loretta Napoleoni e Guido Olimpio, il Caffè questa settimana ha chiesto il parere di un sociologo e di un antropologo. E, pur con sfumature e approcci diversi al tema, entrambi bocciano l’idea del bando che, in Ticino, ha tra i suoi sostenitori Giorgio Ghiringhelli, il padre dell’iniziativa anti-burqa. Il rischio per Sandro Cattacin, professore di sociologia all’università di Ginevra, è di un pericoloso ritorno al passato. Non quello prossimo, ma addirittura quello remoto delle lotte religiose in Svizzera. Lo studioso cita gli articoli costituzionali che oggi tutelano le libertà di opinione e di credo, e sono anche il fondamento del convivere civile. Ma al di là di questo, un eventuale interdizione, argomenta il sociologo, rischia solo di incancrenire il problema, perché "combattere fisicamente o proibire dunque un’opinione o un’ideologia le radicalizza". Non è un discorso astratto o filosofico, puntualizza Cattacin, ma "mera esperienza" di tante democrazie, Svizzera compresa.
Quanto sta accadendo nasce da spinte reciproche sostiene invece Marino Niola, professore di antropologia: "È indubbio che la minaccia jihadista favorisce questa deriva securitaria e oltretutto fa dell’islamismo la sintesi di tutte le nostre paure". Ma la soluzione proposta è un errore perché, spiega Niola, "mettere al bando i movimenti islamisti-salafiti è una risposta sbagliata a un problema reale, sentito e trasversale come la paura degli stranieri". E parallelamente l’antropologo invita a tenersi lontati sia dal colpevolismo sia dal negazionismo. Il che non significa, secondo Niola, immergersi in una broda d’indistinto relativismo culturale. "È necessario difendere le regole che le democrazie occidentali si sono date. E che non sono trattabili". Così la legge, che in un Paese è una. Come pure la separazione tra sfera religiosa e politica.

(2 - continua)
15.10.2017


IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

Lampi di guerra
e fulmini su Trump
L'INCHIESTA

Viviamo circondati
da 8mila videocamere
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Dalle buche di Roma
a quelle di Bellinzona
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Ecco come l'Occidente
scoprì la globalizzazione
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Mosaici di guerra
dalla postazione Judy
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Lampi di guerra
e fulmini su Trump
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
La razza è un concetto
inventato della politica
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Alienati per il lavoro?
La cucina è l'antidoto
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
18.04.2018
Pubblicato il nuovo sito tematico "Mobilità ciclabile" della Sezione della mobilità [www.ti.ch/bici]
17.04.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, marzo 2018
10.04.2018
Pubblicato il rendiconto 2017 del Consiglio della magistratura
05.04.2018
Tiro obbligatorio 2018
28.03.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 9 aprile prossimo
22.03.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, marzo 2018
21.03.2018
L'Ufficio dei beni culturali (UBC) ospite della trasmissione RSI "Finestra popolare" per una serie di incontri dedicati al patrimonio culturale del Cantone Ticino.
21.03.2018
Aperte le iscrizioni all'evento "Un’altra opportunità è d’obbligo - La nuova procedura di annuncio dei posti vacanti" promosso dal Servizio aziende URC della Divisione dell’economia del DFE.
16.03.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, febbraio 2018
12.03.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere Ticino, gennaio 2018 e quarto trimestre 2017

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Siria:
ispettori Opac
entrano
a Douma

Nicaragua:
almeno 10 morti
per le proteste
sulle pensioni