function iscriviti() {window.open("http://ads.caffe.ch/ppl/","_blank","width=620,"menubar=no","resizable=no","scrollbars=no")};
Il diario
Immagini articolo
Se andiamo veloci
la memoria si perde
GIUSEPPE ZOIS


Caro Diario,
attratti come siamo dalla corsa nel "dopo", rischiamo di ignorare quello che viene "prima" e che sta nelle radici dell’adesso. Ce ne accorgiamo talora anche dai giornali, quelli ancora cartacei, che sono in un certo qual modo, il metro della nostra memoria. Lo si capisce dai riferimenti a situazioni e momenti del passato, dal ricordo o anche dalla dimenticanza con cui si rievocano o si dimenticano persone che nelle postazioni in cui hanno lavorato per formare a scuola o per informare con gli scritti.
UNO DI QUESTI, un pluri-protagonista nel Ticino di ieri, è il professor Giuseppe-Luigi Beeler, mancato questa settimana a 99 anni. Dopo studi all’Università di Ginevra e alla Sorbona di Parigi, aveva insegnato alla Scuola cantonale di commercio, di cui divenne direttore nel 1969. Traduttore di molti testi, impegnato per anni nella Fondazione per la cultura italiana, fu corrispondente della Gazette de Lausanne e del Courrier de Genève oltre che firma di Azione e Cooperazione. Autore di diverse pubblicazioni, tra le quali "Prontuario dello studioso" e "Profilo storico di Coscienza Svizzera", come ultima tessera di un ricco mosaico ci ha lasciato il libro "Viaggiatori dell’anima" (ed. Ritter, Lugano, 2013), una ricerca annosa e accuratissima, consultando gli annali dell’Opera diocesana pellegrinaggi. Pagine che ci aiutano (e aiuteranno) a capire molti aspetti della fede del passato e di quei viaggi, principalmente a Lourdes, a Einsiedeln, al Sasso e a Re. Il libro di Beeler non è solo un compendio di date e luoghi, persone e guide spirituali: è un termometro del Ticino che cambiava. Naturale che con questa attrezzatura interiore Beeler sia stato impegnato per decenni nell’Azione Cattolica, dov’è stato una figura di primo piano accanto a don Alfredo Leber.
UN ALTRO VUOTO  tra coloro che hanno fatto cronaca, affidandola dalle pagine del Corriere del Ticino, prima, e dalle onde della RSI, poi, al ricordo e quindi alla memoria, è Franco Bianchi. Un cancro se l’è portato via a 63 anni. Era impetuoso e aplomb nell’accostarsi agli avvenimenti, soprattutto le vicende di cronaca nera. Era il più bravo, invidiato e detestato per i buchi che ci dava. Si pavoneggiava anche un po’ con la sua firma - FBI - che corrispondeva alle iniziali del Bureau principe degli investigatori. Un suo finale classico, per un tocco di suspence, era l’immancabile "affaire à suivre". A suo modo, era una figura da letteratura di un  giornalismo che fu.
FORSE È SEMPRE più vero che l’accelerazione degli eventi, il loro moltiplicarsi, la necessità di stare al seguito finiranno inevitabilmente per ridurre via via la coscienza del già vissuto e di chi ha contribuito a realizzarlo. In pratica è tutto un divenire in continuazione. Ed è un po’ peccato.
19.05.2019


Leggi in anteprima
le notizie del Caffè

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
20.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, aprile 2020
15.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, aprile 2020
13.05.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 25 maggio 2020
12.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, primo trimestre 2020
12.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, aprile 2020
08.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Dati settimanali provvisori sui decessi, Ticino e Svizzera, stato al 5.5.2020
06.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, aprile 2020
06.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, aprile 2020
06.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, aprile 2020
30.04.2020
Pubblicato il Rendiconto 2019 del Consiglio di Stato
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Ripartenza a singhiozzo
e borse poco indicative
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Il braccio del Sultano
"allunga" il suo potere
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Nella tana degli affetti
per sentirci meno soli
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Per fermare i virus
aiutiamo l'ambiente
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi

IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Notte
di violenze
nelle città
statunitensi

La lenta
ripartenza
della cultura
europea

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00