Tobiolo Gianella, della società di Agno, dopo il "caso" Sozzi
Immagini articolo
"Le dimissioni
amareggiato per i tempi"
MAURO SPIGNESI


Tutti sapevano, tutti si sono meravigliati.  L’uscita di scena, definita "consensuale", del direttore dell’aeroporto Alessandro Sozzi, ha creato un terremoto politico. E ora il consiglio d’amministrazione della società di gestione di Agno si ritrova senza la metà dei componenti, visto che tre su sette si sono dimessi all’inizio della settimana. Una scelta, quella di Giordano Zeli, Luca Bolzani e Daniele Casalini, che è stata ufficializzata attraverso due lettere. Una di Zeli, l’altra di Bolzani e Casalini. Tutti scrivono che già da tempo volevano lasciare. E che hanno atteso l’ufficializzazione delle dimissioni (arrivate con un comunicato  stampa) per confermare la scelta, visto che non sono riusciti a evitare la partenza di Sozzi. Una partenza che, almeno a parole, non voleva nessuno. Ma allora perché è avvenuta?
Alessandro Sozzi, il diretto interessato, non parla. Emilio Bianchi, il presidente dalla società, si limita ad avvertire che "siccome tutto quanto è successo dopo l’articolo del Caffè, non voglio fare ulteriori dichiarazioni". Il consigliere d’amministrazione Tobiolo Gianella, in una lettera, parla di "maldestro tentativo di fare tabula rasa". Cosa vuol dire? "Vuol dire che soprattutto la tempistica delle dimissioni dei miei tre colleghi mi ha lasciato un po’ l’amaro in bocca. Per questo ho scritto che è bastato un articolo per scatenare l’inferno".
Gianella si dice preoccupato per il futuro. "Perché - spiega - l’aeroporto secondo me è importante. Non soltanto per la città di Lugano ma per tutto il territorio cantonale, è un po’ come il Lac o l’Università. In questi anni io penso abbia contribuito alla nostra crescita economica. E proprio adesso che il Municipio ha deciso di fare un investimento importante, 20 milioni per il suo rilancio, succede questo terremoto". Qualcosa, certo, non è andata. Anche se nei giudizi di facciata tutti hanno ribadito attestati di fiducia per Sozzi. Attestati che evidentemente non sono bastati a trattenerlo dopo la decisione di effettuare un audit in seguito a una vertenza con una parte del personale.
Uno "strappo" all’autonomia manageriale che evidentemente ha spinto Sozzi, che ha riportato in attivo i conti della società, a dire basta. "Gli attestati di fiducia ci sono sempre stati - aggiunge Gianella - come all’interno del consiglio d’amministrazione ci sono state visioni differenti su certi problemi, scambi di idee anche vivaci in determinati confronti. Ed è quello che accade normalmente in una qualsiasi società. D’altronde non stiamo gestendo una funicolare ma un aeroporto".
02.07.2017


IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

Lampi di guerra
e fulmini su Trump
L'INCHIESTA

Viviamo circondati
da 8mila videocamere
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Dalle buche di Roma
a quelle di Bellinzona
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Ecco come l'Occidente
scoprì la globalizzazione
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Mosaici di guerra
dalla postazione Judy
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Lampi di guerra
e fulmini su Trump
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
La razza è un concetto
inventato della politica
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Alienati per il lavoro?
La cucina è l'antidoto
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
18.04.2018
Pubblicato il nuovo sito tematico "Mobilità ciclabile" della Sezione della mobilità [www.ti.ch/bici]
17.04.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, marzo 2018
10.04.2018
Pubblicato il rendiconto 2017 del Consiglio della magistratura
05.04.2018
Tiro obbligatorio 2018
28.03.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 9 aprile prossimo
22.03.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, marzo 2018
21.03.2018
L'Ufficio dei beni culturali (UBC) ospite della trasmissione RSI "Finestra popolare" per una serie di incontri dedicati al patrimonio culturale del Cantone Ticino.
21.03.2018
Aperte le iscrizioni all'evento "Un’altra opportunità è d’obbligo - La nuova procedura di annuncio dei posti vacanti" promosso dal Servizio aziende URC della Divisione dell’economia del DFE.
16.03.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, febbraio 2018
12.03.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere Ticino, gennaio 2018 e quarto trimestre 2017

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Siria:
ispettori Opac
entrano
a Douma

Nicaragua:
almeno 10 morti
per le proteste
sulle pensioni