Il diario
Immagini articolo
I nomi e la giustizia
carne viva delle persone
GIUSEPPE ZOIS


Caro Diario,
quasi ogni giorno ci imbattiamo in cronache giudiziarie e, di fronte a vicende che ci lambiscono, ci chiediamo: quale giustizia vogliamo e qual è il nostro senso di giustizia? Siamo convinti, in generale, che il terzo potere sia un architrave del vivere sociale, assicurandoci protezione nei nostri diritti fondamentali ed equilibrando i rapporti della convivenza umana. Talora però si ha l’impressione di essere davanti a un’alpestre salita nell’accertamento di fatti e responsabilità, vuoi per la complessità della materia, vuoi per i ritardi che si accumulano. È quanto si è visto con il processo all’ex-funzionario del Dss, dopo una sentenza discussa, che ha avuto diverse ricadute, anche in campo politico. E le luci della ribalta restano accese nell’attesa della chiarezza piena.
UN NERVO SCOPERTO e molto sensibile è quello della pubblicazione delle generalità degli imputati di gravi accuse. Oggi si sono aggiunti i social a moltiplicare il clamore della comunicazione, con il risultato di un doppio registro. Così, ad esempio, il nome dell’imputato ex-DSS, rimasto coperto per rispetto di molte persone e circostanze - anche delle stesse vittime - è uscito dal tribunale e dall’aula di dibattimento ed è stato dato in mano ai clic. Chiunque, per curiosità o per morbosità, ha potuto sapere e poi far sapere, secondo il collaudato meccanismo del passaparola. Fin dove si potrà arrivare di questo passo, sempre più veloce, in un’area dove i controlli si fanno più precari, in parallelo con l’espansione capillare di internet, il tamtam della modernità? I dispositivi di legge ci sono e dovrebbero valere per tutti, non solo per alcuni.
PROPRIO il 9 febbraio scorso, ricevendo in udienza i magistrati, Papa Francesco è andato al cuore dell’esercizio della Giustizia: tempi e modi con i quali questa viene amministrata "toccano la carne viva delle persone e possono lasciare ferite di oblio e di discriminazione". C’è di mezzo l’irrinunciabile dignità della persona, che non può essere occasionale o ad altimetria variabile.
MOLTI SI PORTANO dentro sfregi che non si rimarginano, avendo peraltro coscienza di estraneità ai fatti ed essendo sovraesposti ad una impietosa gogna mediatica, che non cessa mai del tutto, neppure con una sentenza di assoluzione. Com’è stato nella vita di Fausto Cattaneo, ex-commissario dell’Antidroga nella Polcantonale, morto questa settimana, un lottatore estremo e coraggioso. Era finito sotto processo nel 2015 al Tribunale penale federale per denuncia mendace. Se n’è andato almeno con l’onore restituitogli dall’assoluzione, dopo aver lavorato per oltre 30 anni contro i trafficanti di droga, pesci piccoli e squali di ogni latitudine. Per senso del dovere e per un argine alla morte truccata da piacere.
17.02.2019


LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

L'ascensore sociale
si è ormai inceppato
L'INCHIESTA

"Il via vai di procuratori
rallenta le inchieste"
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

I talenti non hanno
orientamenti sessuali
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
La crescita dipende
dai rapporti con Trump
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Le famiglie in fuga
dalle paure di Kabul
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Tecniche viet-cong
nei tunnel del Califfato
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
L'Ue messa a dura prova
dall'avanzata sovranista
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Cibo e ambiente
allungano la vita
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
21.03.2019
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da giovedì 21 marzo 2019 alle ore 12.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, marzo 2019
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, gennaio 2019
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, gennaio 2019
13.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, febbraio 2019
11.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Risultati provvisori della statistica delle transazioni immobiliari, quarto trimestre e anno 2018
11.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, gennaio 2019
07.03.2019
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da giovedì 7 marzo 2019 alle ore 10.00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
27.02.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta dell'11 marzo 2019.
27.02.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, gennaio 2019

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Brexit:
Farage lancia
la marcia
pro-Leave

Tirana:
violente proteste
davanti
al Parlamento