function iscriviti() {window.open("http://ads.caffe.ch/ppl/","_blank","width=620,"menubar=no","resizable=no","scrollbars=no")};

Le letture proposte dalle "firme" del Caffè
Immagini articolo
Pagine da ricordare
nove consigli d'autore
PATRIZIA GUENZI


Dai Beatles alla ‘ndrangheta. Dall’amore allo spionaggio. Un ventaglio di letture variegato proposto dalle "firme" del Caffè. Collaboratori, esperti di politica estera, costume, cultura, storia, terrorismo, rapporti sociali... A loro abbiamo chiesto di consigliare un libro a testa.
Perché leggere è fondamentale per comprenderci e comprendere. Per capire noi stessi, le persone e l’attualità. Tutto ciò che leggiamo in qualche modo entrerà a far parte di noi, qualcosa ci resterà dentro e ci aiuterà a crescere, a mettere in discussione punti di vista, opinioni, pensieri, e, perché no, anche a cambiare idea. Non è vero che chi legge tende a rifuggire la realtà. Semmai la vuole comprendere meglio. E per farlo bisogna, anche, prendere in mano un libro come Al cuore dell’impero, suggerito da Roselina Salemi, che descrive la mamma, le sorelle, le mogli e le amanti di Napoleone, l’uomo, all’epoca, più potente d’Europa. Così come è potente, la più potente del mondo, la ‘ndrangheta. Una gigantesca piovra del crimine, ben descritta nel libro Viaggio sulle strade segrete della ‘ndrangheta, consigliato da Guido Olimpio.
Leggere per capire l’attualità, dicevamo. Come Il terremoto dell’Irpinia, proposto da Sandro Cattacin, che ci aiuta anche a rivedere le priorità, proprio come L’economia dell’età della pietra, indicato da Elisabetta Moro, che dimostra come molto più delle cose nella vita conti l’immaginazione e il saper cogliere le opportunità, come invita Marina Cappa suggerendo 14 giorni, una storia d’amore. Buona lettura.


Natascha Fioretti
Giornalista culturale
La storia di un secolo raccontata al femminile
A Natale leggete L’ottava vita (per Brilka) di Nino Haratischwili, scrittrice e drammaturga georgiana che vive ad Amburgo. Ci troverete tutto, la storia del secolo scorso con le sue ideologie e i suoi crimini, la forza d’animo delle donne della famiglia georgiana Jashi che si susseguono per sei generazioni, lo scotto per i sogni che non si avverano, il tocco poetico di una deliziosa ricetta della cioccolata calda, il senso, importante, di tramandare valori e storie di generazione in generazione e la speranza per il futuro.


Roselina Salemi
Giornalista di costume
Ma quanto contavano le donne di Napoleone!
È appena uscito da Marsilio Le donne di Napoleone di Alessandra Necci, un saggio che spiega quanto contavano la madre Letizia, austera matriarca (moltissimo) le sorelle Paolina, Elisa e Carolina (molto) le mogli Giuseppina e Maria Luisa  (un po’ meno) e le amanti (Maria Walewska, Betsy Balcombe) dell’uomo, all’epoca, più potente d’Europa. Vi sorprenderà. Forse aveva ragione Stendhal quando sosteneva che per Napoleone sarebbe stato meglio non avere una famiglia.


Marina Cappa
Giornalista di costume
Per "riveder le stelle" e una storia d’amore
Il 2021sono 700 anni dalla sua morte. Un’occasione per rileggere in apertura d’anno il XXXIV canto dell’Inferno di Dante, guardando a un futuro "luminoso": "...tanto ch’i’vidi de le cose belle che porta ’l ciel... E quindi uscimmo a riveder le stelle".
Per leggere 14 giorni. Una storia d’amore (Ivan Cotroneo e Monica Rametta), basta un’ora prima della mezzanotte. Serve a ricordare il dolore del lockdown, ma anche le impreviste opportunità che i sentimenti possono cogliere.


Sandro Cattacin
Sociologo
I disastrosi terremoti per decifrare l’attualità
Uno storico, un giornalista e un amministratore leggono il terremoto dell’Irpinia e mostrano come le catastrofi sono sfide immense per i territori colpiti, per la gente, per lo Stato. Era il 23 novembre del 1980 quando la terra cominciò a tremare. Il terremoto dell’Irpinia ha segnato un punto di svolta nella gestione delle emergenze e nel perfezionamento delle norme in materia di ricostruzione. Questo evento ci permette anche di capire quello che sta succedendo a noi.


