A Casa Rusca duecento opere firmate da Mario Botta
Immagini articolo
L'architetto del sacro
che riscopre il silenzio
RUDY CHIAPPINI DIRETTORE SERVIZI CULTURALI LOCARNO


Gli spazi della Pinacoteca comunale Casa Rusca di Locarno ospitano per la prima volta in assoluto, in modo organico, cronologico e completo, tutta l’architettura sacra di Mario Botta.
Una tipologia cara all’architetto ticinese che, in tanti anni di attività, ha avuto diverse occasioni di confrontarsi con la dimensione del sacro, tanto da giungere ad affermare che proprio attraverso gli edifici di culto ha avuto l’impressione di aver individuato le radici profonde dell’architettura stessa.
Il tema del sacro è infatti universale, oltrepassa le confessioni per raggiungere una dimensione spirituale. Nelle sue chiese così come nelle sinagoghe e nelle moschee costruite in tutte le parti del mondo dalla Svizzera alla Francia, dall’Ucraina a Israele alla Cina i concetti di gravità,
La mostra, promossa in occasione dei 75 anni di Mario Botta, presenta tutti i 22 edifici realizzati dall’architetto ticinese sull’arco di oltre di mezzo secolo a iniziare dalla Chiesa di Mogno progettata negli anni Ottanta tra le inevitabili polemiche locali, passando per l’imponente Cattedrale della Resurrezione di Evry, per la Basilica di Namyang in Corea del Sud fino alla suggestiva Mosche di Yinchuan, attualmente in costruzione in Cina.
Tutti i progetti sono documentati da modelli originali in scala, veri e propri gioielli, da schizzi e disegni che illustrano il procedere ideativo de Botta e da suggestive gigantografie che consentono di apprezzare in modo unico e privilegiato significativi dettagli delle sue realizzazioni.
Per l’occasione Botta ha inoltre appositamente ideato nel giardino del museo un sontuoso e quasi sacrale padiglione in legno argentato, prologo alla mostra, che presenta in una straordinaria sequenza tutti i suoi edifici introducendo il visitatore nella spazio della memoria e dello spirito.
Le oltre 200 opere esposte consentono di apprezzare appieno l’affascinante e intimo confronto di Botta con il sacro e di scoprire come la sua architettura viva di silenzi, di profili, di linee accarezzate dalla luce, come trovi solidi riferimenti in forme chiare e rigorose. Il suo processo creativo nasce dalla sintesi tra memoria collettiva e vissuto personale, dal ricupero di temi classici declinati al presente per dare vita a luoghi di culto del contemporaneo.
Lo spazio del sacro emerge con forza come ricerca di immagine identitaria, pur nelle storiche diversità di culto e di storia delle tre religioni monoteiste. La sua non è un’architettura dell’ovvio, dell’ossequio alle convenzioni dell’intrecciarsi di linee concave o convesse. È l’architettura della profondità, dell’introspezione, della radiosità, dell’emozione di chi, in una società secolarizzata come la nostra e pur nelle contraddizioni del vivere quotidiano ambisce a trovare uno spazio di silenzio, di meditazione e di preghiera; di chi, attraverso forme evocative, è alla ricerca di una dimensione spirituale.
25.03.2018


LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
GRANDANGOLO

I matrimoni politici
impossibili (o quasi)
L'INCHIESTA

Il bluff della canapa light
in 5 minuti diventa droga
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Gli affari d'amore
non si fanno in banca
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Trump con i tassi bassi
sogna d'essere Reagan
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
La Libia aspetta
lo scontro finale
Guido Olimpio
Guido Olimpio
La guerra senza confini
dei "mercenari killer"
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Perché il sovranismo
costruisce nuovi muri
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
07.11.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 19 novembre prossimo
26.10.2018
Pubblicati i dati del censimento rifiuti 2017 [www.ti.ch/gestione-rifiuti, www.ti.ch/oasi]
26.10.2018
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da sabato 27 ottobre 2018 alle ore 8:00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
24.10.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta del 5 novembre 2018.
23.10.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all’aperto (RLCFo/RaLLI) in vigore in Ticino e Moesano dal 26 settembre e in Val Poschiavo dal 16 ottobre 2018, viene da oggi esteso anche alla Val Bregaglia
22.10.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, settembre 2018
16.10.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) in vigore in Ticino e Moesano dal 26 settembre 2018, viene da oggi esteso anche alla Val Poschiavo
11.10.2018
Pubblicati i dati di funzionamento degli impianti di depurazione in Ticino [www.ti.ch/oasi]
04.10.2018
Avvio della consultazione del Progetto di risanamento fonico delle strade cantonali e comunali del Luganese [www.ti.ch/rumore]
03.10.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 15 ottobre prossimo

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Atene: scontri
alle celebrazioni
per la Rivolta
del Politecnico

CIA:
il principe saudita
ha fatto uccidere
Khashogggi