function iscriviti() {window.open("http://ads.caffe.ch/ppl/","_blank","width=620,"menubar=no","resizable=no","scrollbars=no")};





Economisti e imprenditori analizzano il mercato del lavoro
Immagini articolo
"L'occupazione svizzera
è da primato europeo"
CLEMENTE MAZZETTA


Ridurre il tasso di disoccupazione al di sotto del 3%? Dare un impiego ai 5 mila senza lavoro registrati dagli uffici di collocamento nel mese di luglio? Impresa possibile?
"Difficile dire quale potrebbe essere il tasso minimo della disoccupazione in Ticino - risponde l’economista Angelo Geninazzi -. Una percentuale di senza lavoro ci sarà sempre". Geninazzi ricorre ad una serie di termini, disoccupazione frizionale, congiunturale, stagionale, strutturale, per dire che non sarà facile far meglio di questo 3% di disoccupazione (dato della Segreteria di Stato dell’economia, Seco), al di sotto della media Svizzera.  
"Alcuni economisti parlano di piena occupazione quando i senza lavoro sono il 2%, altri indicano il 5%, si tratta comunque di quella mobilità dei lavoratori che fa parte del sistema economico", ricorda Franco Ambrosetti. Il  presidente onorario della Camera di commercio considera positivo questo 3%: "Il più basso d’Europa, probabilmente del mondo. I livelli di impiego in Svizzera sono da primato se confrontati con i Paesi dell’Ue". Il Ticino non è più il fanalino di coda dei cantoni. Negli anni ’90 il tasso di disoccupazione veleggiava attorno al 9% (Seco), di un terzo superiore alla media nazionale. Il risultato è significativo, se si considera che nel resto della Svizzera la forza lavoro ha più possibilità di interscambio, di equilibrio fra un cantone e l’altro, cosa impossibile in Ticino per la barriera linguistica e geografica con il nord e per quella economica-salariale con l’Italia. "Ci sarà sempre qualche esubero di manodopera in una professione e una carenza in qualcun’ altra. Ci sarà sempre un diplomato che cerca lavoro e che resta a casa. La disoccupazione si può ridurre con una miglior formazione di base, ma non eliminare del tutto", osserva Geninazzi.  Non esiste, insomma, il paradiso della piena occupazione in questo mondo.  "Premesso che il dati della Seco non contemplano tutti quelli che cercano un lavoro, non registrano gli sfiduciati, quelli che escono dalle statistiche, ma solo gli iscritti negli uffici di collocamento, questo 3% è comunque molto significativo - sottolinea Marco Passalia, vice direttore della Camera di commercio -. Sono dati che sorprendono perché contrastano con la percezione che la gente ha, ovvero che si faccia fatica a trovare opportunità professionali interessanti in Ticino". Un Ticino che dà lavoro a oltre 230 mila persone. "La domanda da farsi è piuttosto se si riesce ad aumentare l’occupazione", osserva Geninazzi: "Bisogna ora interrogarsi sul tipo di occupazione, sulle caratteristiche delle industrie, sui livelli di stipendio, sul reddito medio".  
Insomma, cercare di non  accontentarsi del 3% di disoccupazione. Per Passalia è possibile, ad esempio, creare più opportunità lavorative per le fasce di disoccupati più fragili, i più giovani o i più anziani. "Occorre incentivarli con forme di sostegno, con ulteriori sgravi alle imprese che assumono giovani o mantengono al lavoro gli ultra cinquantenni che costano di più in oneri sociali - spiega - E puntare anche su un’occupazione di qualità, con condizioni accattivanti per le aziende, compensando gli effetti della Riforma III delle imprese, evitando burocrazie,  balzelli, tasse". Migliorare le condizioni quadro del Paese, come ha sempre sostenuto Ambrosetti, che conclude: "Bisogna essere preparati, l’industria dovrà adeguarsi alle nuove sfide della robotizzazione, prendendo esempio dalla grande acciaieria austriaca Voestalpine che si è totalmente robotizzata senza diminuire gli occupati, ma formando il personale alle nuove mansioni, e innalzandoli di livello".

cmazzetta@caffe.ch
@clem_mazzetta
28.08.2016


Leggi in anteprima
le notizie del Caffè

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
13.07.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, giugno 2020
06.07.2020
Notiziario statistico Ustat: Movimento naturale della popolazione, Ticino, 2019
17.06.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, maggio 2020
17.06.2020
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, giugno 2020
12.06.2020
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel primo trimestre 2020
10.06.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 22 giugno 2020
04.06.2020
Swiss Mobility: opportunità di stage professionale in Svizzera per neodiplomati 2020
20.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, aprile 2020
15.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, aprile 2020
12.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, primo trimestre 2020
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
La Libia è una polveriera
ormai pronta a esplodere
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Le gang dettano legge
in sessanta città Usa
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Nella tana degli affetti
per sentirci meno soli
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Per fermare i virus
aiutiamo l'ambiente
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi

IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

25 anni
dal massacro
di Srebrenica

Belgrado:
assalto
al Parlamento

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00