Luigi Bonanate
Docente universitario
Romanzi ricomposti in una sola saga
Gli Stati Uniti cambiano pelle e con l’inizio del ventunesimo secolo quasi tutto è cambiato nella società americana: la trilogia di Dos Passos ha un secolo ed è il libro (tre romanzi ricomposti in una sola e complessiva saga) che, cent’anni dopo essere stato scritto, ci può aprire gli occhi sulla natura di quel Paese.
Una grande interessante opera, la produzione di un grande scrittore, di scarsissima notorietà e pochissimo amato sia dalla critica sia dai lettori. Mille pagine di affascinante lettura!


Marino Niola
Antropologo
Da Beatles a Elvis i racconti di Yoko Ono
Ecco una la leggendaria intervista testamento rilasciata pochi giorni prima della morte (avvenuta la sera dell’8 dicembre 1980 alle 22.51) di John Lennon. Una testimonianza toccante e preziosa che spazia dai Beatles a Elvis, dall’amore alla politica. Tutto quello che avreste voluto sapere sul Lennon pensiero ma anche uno sguardo unico sulle figure di Lennon e Ono, artisti e amanti.Un racconto che parte dal celebre Dakota Building di New York dove i due abitavano.


Guido Olimpio
Giornalista esperto di terrorismo
Il crimine organizzato è ancora in crescita
Traffici, crimine organizzato, una piovra gigantesca reale, che raggiunge ogni angolo. Racconta questo e tanto altro Statale 106. Viaggio sulle strade segrete della ‘ndrangheta. Racconta un fenomeno criminale che dalla Calabria si ramifica attraverso cinque continenti e oltre 40 anni di crimini. Dall’omicidio dell’amministratore delegato delle Ferrovie dello Stato Lodovico Ligato fino a maxioperazioni di riciclaggio a Hong Kong. Un’analisi di un fenomeno aggressivo, in continua evoluzione.


Elisabetta Moro
Antropologa
I popoli senza ruota erano benestanti
Un capolavoro, scritto da uno dei grandi vecchi dell’antropologia internazionale, che apre la mente. Dimostra che i popoli senza ruota, elettricità e internet non erano poveri ma benestanti. Aiuta a capire che l’economia non è solo calcolo ma anche immaginazione. Una ricerca rigorosa (e provocatoria) "che attesta - come dice la presentazione - come l’economia sia una categoria culturale più che comportamentale".  E ci spinge a guardare con ottimismo al nostro futuro.


Franco Zantonelli
Giornalista, opinionista
Il passato che ritorna per l’anziana  spia
John le Carrè ci ha lasciati di recente non senza averci consegnato la chiusura del cerchio delle sue spy stories. Il romanzo si intitola "Un passato da spia", è edito da Mondadori ed è una sorta di redde rationem dei vecchi agenti della Guerra Fredda. Chiamati a rispondere, alla nuova generazione dell’intelligence, dei metodi spicci impiegati al di quà e al di là della cortina di ferro.
Il politicamente corretto applicato alle operazioni segrete. Se vogliamo l’ultimo ironico saluto di John le Carrè.
19.12.2020


Leggi in anteprima
le notizie del Caffè

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
14.01.2021
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, dicembre 2020
13.01.2021
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 25 gennaio prossimo
16.12.2020
Prova annuale delle sirene d’allarme 2021
15.12.2020
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, dicembre 2020
11.12.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, novembre 2020
09.12.2020
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel terzo trimestre 2020
02.12.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 14 dicembre 2020
19.11.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, ottobre 2020
13.11.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, ottobre 2020
11.11.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 23 novembre 2020
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
La sovranità perduta
blocca il dialogo con l'Ue
Guido Olimpio
Guido Olimpio
I patti dell'intelligence
con i trafficanti di droga
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Un viaggio tra i popoli
sull'idea del nuovo inizio
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Confinamento più efficace
dei negoziati dell'Onu
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Si pensi anche ai costi
causati da altre limitazioni

IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Belgio: dorme
nel suo bar
per protesta
contro le chiusure

La CDU
sceglie l’erede
di Angela
Merkel

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00