Il diario
Immagini articolo
Se infanghiamo
i sogni di Greta
GIUSEPPE ZOIS


Caro Diario,
c’era da aspettarselo. Contro l’adolescente svedese con il viso da bambina, diventata un planetario simbolo positivo e trascinante, s’è scatenato un uragano di cattiverie, insulti, malignità. Bersaglio delle moltitudini con l’occhio torvo è lei, Greta Thunberg, 16 anni all’anagrafe, parecchio abbassati dalle treccine bionde, che sono la sua carta d’identità. La macchina del fango stavolta s’è messa in azione su scala globale. Una colata sta arrivando addosso a questa voce che coscientizza per salvare l’ambiente e il clima. Ce n’è per lei e per la sua famiglia, con una virulenza inaudita e vergognosa scatenata dagli "haters" (gli "odiatori" e "odianti" del web). In un’epoca materializzata al massimo, Greta ha saputo riaccendere speranze e sogni, è riuscita ad affermarsi sul terreno dove franano i politici: parlare al cuore dei ragazzi e dei giovani, infiammandoli d’entusiasmo sulle piazze di tutta la Terra. Sarà un fuoco di paglia? E chi se ne importa? Al suo attivo ha già un credito e una capacità di mobilitazione inimmaginabili. Diamogliene atto e ciascuno faccia piuttosto la sua parte.
L’ASPETTO INQUIETANTE è che ormai diffidiamo di tutti e di tutto, in una miscela avvelenata di dubbi, sfiducia e pregiudizio. Che porta a un deprimente ripiegamento in noi stessi. Mai abbiamo saputo tanto quanto oggi e mai siamo stati così sospettosi. Una ragazzina chiama a raccolta i volonterosi con il cartello della responsabilità collettiva: cittadini e politici, mondo della finanza e scienza. Dovremmo rallegrarcene.
STIAMO ANDANDO a sbattere come pianeta, ma le colpe vengono scaricate dagli uni sugli altri, come se questo servisse a qualcosa e attenuasse le colpe. Invece di renderci conto dell’emergenza e del parallelo imperativo per un recupero sul tempo perduto, ci si chiama fuori. Come ha fatto Trump appena messo piede alla Casa Bianca, ingranando la retromarcia rispetto agli accordi di Parigi e riportando gli Usa alla preistoria delle centrali a carbone.
LA COSTRUZIONE del futuro può attendere, quella può sempre attendere. Poi ci meravigliamo se la natura presenta drammatici conti quando si scatena, e non lo fa solo con lontani tsunami, ma con disastri anche alle nostre latitudini. La politica, come servizio alla comunità, dovrebbe avere il coraggio della lungimiranza, progettando opere che magari non si vedranno realizzate, anche a costo di perdere la "cadrega". Succede in genere l’esatto contrario e chi sta al potere, pensa principalmente a mantenerlo. Senza perifrasi, semmai con un po’ di utopia, ci vorrebbero politici liberi dentro, coraggiosi, non ossessionati dalla rielezione. Donne e uomini capaci ancora di sognare e far sognare. Come Greta, suscitatrice di ideali.
24.03.2019


LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

Una cultura politica
di vuote banalità
L'INCHIESTA

Non solo Medtech
nel polo di ricerca
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Lo stile smarrito
dai perdenti di successo
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Senza il riciclaggio
non si salva il clima
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Scacco a Tripoli
in quattro mosse
Guido Olimpio
Guido Olimpio
La guerra degli 007
all'ombra dell'Europa
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
L'Ue messa a dura prova
dall'avanzata sovranista
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Londra celebra Quant
la "madre" della mini
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
19.04.2019
La Segreteria del Gran Consiglio ha provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta costitutiva del 2 maggio prossimo
15.04.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, marzo 2019
12.04.2019
Pubblicato il Rendiconto 2018 del Consiglio di Stato
12.04.2019
Pubblicato il rendiconto 2018 del Consiglio della magistratura
08.04.2019
Online la Città dei mestieri della Svizzera Italiana, con informazioni e aggiornamenti sui lavori in corso verso l'apertura
03.04.2019
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da mercoledì 3 aprile 2019 alle ore 10:00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
01.04.2019
Tiro obbligatorio 2019
21.03.2019
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da giovedì 21 marzo 2019 alle ore 12.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, marzo 2019
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, gennaio 2019

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Sudan,
si dimette
anche il leader
del golpe

Gilet gialli
a prova
di legge
anti-casseur