function iscriviti() {window.open("http://ads.caffe.ch/ppl/","_blank","width=620,"menubar=no","resizable=no","scrollbars=no")};





La situazione è migliore rispetto a quella di altri cantoni
Ticino sotto la media
per numero di assistiti
OMAR RAVANI


Il Ticino forse non sorride, ma di certo c’è chi sta peggio. Stando agli ultimi dati, con i suoi 7050 casi di assistenza riconosciuti a fine 2015, 2% circa, il cantone si trova sotto la media nazionale, che è del 3,2%. Rispetto al 2014 si è registrato sì un incremento di 370 richieste, ma la percentuale non è cambiata, perché anche la popolazione è aumentata assorbendo così gli effetti dell’incremento. Peggiore il quadro in altri cantoni,  ad esempio, Neuchâtel dove il tasso di assistiti  è del 10,5%. Un dato preoccupante che ad inizio anno ha spinto il governo neocastellano a rendere più difficile l’accesso alle prestazioni. I dati di Basilea (7,7%), Vaud (6,7%), Berna (4,2%), Ginevra (5,4%) e Zurigo (3,6%) dimostrano che nelle grandi città resta ancora alta la pressione sull’assistenza sociale.
Andando più in profondità nei dati ticinesi, si nota che 1 assistito su 3  (il 33%), appartiene alla fascia d’età fra i 18 e i 25 anni. Si tratta sorattutto di giovani che non riescono ad entrare nel mondo del lavoro perché non hanno una formazione sufficiente. Ben il 60% di loro non è riuscito a finire un apprendistato. Un’altra fascia d’età particolarmente colpita è quella tra i 46 e i 55 anni, persone che a causa di un licenziamento o di una scelta professionale sbagliata si ritrovano senza lavoro. Situazione molto difficile la loro: sono, infatti, ancora troppo giovani per andare in pensione, ma ritenuti troppo avanti con gli anni per un’assunzione.
Nella triste casistica della pubblica assistenza ci sono anche i divorziati. Il 40% degli uomini in assistenza ha alle spalle un matrimonio finito male. Il pagamento degli alimenti per figli ed ex moglie è spesso un salasso insopportabile( vedi articolo a fianco). Ultimo dato significativo è quello sulla nazionalità dei beneficiari delle prestazioni: il 60% è svizzero,  il 40% straniero. E in generale si tratta di persone dal percorso scolastico e formativo incompleto.
28.08.2016


Leggi in anteprima
le notizie del Caffè

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
13.07.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, giugno 2020
06.07.2020
Notiziario statistico Ustat: Movimento naturale della popolazione, Ticino, 2019
17.06.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, maggio 2020
17.06.2020
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, giugno 2020
12.06.2020
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel primo trimestre 2020
10.06.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 22 giugno 2020
04.06.2020
Swiss Mobility: opportunità di stage professionale in Svizzera per neodiplomati 2020
20.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, aprile 2020
15.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, aprile 2020
12.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, primo trimestre 2020
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
La Libia è una polveriera
ormai pronta a esplodere
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Le gang dettano legge
in sessanta città Usa
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Nella tana degli affetti
per sentirci meno soli
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Per fermare i virus
aiutiamo l'ambiente
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi

IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

25 anni
dal massacro
di Srebrenica

Belgrado:
assalto
al Parlamento

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00