L'associazione "Ch. I. Imprese" per collaborare in Europa
Immagini articolo
Lombardi e ticinesi
insieme nei mercati
LIBERO D'AGOSTINO


Se il mercato del lavoro manda la politica in corto circuito nelle relazioni tra Ticino e Italia, si fa avanti l’economia. Con un gruppo di 18 imprenditori, lombardi e ticinesi, che nei giorni scorsi hanno creato l’associazione "Ch.I. impresa". Aziende di diversi settori, dalla logistica alla meccanica, dalla plastica alle costruzioni, associate per lavorare assieme, al di qua e al di là della frontiera, e superare le attuali tensioni: da una parte la pressione dei padroncini italiani sul cantone, dall’altra gli ostacoli che limiterebbero l’accesso delle imprese ticinesi al mercato d’oltre confine.
"Ch.I. impresa" nasce dalla comune consapevolezza che vivere a cavallo della frontiera, significa lavorare su un territorio storicamente ricco di scambi, che ha per di più il grande vantaggio di collegare la Svizzera, terzo partner commerciale dell’Ue, con la Lombardia, uno dei più forti poli industriali dell’Europa. "Un vantaggio messo, purtroppo, in ombra dagli attriti di questi ultimi anni e da alcune contraddizioni emerse con la libera circolazione delle persone che, oggettivamente, ha favorito più l’Italia che non la Svizzera nell’accesso ai rispettivi mercati. Innescando reazioni negative come il voto contro l’immigrazione di massa o l’albo degli artigiani in Ticino", spiega Giovanni Moretti ex segretario della Cgil di Como e oggi consulente sui problemi del lavoro per diverse associazioni economiche. Per gli imprenditori di "Ch.I. impresa" è pericoloso quanto inutile farsi la guerra sul mercato ticinese o su quello delle province italiane di confine, bisogna, invece, lavorare assieme guardando al mercato di oltre Gottardo e dell’Europa.
"Presentandoci come imprese che offrono la qualità e la precisione svizzera assieme alla flessibilità e rapidità di esecuzione tipicamente italiane. Una combinazione di competenze e professionalità che è un ottimo atout sui mercati europei". Obiettivo dell’associazione, che verrà presentata ufficialmente dopo le vacanze pasquali, è di raggiungere al massimo i 40 membri per allargare il suo raggio d’azione, ma senza perdere agilità operativa.
Tanto per cominciare si avvierà subito un lavoro d’informazione tra le imprese italiane affinché non confondano il mercato svizzero con quello ticinese e per conoscerne a fondo le regole. "Il numero di  piccoli imprenditori, di padroncini italiani che vanno a lavorare in Ticino senza conoscere le sue leggi è molto alto, con tutto quello che poi ne consegue - precisa Moretti -. Inoltre, insisteremo per convincerli a guardare alle imprese del cantone come partner ideali per poter lavorare nei Paesi Ue. Tutto ciò servirà anche a ridurre la pressione italiana sul cantone". Sul problema della reciprocità, per una maggiore apertura del mercato italiano alle aziende svizzere, verranno promossi a partire dal prossimo autunno incontri mirati, con aziende, associazioni economiche ed enti istituzionali. Secondo "Ch.I. impresa", che si pone fuori da ogni schieramento politico, ci sono solo due modi per affrontare i problemi attuali: erigere barriere burocratiche che limitano la mobilità delle aziende ma che alla fine si rivelano dannose per tutta l’economia, o aprire assieme  nuovi sbocchi verso nord.

ldagostino@caffe.ch
09.04.2017


Articoli Correlati
IL DOSSIER


I fatti e le opinioni
sulle vicende S.Anna
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

Se l'assistenza
è a lungo termine
L'INCHIESTA

Un "aiuto domiciliare"
diventato carissimo
L'IMMAGINE

Una settimana
un’immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Lei un invalida?
Ma è sui social!
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
I "Paradise Papers",
un furto di ricchezza
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nella base americana
"Pronti, qui in Corea"
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Propaganda e verità
sono sempre in guerra
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Il secessionismo
scuote l'Europa
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Il colore "pervinca"
emblema di artificio
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
16.11.2017
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, ottobre 2017
15.11.2017
Istituto della formazione continua - Pubblicato il nuovo programma gennaio-giugno 2018 dei corsi base per formatori di apprendisti
15.11.2017
Comunicazione di prassi cantonale concernente le deduzioni di spese professionali particolari degli espatriati domiciliati nel Canton Ticino
08.11.2017
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da mercoledì 8 novembre 2017 alle ore 10.00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
07.11.2017
I dati del censimento annuale dei rifiuti sono ora consultabili in modo interattivo anche sul portale dell'Osservatorio Ambientale della Svizzera Italiana [www.ti.ch/oasi]
30.10.2017
Pubblicato nuovo formulario per la compilazione elettronica della dichiarazione dei redditi 2017 dei Patriziati, con la funzione di somma automatica
24.10.2017
Aggiornato il sito tematico del Parco del Piano di Magadino [www.ti.ch/ppdm]
19.10.2017
Pubblicati i dati del traffico sulla rete stradale in Ticino nel 2016 [www.ti.ch/conteggi]
19.10.2017
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, settembre 2017
18.10.2017
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da mercoledì 18 ottobre 2017 alle ore 12.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio




I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Parigi:
Hariri annuncia
il ritorno
a Beirut

Zimbabwe:
corteo
contro
Mugabe