Facoltà di Teologia e Usi in un progetto sui manoscritti
Immagini articolo
I "rotoli" di Qumran
(ri)letti da Lugano
GIUSEPPE ZOIS


Nella storia di Qumran si intrecciano vicende, curiosità e interessi di popoli e culture differenti: israeliani e giordani per la territorialità, francesi e svizzeri per il fronte della ricerca e diverse altre nazionalità accomunate dalla volontà di conoscere ciò che quei 950 rotoli di manoscritti contengono. E proprio la Svizzera italiana, sotto il coordinamento di un professore della Facoltà di Teologia di Lugano, Marcello Fidanzio, si sta ritagliando un posto e un ruolo importanti per gli studi del sito a ridosso del Mar Morto. È stato infatti questo docente a curare il primo convegno internazionale sulle grotte di Qumran (Lugano 2014), ricevendo poi l’incarico di dirigere la pubblicazione finale degli scavi nelle grotte con l’École Biblique di Gerusalemme. Studioso di rapporti tra Bibbia e archeologia, Fidanzio racconta al Caffè gli scavi di Qumran.
Fino al 1947 la nostra Bibbia - la più completa e antica che abbiamo è datata 1008-1009 - faceva riferimento a codici medievali. La svolta c’è con il ritrovamento dei 950 rotoli manoscritti, dentro grotte nel deserto di Giuda, intorno alle rovine di un antico insediamento che gli arabi chiamavano Qumran. Il significato è notevole. Spiega Fidanzio: "Si tratta di letteratura religiosa che va dalla metà del terzo secolo a.C. al 68 d.C. Tra questi, 240 rotoli riportano manoscritti biblici. Abbiamo fatto un balzo indietro di oltre mille anni e ora conosciamo un frammento basilare del periodo che gli ebrei chiamano la fine del secondo Tempio, quello cioè di Gesù e delle origini della Chiesa".
Dice Fidanzio: "Se la prima generazione di studiosi si chiedeva cosa ci fosse letteralmente scritto in quei rotoli, quella successiva opera su un piano più maturo di consapevolezza".
Per il docente e ricercatore della Facoltà luganese "a Qumran abbiamo una situazione difficile perché molta parte dei materiali archeologici è ancora inedita. Essa è sotto la responsabilità di chi ha realizzato gli scavi, vale a dire gli studiosi dell’École biblique, di cui Roland De Vaux, archeologo di Qumran negli anni Cinquanta del secolo scorso, era il direttore. Finché i materiali non verranno pubblicati, da una parte ci sarà il naturale desiderio degli studiosi di conoscerne la natura e dall’altra si speculerà sul modo con cui De Vaux ha proceduto: cosa ha visto e cosa avrebbe trascurato...".
Se in generale lo studio dei rapporti tra Bibbia e archeologia ha spesso sollevato interrogativi nel credente, a Qumran, secondo Fidanzio "abbiamo la possibilità di accostare l’ultimo tratto nel processo di formazione dei testi biblici. Questo impone un’apertura di orizzonte che ci costringe a descrivere meglio la Scrittura e la sua formazione".
La storia di Qumran si intreccia anche a doppio filo con le tappe del conflitto mediorientale. È lo stesso docente-ricercatore a ripercorrere questi 71 anni: "Alla fine del 1947 i primi rotoli furono acquistati dagli ebrei sul mercato antiquario. Ma all’indomani della guerra del 1948, Qumran era in territorio giordano, pertanto tutte le grandi scoperte e gli scavi furono gestiti dalla Giordania con la collaborazione della École biblique francese. Nel 1956 ci fu la crisi di Suez: l’ondata del nazionalismo arabo portò all’allontanamento del britannico Gerald L. Harding - che dirigeva le antichità giordane - e alla fine di una collaborazione primaria per gli scavi. Con la guerra dei Sei Giorni nel 1967 i laboratori di Gerusalemme Est - dove si trovavano i manoscritti e i materiali archeologici - finirono sotto il controllo israeliano. Diversi studiosi, membri dell’équipe per la pubblicazione dei manoscritti, per reazione non fecero più ritorno a Gerusalemme. La storia lascia i suoi segni e oggi la ricerca si gioca per forza di cose tra interlocutori diversi. Da una parte ci sono la scuola francese che porta avanti i lavori di De Vaux; poi gli israeliani che, in qualità di autorità occupante, hanno tutto l’interesse a conoscere questi testi come patrimonio del loro popolo; quindi i giordani che rivendicano l’impegno profuso dal loro Stato. E qui si inserisce la Svizzera italiana (Facoltà di Teologia con Usi), guidati da Marcello Fidanzio con l’importanza del fattore neutralità.
21.01.2018


Articoli Correlati
LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

L'ascensore sociale
si è ormai inceppato
L'INCHIESTA

"Il via vai di procuratori
rallenta le inchieste"
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

I talenti non hanno
orientamenti sessuali
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
La crescita dipende
dai rapporti con Trump
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Le famiglie in fuga
dalle paure di Kabul
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Tecniche viet-cong
nei tunnel del Califfato
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
L'Ue messa a dura prova
dall'avanzata sovranista
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Cibo e ambiente
allungano la vita
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, marzo 2019
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, gennaio 2019
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, gennaio 2019
13.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, febbraio 2019
11.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Risultati provvisori della statistica delle transazioni immobiliari, quarto trimestre e anno 2018
11.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, gennaio 2019
07.03.2019
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da giovedì 7 marzo 2019 alle ore 10.00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
27.02.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta dell'11 marzo 2019.
27.02.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, gennaio 2019
27.02.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, gennaio 2019

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Brexit:
Farage lancia
la marcia
pro-Leave

Tirana:
violente proteste
davanti
al Parlamento