Scuole e giovani rispolverano il "vernacolo" delle radici
Immagini articolo
Il dialetto si riscopre
come lingua popolare
MASSIMO SCHIRA E MAURO SPIGNESI


A partire dagli anni Sessanta, il "requiem" per il dialetto ticinese è stato cantato in continuazione. Eppure il dialetto continua a… parlare. E a far parlare i ticinesi. Se le statistiche confermano una progressiva diminuzione dell’utilizzo del "vernacolo" nelle conversazioni e nei pensieri - oggi il dialetto viene parlato dal 31% della popolazione, era il 36,7% nel 2000 - si assiste anche ad una certa inversione di rotta. Guidata soprattutto dalle giovani generazioni, che riscoprono la lingua dei loro nonni come simbolo di appartenenza. Di idioma delle radici. E anche nelle scuole, come succede a Lugano, si torna a proporre un corso facoltativo di lingua e cultura dialettale.
"Insegnare nelle scuole il dialetto come una lingua, come l’italiano o il tedesco o il francese, secondo me non ha alcun senso", obietta Renato Martinoni, professore ordinario di Letteratura italiana all’Università di San Gallo, scrittore e traduttore. "Se poi - aggiunge il docente - si vogliono studiare i diversi aspetti del dialetto, se si vuole leggere il dialetto come patrimonio culturale sono d’accordo". Renato Martinoni, tra l’altro, è uno dei responsabili della rivista internazionale "Letteratura e dialetti". "Io - aggiunge - sono uno studioso del dialetto, lo ritengo una espressione popolare importante ma insegnarlo a scuola è una sciocchezza".
A livello scolastico, a rilanciare le quotazioni del dialetto è stata addirittura Lugano. Proprio la città ticinese dove l’idioma della tradizione ha perso più rapidamente e più massicciamente il proprio peso nel corso degli anni. Oggi, in riva al Ceresio solo il 23% della popolazione usa il "vernacolo", fatto che non ha impedito al giovane consigliere comunale leghista Nicholas Marioli di far accettare a larghissima maggioranza al legilativo cittadino una mozione per introdurre corsi facoltativi di dialetto nelle scuole elementari, sia come strumento di scoperta (e riscoperta) linguistica e culturale, sia come metodo per stimolare una maggiore e migliore integrazione degli stranieri nel tessuto sociale del cantone.
La riscoperta del dialetto da parte delle giovani generazioni, per certi versi in modo sorprendente, passa anche attraverso i più moderni strumenti di comunicazione: le chat online e i social network. Dove la lingua della tradizione sta assumendo una funzione ludica, che le permette però di entrare in una nuova dimensione. Una differenza sostanziale rispetto a quanto accadeva negli anni Sessanta e Settanta, quando il dialetto veniva spesso "bandito" dai genitori in favore del più "spendibile" italiano. Sempre restando alle giovani generazioni, è interessante notare come anche la musica stia seguendo questa tendenza. A gruppi pionieri del rock dialettale come la storica "Scarp da tennis band" hanno fatto seguito negli ultimi anni altre formazioni in grado di appassionare… in dialetto i teenager (e non solo). Dai Vomitors ai Vad Vuc, passando per i più recenti Piace, per non citare che i nomi più noti nel panorama musicale cantonale.
Dal punto di vista televisivo e radiofonico, dopo l’epoca "d’oro" delle commedie dialettali, della "Domenica popolare", del "Cabaret della Svizzera italiana" e delle "sit com" in vernacolo, si punta oggi maggiormente su trasmissioni mirate, alla riscoperta di luoghi e tradizioni in cui l’idioma tipico delle varie regioni è messo in primo piano. La tradizione teatrale in dialetto viene invece portata avanti dalle filodrammatiche e compagnie presenti sul territorio. Sempre molto seguite dal pubblico e capaci di attirare anche un buon numero di giovani attori.

m.s.
29.10.2017


IL DOSSIER


I fatti e le opinioni
sulle vicende S.Anna
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

Troppa canapa light
e il mercato è saturo
L'INCHIESTA

Se lavori oltre i 65
rendite più ricche
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Dagli esodati
ai pensionati d'oro
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Una tregua "olimpica"
riunisce le due Coree
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nella base americana
"Pronti, qui in Corea"
Guido Olimpio
Guido Olimpio
La folle corsa nucleare
non è solo propaganda
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
La razza è un concetto
inventato della politica
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La tendenza a esagere
...ereditata dai greci
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
15.02.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, gennaio 2018
12.02.2018
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, quarto trimestre 2017
12.02.2018
Documentazione regionale ticinese (DRT) - È in linea il nuovo dossier concernente la protezione dell'ambiente in Ticino
08.02.2018
La Segreteria del Gran Consiglio ha pubblicato la lista delle presenze dei Deputati alle sedute della legislatura in corso
07.02.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 19 febbraio prossimo
01.02.2018
Aggiornato il formulario della domanda di costruzione (versione 01.2018) [www.ti.ch/edilizia]
31.01.2018
Lingue e stage all'estero - 20 anni di scambi linguistici. Partecipa al concorso.
22.01.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, dicembre 2017
11.01.2018
Prova delle Sirene 2018
10.01.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta del 22 gennaio 2018.

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Kosovo:
si festeggiano
i 10 anni
d'indipendenza

Messico:
la terra trema
e le paure
riaffiorano