Volti e voci raccolte a Mosca a cent'anni dalla Rivoluzione
Ecco i nuovi russi
"attorno" a Marx
MICHELA D'ALESSANDRO DA MOSCA


Il 7 novembre 2017 poteva sembrare un giorno come tanti altri in Russia, se non fosse per  la storia che tutti faticano a dimenticare. Nella notte tra il 6 e il 7 novembre del 1917 - 24 e 25 ottobre secondo il calendario giuliano - un avvenimento cambiò il futuro della Russia, insieme a quello del mondo. Il 7 novembre 2017, a 100 anni dalla presa del Palazzo d’Inverno di San Pietroburgo, tra polemiche e silenzi del Cremlino, in migliaia si sono radunati nel centro di Mosca per celebrare i bolscevichi e il suo leader indiscusso, Lenin. La grande manifestazione dei comunisti ha ricordato quella data che ha segnato il crollo dell’impero russo e la nascita della Repubblica sovietica.
"La nostra patria è l’Unione Sovietica", recitava uno dei tanti slogan della piazza, insieme a quelli contro il capitalismo, considerato il colpevole di aver cambiato la Russia. Nella Russia odierna il capitalismo non è però il solo problema con cui fare i conti, le voci contrastanti si pestano l’un l’altra, tra chi vive nel rimpianto di quegli anni e chi considera la rivoluzione come un lontano evento da dimenticare. E le facce fiere che nel pomeriggio del 7 novembre hanno marciato da Piazza Pushkin alla statua di Karl Marx in centro a Mosca, non sono l’unico volto della Russia.
I libri di storia russi fanno ancora fatica a raccontare quegli anni, eppure il portavoce di Vladimir Putin aveva da tempo sentenziato che non ci sarebbe stato nulla da festeggiare. Piuttosto cambiare data e nome a quella festa che da anni pesava troppo al  Cremlino, dal 7 al 4 novembre, è dal 2005 che la Russia festeggia il "Giorno dell’unità nazionale" per commemorare la cacciata dei polacchi da Mosca del 1612. E mentre l’Occidente ha cercato invano di interpretare le mosse del presidente Vladimir Putin, la Russia si è mostrata ancora una volta divisa a metà, quasi impaurita di una commemorazione e fragile come cento anni fa.
19.11.2017


Articoli Correlati
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
GRANDANGOLO

Aeroporti e piste da sci
che "succhiano" soldi
L'INCHIESTA

La nuova vita delle auto
tra l'Africa e i Balcani
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonell

Oltre mezzo milione
in abiti, scarpe e viaggi
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Ci salverà solamente
un modello sostenibile
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
La Libia aspetta
lo scontro finale
Guido Olimpio
Guido Olimpio
L'Ok Corral innesca
la faida dei marsigliesi
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Perché il sovranismo
costruisce nuovi muri
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
23.10.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all’aperto (RLCFo/RaLLI) in vigore in Ticino e Moesano dal 26 settembre e in Val Poschiavo dal 16 ottobre 2018, viene da oggi esteso anche alla Val Bregaglia
22.10.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, settembre 2018
16.10.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) in vigore in Ticino e Moesano dal 26 settembre 2018, viene da oggi esteso anche alla Val Poschiavo
11.10.2018
Pubblicati i dati di funzionamento degli impianti di depurazione in Ticino [www.ti.ch/oasi]
04.10.2018
Avvio della consultazione del Progetto di risanamento fonico delle strade cantonali e comunali del Luganese [www.ti.ch/rumore]
03.10.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 15 ottobre prossimo
26.09.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da mercoledì 26 settembre 2018 alle ore 10.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
19.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, settembre 2018
14.09.2018
Proscioglimento dagli obblighi militari 2018
13.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Statistica delle abitazioni vuote, Ticino, 1° giugno 2018

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Kashoggi:
Erdogan "Faremo
luce su quanto
accaduto"

Brexit:
oltre 500'000
a Londra
per 2° referendum