function iscriviti() {window.open("http://ads.caffe.ch/ppl/","_blank","width=620,"menubar=no","resizable=no","scrollbars=no")};




Le banche ticinesi lavorano solo col 5% delle aziende italiane
Immagini articolo
C'è un Eldorado
oltre il confine
GIORGIO CARRION


Un nuovo equilibrio fra banche svizzere e imprese italiane, in particolare insubriche. Obiettivo: l'integrazione economico-finanziaria in uno spazio transfrontaliero. Se ne discute a fasi alterne, ma lo studio "La banca ticinese e l'impresa del Nord Italia. Opportunità d'integrazione transfrontaliera" di René Chopard, direttore del centro studi bancari, e del professore Gioacchino Garofoli, rappresenta un salto di qualità e offre un importante contributo operativo. Già altri economisti, come Remigio Ratti e Alberto Bramanti, si sono  domandati se non sia giunto il momento di ragionare su una strategia di collaborazione strutturata tra piazza bancaria ticinese e imprese insubriche. L'adesione alle norme Ocse sulla trasparenza bancaria, la posizione  della Finma (Autorità federale di vigilanza sui mercati finanziari) sul rispetto delle norme fiscali straniere e la sottoscrizione di nuovi accordi sullo scambio di dati sui conti bancari, provocheranno cambiamenti epocali nelle relazioni finanziarie e bancarie tra Svizzere e resto del mondo.
"Da una gestione meramente finanziaria offshore si passa a una gestione cross-border, che tiene conto sia della variabile fiscale che delle normative dei Paesi di provenienza dei clienti - spiega Gioacchino Garofoli, docente dell'Università dell'Insubria -. Attraversiamo un momento di forte discontinuità e il sistema bancario è costretto a evolvere in una nuova direzione. In questo contesto, la barriera fra la gestione del patrimonio del privato e la consulenza alla sua impresa tende a cadere".
Un nuovo paradigma, in cui bisogni finanziari ed economici si intrecciano e l'attività della banca non può limitarsi alla sfera del privato, ma è spinta ad  inglobare i bisogni dell'impresa che produce la ricchezza del suo cliente. Anche il sistema industriale del Nord Italia vive un importante momento di discontinuità, spiegano gli autori: il rapporto con le banche italiane è difficile sotto diversi aspetti. Commerciale, con la diminuzione delle vendite. E finanziario, con problemi di accesso al credito. Da qui la proposta di gettare un ponte tra la piazza finanziaria ticinese e le imprese insubriche. "L'azienda italiana bisognosa di credito necessita non solo di facilitazioni d'accesso finanziario, ma anche di servizi aggiuntivi e complementari", spiega Alberto Bramanti, docente di economia all'Università Bocconi di Milano e autore con Remigio Ratti di uno studio sulla 'governance' dell'area Insubrica. "Il credito - prosegue - va inserito in un contesto più ampio, in un pacchetto di servizi quali i crediti documentari, la gestione delle divise e dei cambi, i pagamenti internazionali, l'approvvigionamento in materie prime, prestazioni che la banca commerciale svizzera conosce bene".
Oggi solo il 5% delle imprese industriali delle province insubriche ha relazioni con gli istituti svizzeri. Molte banche ticinesi, però, conoscono questi imprenditori per i quali gestiscono asset privati. Un bacino vastissimo, composto da oltre 25.000 imprese con  254.000 addetti, concentrate per il 40% nella Provincia di Varese, 25% in quella di Como, seguono Lecco (18%), Novara (14%) e Verbano-Cusio-Ossola (4%). "L'eccezionale crisi economica del sistema delle imprese del nord Italia - conclude Garofoli -  e la necessità di trovare un nuovo modello di business da parte del sistema bancario svizzero dall'altro, sembrano un motivo sufficiente per spingere questi due sistemi a trovare una via comune".

gcarrion@caffe.ch
06.07.2014


Articoli Correlati
Leggi in anteprima
le notizie del Caffè

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
27.07.2020
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, secondo trimestre 2020
23.07.2020
Attivato il sito dell’Ufficio del controlling e degli studi universitari
13.07.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, giugno 2020
06.07.2020
Notiziario statistico Ustat: Movimento naturale della popolazione, Ticino, 2019
17.06.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, maggio 2020
17.06.2020
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, giugno 2020
12.06.2020
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel primo trimestre 2020
10.06.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 22 giugno 2020
04.06.2020
Swiss Mobility: opportunità di stage professionale in Svizzera per neodiplomati 2020
20.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, aprile 2020
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Fra Trump e Biden
sfida rivolta al passato
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
I morti viventi dell'Isis
scompaiono e riappaiono
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Nella tana degli affetti
per sentirci meno soli
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Per fermare i virus
aiutiamo l'ambiente
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi

IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Belgio: 64 anni fa
la strage
nella miniera
di Marcinelle

Covid-19:
quarantena
"spagnola"
in Svizzera

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00