Più tecnologia e meno incidenti, ma le polizze non calano
Immagini articolo
Sull'assicurazione auto
niente effetto sicurezza
MASSIMO SCHIRA


Il rapidissimo sviluppo tecnologico dei sistemi di sicurezza  delle automobili e di assistenza alla guida potrebbe portare presto ad una prima conseguenza. Accanto alla progressiva diminuzione negli ultimi anni degli incidenti stradali (soprattutto quelli gravi), si attende ora un beneficio anche nel portafogli degli automobilisti. Specie pensando alle polizze assicurative, visto che - dal 2007 - il calo dei "casi" è stato piuttosto chiaro: dagli oltre 41mila di dieci anni fa, ai circa 37mila dell’anno scorso (quando si è registrata una crescita rispetto al 2015). Automobili più sicure e meno incidenti, uguale assicurazioni più basse, dunque. E, invece, l’equazione non è risolvibile in maniera così lineare.
Spesso al fronte nel denunciare le situazioni di scarsa chiarezza nella "costruzione" dei premi assicurativi, le associazioni dei consumatori hanno decisamente "drizzato le antenne" di fronte a quella che definiscono come "stranezza". "È il caso di tener d’occhio l’evoluzione, perché se i costi calano, è giusto che anche i premi delle polizze seguano", taglia corto Laura Regazzoni Meli, segretaria generale dell’Acsi in Ticino. "In generale con le assicurazioni lottiamo sempre affinché il prezzo sia quello giusto, che non significa forzatamente quello più basso - aggiunge Valérie Muster, esperta di assicurazioni alla Féderation Romande des Consommateurs (Frc) a Losanna -. È chiaro che non ci si può aspettare un cambiamento dall’oggi al domani, ma le proiezioni vanno fatte e non aspetteremo 5 anni nel caso delle assicurazioni per le automobili. Dalle compagnie ci aspettiamo uno sforzo maggiore e un adeguato controllo della Confederazione. Con Mister Prezzi o con la Comco per evitare la formazione di cartelli".
Una certa lentezza di reazione è sottolineata anche da chi le automobili le importa e, quindi, le vende. "In Europa l’innovazione sui veicoli per quanto riguarda la sicurezza ha già portato ad un adattamento da parte delle assicurazioni - osserva François Launaz, presidente di Auto-Schweiz, l’associazione mantello degli importatori -. E, invece, in Svizzera per ora non succede e non credo che il cambiamento sia imminente. Sarebbe però giusto avere nuovi vantaggi, soprattutto considerando che il parco veicoli elvetico è il più moderno e il meglio equipaggiato d’Europa".
In un Paese in cui la sovra-assicurazione, anche dei veicoli, è spesso la norma, anche per le compagnie non è semplice adattare costantemente le tariffe in base ad un’evoluzione tecnologica sempre più rapida. "C’è certamente un effetto contrario che già è riscontrabile - afferma François Launaz -: l’iper-equipaggiamento in materia di sicurezza comporta costi di riparazione maggiori in caso d’incidente. Faccio un esempio molto semplice. Se esplode l’airbag, esplodono anche i costi per la sua sostituzione. E per le compagnie assicurative non è semplice avere tariffe che tengano conto costantemente del rapporto tra costi e benefici". Un aspetto sottolineato anche dalla Frc. "Meno incidenti non significa per forza costi più bassi - precisa Valérie Muster -. Ma questo non diventi un alibi delle compagnie per imbonire i consumatori".
Un cambiamento, insomma, è atteso, anche perché in Svizzera oltre il 60% dei 4,5 milioni di veicoli in circolazione ha meno di 10 anni ed equipaggiamenti come Airbag, Abs e gestione elettronica del comportamento della vettura sono sempre più comuni. "Praticamente già oggi le automobili con un costo superiore ai 30mila franchi hanno un equipaggiamento di sicurezza moderno tra gli standard di base - conclude Launaz -. D’altra parte anche gli incidenti, specie quelli gravi, diminuiscono: i morti sulle strade, sono calati del 75% tra il 1986 e il 2014. Ma le assicurazioni sono un po’ lente a reagire alle novità".

mschira@caffe.ch
@MassimoSchira
04.06.2017


Articoli Correlati
IL DOSSIER


I fatti e le opinioni
sulle vicende S.Anna
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

Se la democrazia
è a colpi di canone
L'INCHIESTA

"Troppe espulsioni
sgretolano le famiglie"
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Al miliardario velista
il "flash" costa caro
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Risiko criptovalute
simulando Wall Street
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nella base americana
"Pronti, qui in Corea"
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Propaganda e verità
sono sempre in guerra
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Quelle vie d'uscita
per Gerusalemme
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La pizza nasce local
ma è diventata global
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
22.01.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, dicembre 2017
11.01.2018
Prova delle Sirene 2018
10.01.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta del 22 gennaio 2018.
28.12.2017
Pubblicati online gli oggetti che sottostanno all’Ordinanza sulla protezione contro gli incidenti rilevanti (OPIR) con le loro aree di coordinamento [www.ti.ch/oasi]
28.12.2017
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, terzo trimestre 2017
22.12.2017
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, novembre 2017
22.12.2017
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, dicembre 2017
21.12.2017
Riqualifica del fondovalle di Airolo: credito di 50 milioni di franchi quale contributo cantonale [www.ti.ch/cantieri]
19.12.2017
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, ottobre e terzo trimestre 2017
19.12.2017
Caccia tardo autunnale: evoluzione delle catture al 19.12.2017 [www.ti.ch/caccia]

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Vienna:
"Non lasciate
governare
i nazisti"

Repubblica Ceca:
per le presidenziali
sarà
ballottaggio