Il diario
Due parole per l'estate
...l'ascolto e la musica
GIUSEPPE ZOIS


Caro Diario,

l’estate sale rapida il suo corso tra richiami di ogni genere, da Chiasso ad Airolo, passando anche dai paesi, in un’appassionante fioritura di iniziative: cultura e arte, cinema, musica, gastronomia, escursioni guidate alla (ri)scoperta del territorio e della flora. Di tutto e di più, insomma, nel tentativo di assecondare ogni interesse. Qualche esempio? Si va dal Càvea Festival di Arzo all’Agno Openair; se Locarno seduce con i millegusti di Moon&Stars, con tanto di "rumorometro" (una hotline per i decibel), Bellinzona risponde con Elisa e Castle On Air. E avanti fino al ruggito del Pardo. Il turismo fa tirare a molti un respiro di sollievo e per propiziarlo si è pure ideato il Wor(l)ds Festival al Ciani di Lugano con... respiro dichiarato delle menti.
TRA RUMORE e silenzio, tra sereno e clima che inquieta, colpisce positivamente l’impegno nell’animare la stagione. Buon segno l’entusiasmo del volere. I risultati vanno pensati, costruiti, inseguiti. Per avere bisogna anche dare e dal niente nasce niente, soprattutto oggi, con l’impietosa concorrenza globalizzata in atto. La vita è un pane che si spezza insieme.
MENTRE LA NAVE del tempo fa la sua rotta e già vediamo le giornate accorciarsi, non è inopportuno un invito a cogliere qualche valore non effimero né collaterale, anche se non proprio in grande spolvero al presente. Per esempio, il silenzio, la pausa, l’attesa, la riflessione, la stessa  sobrietà in un’epoca in cui il delirio dei social rischia di stordire, dando l’impressione del tutto e subito, dovunque siamo, perché "digitiamo" e dunque "possiamo". Per entrare in profondità, dentro noi stessi, ci vuole un po’ di quiete. E invece siamo più portati all’esteriorità che all’interiorità (e un Diario deve dare spazio al personale, al viaggio in se stessi).
C’È UN RICHIAMO insospettabile di Solzenicyn fatto a fine Novecento e che torna ancor più attuale ora: l’invito a ritrovare l’equilibrio, la misura, la rinuncia e, vista l’emergenza ambientale, anche un po’ di sana autolimitazione. Lo scrittore che fece conoscere gli orrori dei Gulag ammoniva lungimirante che "l’equilibrio ci chiede di ridurre le esigenze, di subordinare i nostri interessi a criteri morali". Paradossalmente suggeriva che "potremmo provare vera soddisfazione non nel potere, ma nel rifiuto del nostro potere. In altre parole: autolimitazione", unica via d’uscita per preservare tutti noi. Anche Greta Thunberg sottoscriverebbe.
14.07.2019


ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
27.11.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 9 dicembre 2019
27.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, ottobre 2019
22.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, ottobre 2019
18.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, ottobre 2019
15.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, ottobre 2019
13.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, ottobre 2019
13.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, ottobre 2019
06.11.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 18 novembre 2019
04.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, terzo trimestre 2019
30.10.2019
Pubblicati i dati del censimento rifiuti 2018 [www.ti.ch/gestione-rifiuti, www.ti.ch/oasi]
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Un traguardo sociale
ma ancora non per tutti
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Il sanguinoso attacco
alla "Terra dell'alba"
Guido Olimpio
Guido Olimpio
L'attentato a Londra
rilancia l'allarme jihad
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Emmental e pollo
tra i "falsi svizzeri"
Luca Mercalli
Luca Mercalli
"Senza una svolta
ci sarà un'estinzione"
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi


IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie





I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Arrestato
il presunto
aggressore
dell’Aja

Un trono
di soldi…
con lo scopo
di farne di più

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00