La tecnologia avanzata per gestire le imprese agricole
L'azienda funziona
con satellite o iPad
OMAR RAVANI


Non c’è solo l’agricoltura  4.0. Ci sono anche i contadini di ultima generazione. Uno di questi è sicuramente Christian Bassi, 27 anni, titolare dell’azienda di famiglia a Sant’Antonino. Dalla tecnica satellitare, ai macchinari che dosano i foraggi, la fattoria di oggi è un concentrato di tecnologia. "Servirebbe un giorno intero  per elencare le applicazioni in agricoltura - dice Bassi -. La più importante riguarda i sistemi Gps che ci aiutano nella semina e della piantagione nei campi".
Basta infatti inserire le giuste coordinate e il macchinario fa da solo, completando un lavoro che altrimenti richiederebbe la presenza di un autista. Ma anche, da parte dell’agricoltore, un impiego di ore eccessivo in una giornata che è diventata sempre più piena e di conseguenza anche stressante. "È un bel risparmio di tempo - spiega il giovane agricoltore - Una volta spiegato all’operaio come inserire esattamente i dati, la maggior parte del compito è fatto. E si può pensare ad altro".
Una volta, all’epoca dei genitori o dei nonni di Christian, poteva capitare che mani poco esperte eseguissero qualcosa di sbagliato. "Oggi ciò è praticamente impossibile. Il rischio di un errore umano è quasi ridotto a zero, perché il macchinario fa quello che gli viene detto di fare - continua Bassi -. Ciò non toglie che di lavoro in un’azienda come la nostra ce n’è sempre tantissimo. Durante i picchi stagionali arriviamo ad avere anche 60 persone che lavorano allo stesso momento".
Nella stessa situazione di Bassi, anche Adrian Feitknecht, 28 anni, che è responsabile di una grossa fattoria a Cadenazzo. "La tecnologia è fondamentale nell’allevamento - conferma il giovane -, soprattutto perché ci aiuta a risparmiare tempo. Ad esempio abbiamo di recente introdotto una macchina spingi foraggio. Le mucche sono infatti un po’ maldestre e spesso col muso spostano il cibo fuori dalla loro portata. Il macchinario allora lo riposiziona vicino agli animali. Prima che questa novità fosse introdotta, eravamo obbligati a lavorare con i forconi". Ore e minuti risparmiati, dunque, che potranno essere spesi per attività più utili alle bestie. "Il loro benessere viene prima di tutto - sottolinea Adrian -. Ci sono momenti in cui fermarsi e coccolare gli animali è non solo un piacere per noi, ma soprattutto per loro. I macchinari saranno sì utili, ma il loro principale compito è quello di ritagliarci momenti preziosi da spendere con mucche o maiali".
Adrian da quando è alla guida dell’azienda non ha più molto tempo per occuparsene di persona. "Mi manca, certo. Ma so che chi lavora nelle stalle mi sostituisce ottimamente". Macchinari compresi.

o.r.
18.06.2017


Articoli Correlati
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
GRANDANGOLO

Il Cardio non paga
e il Mizar si arena
L'INCHIESTA

La scuola volta pagina
con lezioni di sesso
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Kerouac e i bus
direzione a Malpensa
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Lehman Brothers
e la fine del sogno Usa
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
La Libia aspetta
lo scontro finale
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Con il "topo morto"
la lotta tra Cia e Kgb
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Perché il sovranismo
costruisce nuovi muri
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
È urgente arrivare
ad un'economia "pulita"
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
19.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, settembre 2018
14.09.2018
Proscioglimento dagli obblighi militari 2018
13.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Statistica delle abitazioni vuote, Ticino, 1° giugno 2018
13.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, agosto 2018
06.09.2018
Documentazione regionale ticinese (DRT) - È il linea il nuovo dossier sul tema “La scuola che verrà”
06.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel secondo trimestre 2018
05.09.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 17 settembre prossimo
31.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Popolazione residente permanente, Ticino, 2017
28.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, luglio e secondo trimestre 2018
28.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, luglio e secondo trimestre 2018

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Attacco
alla parata,
Iran:
risponderemo

Russia:
manifestanti
chiedono dimissioni
di Putin