Il diario
Immagini articolo
Il futuro dei mestieri
non è intimidatorio
GIUSEPPE ZOIS


Caro Diario, &softReturn;la tecnologia ha accelerato i tempi del cambiamento. Ogni giorno un balzo in avanti rispetto all’incedere passo dopo passo cui eravamo abituati. La civiltà contadina aveva i suoi ritmi cadenzati, lasciava respirare le stagioni. Ora il progresso ha fatto affrettare a tutti, volenti o nolenti, il cammino. Spesso si ha la sensazione di non farcela a reggere, catapultati in un vortice di impegni, causa di stress e frustrazioni crescenti. Sappiano che cosa ci stiamo lasciando alle spalle, di corsa dobbiamo muoverci nel presente, talvolta vagolando come quando c’è la nebbia. Vero è che la velocizzazione degli eventi, prodotta in larga misura dal sistema comunicativo, soprattutto dalla compulsione del web, ha indebolito o frantumato quelle che apparivano come consolidate certezze.
IL VIVERE nella spinta dei cambiamenti mette chiunque alle prese con interrogativi sulla qualità del vivere di domani, la sicurezza in costante confronto con la precarietà, gli interrogativi che si moltiplicano. Siamo contesi tra speranze e paure, desideri e incertezze. Più che mettere mano noi stessi ai cambiamenti, spesso li subiamo, dobbiamo reggerli, con nuove fatiche. Più acceleriamo, più si estende la propensione a giudicare pericoloso l’inedito che avanza e ci riguarda. Fino a qualche decennio fa, un posto in ferrovia o alle Ptt era una sorta di garanzia per l’esistenza: molti, anche in altre aree professionali, cominciavano un lavoro che era per tutta la vita. Le certezze di ieri si sono sfarinate e quelle nuove impongono un aggiornamento continuo, il che ha pure i suoi vantaggi: ci tiene sollecitati i neuroni.
NON BISOGNA mettersi in relazione con il futuro come fosse una malattia contro la quale premunirsi ad ogni costo, anche se non si sa bene con quali vaccini. Un intellettuale longevo e lucido come Sergio Zavoli, che proprio in questi giorni esce con un nuovo libro - "La strategia dell’ombra" - saggiamente esorta a guardarci dall’uso pessimistico, se non anche intimidatorio, del concetto di novità. Invece che inquietarci con ansie, dovremmo domandarci quale senso dovrà prendere quel "di più" che ci aspetta per essere pronti a fare la nostra parte.
ABBIAMO VISTO che rivoluzione ha portato il computer, ora c’è la diffusione dei robot, con la minaccia che rappresentano per l’occupazione. Quanti mestieri sono finiti? Sappiamo, lo ha ricordato ancora questa settimana il direttore del Dfe Christian Vitta, che il 40% delle professioni sono destinate a scomparire: ne nasceranno altre, sicuramente. Sfida da assumere più che drammi da temere. Guardarsi intorno deve aiutarci nelle contromisure. Il problema, semmai, sarà quello di scongiurare il pericolo della disumanizzazione del lavoro: l’uomo non può diventare un robot. Il consumismo pare inarrestabile e sappiamo bene che ha come culto la celebrazione del superfluo. Fondamentale è che non diventino superflue le persone.
09.04.2017


IL DOSSIER


Le carte segrete
dello scandalo Argo1
IL DOSSIER


I fatti e le opinioni
sulle vicende S.Anna
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
LA SOLIDARIETÀ


La generosità dei ticinesi
per i pastori delle steppe
L'INCHIESTA


Interrogativi sulle eredità
degli anziani maltrattati
L'INCHIESTA


Meno sesso
a pagamento


POPULISMO
VS POPULISMO
È finito lo scontro
fra destra e sinistra
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
S'investa sui migranti,
una fantastica risorsa
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Terrore continuo...
si onora il Ramadan
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
I nuovi pirati del mare
sono gli scafisti armati
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
L'Europa dia più soldi
per aiutare i migranti
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Sandro Cattacin
Sandro Cattacin
Gli attributi razzisti
della cronaca nera
Ritanna Armeni
Ritanna Armeni
A Renzi non si perdona
la "rottamazione"
Paolo Bernasconi
Paolo Bernasconi
Non si sfugge
alle nuove regole
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Disposte a tutto
per i propri figli
Alessandra Comazzi
Alessandra Comazzi
I manicaretti in tv
rischiano il flop
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Nei menù si trova
la civiltà del domani
Marino Niola
Marino Niola
Lo straniero riassume
tutte le nostre paure
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
Filippo Facci
Filippo Facci
È un voto politico
che paralizza il Paese
Roberto Alajmo
Roberto Alajmo
La Grande Migrazione
non si fermerà da sola
Roberto Nepoti
Roberto Nepoti
Per un Festival à la page
un'inedita sezione 2.0
Antonio Sciortino
Antonio Sciortino
Le Famiglie vere
eroine nella crisi
Roberto Vacca
Roberto Vacca
La caduta libera
del mito della sicurezza
Andrea Vitali
Andrea Vitali
Zimmer frei

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
27.07.2017
Avviso di prudenza del 27.07.2017 nell'accensione di fuochi commemorativi e d'artificio per i festeggiamenti del 1° agosto 2017 [www.ti.ch/incendi-boschivi]
25.07.2017
La Documentazione regionale ticinese (DRT) ha pubblicato un nuovo dossier sulla caccia e pesca in Ticino
20.07.2017
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, giugno 2017
18.07.2017
Giornate informative obbligatorie 2017
07.07.2017
Aggiornato l'elenco dei tecnici riconosciuti della polizia del fuoco [www.ti.ch/edilizia]
30.06.2017
Notiziario statistico Ustat: Movimento naturale della popolazione, Ticino, 2016
26.06.2017
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel primo trimestre 2017
26.06.2017
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, giugno 2017
23.06.2017
L'Ufficio dei lavori sussidiati e degli appalti ha pubblicato la lista delle commesse del Cantone aggiudicate a invito o per incarico diretto superiori a fr. 5000.– [www.ti.ch/commesse]
20.06.2017
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, maggio 2017
DOMANDE E RISPOSTE

Leggi »

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »
Gruppo
Ringier




I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

G20:
corteo pacifico
contro
le violenze

Ankara-Istanbul:
opposizione
in marcia
per la giustizia

RINGIER

Dufourstrasse 23
8008 Zurigo
Svizzera

info@ringier.com
+41 (0)44 259 61 11

Abo-Service:
0848 880 850

www.ringier.ch