Le reazioni di sindacati e padronato ai "salari da fame"
"La vera soluzione?
I contratti collettivi"
MASSIMO SCHIRA


Quella contro i salari scandalosamente bassi emersi negli ultimi anni dal mercato del lavoro ticinese è una lotta ormai senza quartiere. Al fronte ci sono, beninteso, i sindacati, preoccupati dall’espandersi a macchia d’olio del problema, soprattutto in alcune professioni del terziario come l’architettura, l’informatica o l’ingegneria. Spesso, però, accanto ai rappresentanti dei lavoratori si schiera anche il padronato, fortemente infastidito dagli abusi che minano la credibilità di tutta una categoria. Nel mezzo, quella che pare l’unica soluzione praticabile: l’introduzione generalizzata di contratti collettivi e lo sviluppo di verifiche e controlli sempre più precisi sul territorio. "I contratti collettivi agli imprenditori non è che piacciano molto - afferma Glauco Martinetti, presidente della Camera di commercio ticinese -. D’altra parte nelle 44 associazioni economiche, che fanno parte della Camera, non si accetta il degrado attuale della situazione occupazionale, salariale e imprenditoriale. E quindi i contratti collettivi sono una delle soluzioni possibili".
Per i sindacati, la soluzione al problema passa prima di tutto da un cambiamento d’approccio. "Ad essere toccate dal fenomeno sono soprattutto professioni del settore terziario - spiega Giorgio Fonio dell’Ocst -, che non hanno tradizione sindacale nella tutela dei lavoratori e non hanno organi di controllo, ossia commissioni paritetiche che verifichino seriamente la situazione. Ma le cose possono anche cambiare, come successo con gli architetti. Dopo che sono emersi casi di salari estremamente bassi, la categoria ha accettato proprio nelle scorse settimane l’introduzione di un contratto collettivo di lavoro. Che, con i controlli adeguati una volta entrato in vigore, è l’unica strada che porta ad una soluzione concreta contro il degrado".
L’apertura verso questo genere di soluzioni contrattuali c’è comunque anche nel padronato. Con la Camera di commercio che ha già svolto il ruolo di "trait d’union" tra le parti verso l’introduzione di contratti collettivi. "La prima scelta per l’imprenditore resta sempre l’autoregolamentazione - osserva ancora Martinetti -. Cioè garantire un rapporto corretto tra datore di lavoro e collaboratori senza bisogno di troppe imposizioni. Quando un settore si trova però vistosamente sotto pressione e rischia di cadere nel dumping salariale, ecco che i contratti collettivi sono da sostenere. E la Camera di commercio si mette a disposizione quale ‘ambasciatore’. Certamente una soluzione migliore rispetto ai contratti normali o all’assenza di contratti".
Qualche voce più scettica sui contratti collettivi, comunque, nel mondo imprenditoriale si trova. "Non risolvono il problema di fondo - osserva Marco Jäggi, membro di comitato di ImprendiTi -. È chiaro che gli abusi delinquenziali vanno stigmatizzati, perché non c’entrano nulla con chi fa impresa. Ma bisogna lavorare anche sul sistema, perché non è logico che ci siano differenze salariali così grandi tra Ticino e Lombardia per gli stessi servizi. Il lavoro da fare, certo, è enorme, ma…".

m.s.
11.06.2017


Articoli Correlati
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
GRANDANGOLO

Il Cardio non paga
e il Mizar si arena
L'INCHIESTA

La scuola volta pagina
con lezioni di sesso
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Kerouac e i bus
direzione a Malpensa
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Lehman Brothers
e la fine del sogno Usa
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
La Libia aspetta
lo scontro finale
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Con il "topo morto"
la lotta tra Cia e Kgb
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Perché il sovranismo
costruisce nuovi muri
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
È urgente arrivare
ad un'economia "pulita"
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
19.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, settembre 2018
14.09.2018
Proscioglimento dagli obblighi militari 2018
13.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Statistica delle abitazioni vuote, Ticino, 1° giugno 2018
13.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, agosto 2018
06.09.2018
Documentazione regionale ticinese (DRT) - È il linea il nuovo dossier sul tema “La scuola che verrà”
06.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel secondo trimestre 2018
05.09.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 17 settembre prossimo
31.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Popolazione residente permanente, Ticino, 2017
28.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, luglio e secondo trimestre 2018
28.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, luglio e secondo trimestre 2018

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Attacco
alla parata,
Iran:
risponderemo

Russia:
manifestanti
chiedono dimissioni
di Putin