In fattoria ora si fanno i conti con l'informatizzazione
Immagini articolo
Nei campi è arrivata
un'agricoltura 4.0
MASSIMO SCHIRA


Non siamo ancora alla trasformazione del contadino in professionista del controllo informatico, ma i primi passi verso l’agricoltura 4.0 - quella dell’automazione di un numero sempre maggiore di processi lavorativi - sono già una realtà anche in Svizzera. Alle fiere specializzate del settore, infatti, accanto a trattori e mieti-trebbiatrici di ultima generazione (con i motori elettrici in forte crescita) ad attirare lo sguardo sono sempre più i mezzi a guida autonoma e i prototipi di apparecchi specializzati nella gestione dei campi senza necessità di un intervento diretto da parte dell’agricoltore. Dopo l’avvento della tecnologia in stalla (vedi articolo in basso), insomma, è nei campi il terreno del cambiamento. "È sicuramente uno sviluppo interessante - osserva Sem Genini, segretario agricolo cantonale -. Bisogna però valutare bene le differenti situazioni anche dal profilo dei costi e dei benefici. Soprattutto in una realtà di piccole aziende a conduzione familiare".
Gli esempi di applicazione della robotica al mondo contadino sono comunque numerosi. Con alcune aziende svizzere ad essere in prima linea a livello internazionale. È il caso ad esempio del robot autonomo in grado di estirpare le erbacce dai campi prodotto dalla ecoRobotics di Yverdon-les-Bains, nel canton Vaud. Si tratta di un macchinario che si muove autonomamente guidato dalla tecnologia Gps ed è capace di analizzare il terreno grazie ad una telecamera e di riconoscere il tipo di pianta che si trova davanti. Due braccia meccaniche riescono poi a strappare le erbe invasive e contemporaneamente a spruzzare sul terreno micro-dosi di diserbante specifico. Un sistema che evita così l’eccessiva dispersione dei prodotti. "Per le grandi superfici, come quelle dell’Altopiano, è certamente una soluzione da valutare - prosegue Genini -. Ci sono però anche altre potenziali applicazioni della tecnologia. Come ad esempio il trattamento delle colture con l’utilizzo dei droni. In Ticino ci si potrebbe pensare magari per la viticoltura". In vigna, infatti, i trattamenti contro funghi, malattie o parassiti sono necessari più volte durante l’anno. Renderli automatizzati e puntuali sarebbe certamente utile. "Bisogna anche qui valutare bene i costi - aggiunge Genini -. Grossi cambiamenti ci sono stati negli ultimi anni nelle tecnologie di mungitura, con l’avvento dei primi veri e propri robot. Ma l’esperienza ci ha insegnato che in alcuni casi l’idea si rivela ottima sotto tutti i punti di vista. In altri casi, invece, non è la scelta migliore".
Un altro esempio di progressiva automazione dell’agricoltura nei campi riguarda poi i trattori. L’azienda bernese Aebi, storico produttore di macchinari agricoli, ha infatti sviluppato una tecnologia di guida automatica per uno dei suoi modelli più versatili, il Terratrac. Si tratta di un trattorino a due assi che può essere utilizzato per diversi scopi. Dallo sfalcio del fieno fino alla rimozione della neve. E si presta alla guida tradizionale, ad essere controllato con un telecomando fino a 400 metri di distanza e anche a muoversi in maniera totalmente autonoma. Una soluzione interessante anche per evitare di correre rischi nelle zone particolarmente impervie. "Va detto che negli ultimi anni la tecnologia dei macchinari agricoli è molto migliorata anche per il lavoro sui terreni difficili - conclude Genini -. E non va dimenticato che spesso ai contadini piace guidare il proprio trattore. È una parte importante del mestiere stesso dell’agricoltore. Certo, poi l’automazione può servire quando le superfici da gestire sono molto grandi". Vi sono infine altri tipi robot che lavorano tra stalla ed esterno. Come quello progettato da Lely e in grado di mantenere la stalla pulita dal letame e preservare così la salute degli zoccoli delle mucche.

mschira@caffe.ch
@MassimoSchira
18.06.2017


Articoli Correlati
IL DOSSIER


I fatti e le opinioni
sulle vicende S.Anna
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

Troppa canapa light
e il mercato è saturo
L'INCHIESTA

Se lavori oltre i 65
rendite più ricche
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Dagli esodati
ai pensionati d'oro
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Una tregua "olimpica"
riunisce le due Coree
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nella base americana
"Pronti, qui in Corea"
Guido Olimpio
Guido Olimpio
La folle corsa nucleare
non è solo propaganda
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
La razza è un concetto
inventato della politica
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La tendenza a esagere
...ereditata dai greci
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
15.02.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, gennaio 2018
12.02.2018
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, quarto trimestre 2017
12.02.2018
Documentazione regionale ticinese (DRT) - È in linea il nuovo dossier concernente la protezione dell'ambiente in Ticino
08.02.2018
La Segreteria del Gran Consiglio ha pubblicato la lista delle presenze dei Deputati alle sedute della legislatura in corso
07.02.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 19 febbraio prossimo
01.02.2018
Aggiornato il formulario della domanda di costruzione (versione 01.2018) [www.ti.ch/edilizia]
31.01.2018
Lingue e stage all'estero - 20 anni di scambi linguistici. Partecipa al concorso.
22.01.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, dicembre 2017
11.01.2018
Prova delle Sirene 2018
10.01.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta del 22 gennaio 2018.

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Kosovo:
si festeggiano
i 10 anni
d'indipendenza

Messico:
la terra trema
e le paure
riaffiorano