L'analisi di Sandro Cattacin sui gruppi islamici
Immagini articolo
Proibire un'ideologia
serve a radicalizzarla
SANDRO CATTACIN, SOCIOLOGO


La costituzione svizzera prevede la libertà d’esprimere un’opinione e la libertà di scegliere il proprio credo e di professarlo. Sono gli articoli 15 e 16 che garantiscono queste libertà. Sono articoli basati sull’esperienza secolare di guerre ideologiche e di religione che hanno permesso di sostituire il conflitto con la cooperazione. Senza questi articoli che ci obbligano, per convivere, a trovare al minimo un modus vivendi, al massimo un accordo su orientamenti comuni che guidano il nostro Paese, saremmo sempre in guerra, perché le ideologie e le religioni non sono opinabili, basate su degli argomenti, ma come indicano le definizioni di questi due termini, pretendono una verità assoluta.
Combattere fisicamente o proibire dunque un’opinione o un’ideologia le radicalizza. Questa non è filosofia, ma mera esperienza di tante democrazie, ed anche del Ticino che cacciò, nel ‘500, i protestanti dal suo territorio, e della Svizzera che visse la sua ultima guerra religiosa nel 1847 - una guerra che portò alla nascita della Svizzera moderna e democratica garante della libertà religiosa per evitare altri scontri violenti.
I tentativi di proibire il costituirsi di organizzazioni contrarie od opposte al sentire comune continuarono, anche dopo il 1848, ad essere presenti nella politica del paese. Per esempio, durante la seconda guerra mondiale, fu proibito e dissolto il partito comunista in Svizzera – che fece ricorso al Tribunale federale. Il ricorso portò ad un chiarimento della decisione. Il Tribunale sottolineò che era legittimo proibire un partito che stava preparando una rivoluzione violenta, non però la diffusione degli ideali comunisti, anche se non condivisi.
La stessa logica, questa volta applicata dal Consiglio federale, si trova nella recente risposta alla mozione di un consigliere nazionale dell’Udc che chiedeva di proibire un’organizzazione vicino al salafismo che distribuiva il corano in diverse città svizzere – l’organizzazione "Lies". Se si riesce a dimostrare l’esistenza di un’attività sovversiva, argomentò il Consiglio federale, si può proibire un’organizzazione – come l’ha fatto con Al Qaeda e lo Stato islamico, proibiti in Svizzera in quanto organizzazioni terroristiche. Distribuire il corano, invece, è garantito dalla Costituzione e fa parte di quei diritti intoccabili che garantiscono la convivenza democratica.
I limiti del pluralismo ideologico o religioso sono determinati dalla violenza reale che un gruppo organizzato esprime. E questa deve essere dimostrabile, altrimenti il semplice augurare del male ai sostenitori di un’altra squadra sarebbe reato e porterebbe all’interdizione di tutti i gruppi di tifosi organizzati.
Pensando questa prospettiva fino in fondo dovremmo persino sostenere la presenza pubblica di opinioni, ideologie e religioni. In questo modo potremo confrontarci con un pensiero diverso e argomentare contro posizioni intolleranti o espressioni non democratiche come si trovano in tutte le religioni. Solo con il confronto pubblico – e non proibendo un pensiero diverso – possiamo anche imparare a distinguere il bene pubblico dal privato, magari anche ad accettare che ci siano persone che la pensano diversamente, fino a quando questo pensiero non voglia essere imposto con la violenza.  La democrazia è uno strumento che vive di questo confronto che non può avere luogo senza garantire la libertà d’espressione e di credo. Da lì l’importanza di questo diritto fondamentale. Se lo togliamo, possiamo togliere anche la democrazia.
15.10.2017


LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
GRANDANGOLO

Gli ospedali diventano
cliniche specializzate
L'INCHIESTA

Il successo di Airbnb
infastidisce gli hotel
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Niente video porno
tra i caffè americani
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
I giganti del mercato
condizionano gli Stati
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
La Libia aspetta
lo scontro finale
Guido Olimpio
Guido Olimpio
La silente resistenza
del Califfato islamico
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Perché il sovranismo
costruisce nuovi muri
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
09.12.2018
Nuovo orario 2019 per i mezzi di trasporto pubblico in Ticino [www.ti.ch/trasporti]
07.12.2018
Concorsi scolastici 2019/2020 - è aperto il concorso per la nomina e l'incarico di docenti e operatori
06.12.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, ottobre 2018
05.12.2018
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel terzo trimestre 2018
05.12.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, ottobre 2018
05.12.2018
Aggiornati i dati su consumo e produzione di energia in Ticino consultabili nel portale dell'Osservatorio ambientale della Svizzera Italiana [www.ti.ch/oasi]
30.11.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, ottobre 2018
29.11.2018
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, terzo trimestre 2018
28.11.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta del 10 dicembre 2018.
26.11.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, ottobre 2018

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

La Cina
rilancia
la "Corsa
alla Luna"

Strage
di Corinaldo:
la discoteca
era sovraffollata