Centinaia di milioni per rilanciare aree urbane dimenticate
Immagini articolo
Un "cantiere Ticino"
per riqualificare le città
MAURO SPIGNESI


Soltanto se si calcolano gli investimenti previsti a Locarno, tra via Balestra e via Franscini, a Lugano-Cornaredo e a Massagno con Swiss Life, si raggiungono i 220 milioni complessivi. Se poi si allarga lo sguardo da Chiasso a Bellinzona, i milioni lievitano. Il Ticino sta infatti diventando un unico, grande cantiere. E in alcuni casi i progetti porteranno notevoli benefici, perché andranno a riqualificare le città. "Sicuramente ci sarà questo effetto, ma i nuovi insediamenti stanno portando anche a una sorta di saturazione del mercato, soprattutto per quanto riguarda gli appartamenti destinati all’affitto", spiega Renza De Dea, imprenditrice e fiduciaria.
De Dea calcola che ogni anno la popolazione del Ticino aumenta in media di 3.000 persone e dunque calcolando un fabbisogno di circa una casa ogni tre persone si arriva a un migliaio di abitazioni. "La mia - spiega l’imprenditrice - è chiaramente una stima. Detto questo, bisogna aggiungere che è in atto un gioco perverso perché tanti puntano sull’edilizia, e penso ad esempio agli investitori istituzionali che devono articolare le spese per far fruttare i propri capitali. Si sta effettivamente costruendo forse troppo. Questa tendenza ha sicuramente effetti negativi per il mercato. Ma anche positivi, perché l’eccesso di offerta porta a un abbassamento degli affitti e chi magari è in una vecchia casa può spostarsi in una nuova pagando all’incirca la stessa cifra". Gli immobili invece destinati alla vendita, per De Dea, "sono meno a rischio perché i costi delle ipoteche sono effettivamente ancora vantaggiosi".
Chi invece vede in questa sfrenata corsa al mattone solo pericoli è l’architetto Antonio Pisoni, presidente della Società ticinese per l’arte e la natura (Stan). "Francamente - dice - non avverto effetti positivi. Si sta costruendo più di quanto è necessario. È normale che tante case siano destinate a restare vuote come è normale che così facendo nascano quartieri dormitorio. La verità è che c’è tanto capitale in giro, assicurazioni e casse pensioni investono, ma soprattutto investe chi ha grossi capitali che non vuol lasciare fermi in banca dato che si rischia di finire nella spirale degli interessi negativi". Pisoni non sostiene che non si debba costruire, "ma serve un giusto equilibrio tra reale domanda e offerta, altrimenti ci sarà uno stravolgimento del paesaggio. L’eccesso farà abbassare i prezzi e chi sta in periferia punterà ad abitare in centro, rendendo alcune zone del Ticino un deserto sociale".
Tanti investimenti, vuol dire lavoro e vuol dire far girare i soldi, dunque far marciare l’economia. Ne è convinto l’imprenditore e costruttore Angelo Renzetti. "Con l’arrivo di Alptransit, con i nuovi sistemi veloci di trasporto in futuro si potrà abitare in Ticino, dove la qualità della vita è ottima, e andare a lavorare anche in altri cantoni. Dunque ci sarà necessità di case perché molti verranno a vivere qui da noi. L’importate, però, è la qualità degli insediamenti e dei progetti. Quello di Cornaredo, ad esempio, lo trovo davvero interessante perché è integrato con tutto quanto gli sta intorno, a cominciare dalla galleria Vedeggio-Cassarate".
I nuovi insediamenti suscitano qualche perplessità nell’architetto Fabio Giacomazzi, per anni rappresentante del Ticino nel Consiglio per l’assetto del territorio (Coter). "È chiaro - spiega - che ogni progetto ha sue strategie di redditività. Come è chiaro che piani come quello di Cornaredo soddisfano diverse dinamiche di sviluppo, da quelle sportive a quelle commerciali. Quello che però noto è che si sta investendo e puntando parecchio sul residenziale anche in zone come Locarno, dove non c’è un vivace dinamismo economico e un grosso aumento demografico. Ma evidentemente i soldi ci sono".

mspignesi@caffe.ch
@maurospignesi
09.07.2017


Articoli Correlati
IL DOSSIER


I fatti e le opinioni
sulle vicende S.Anna
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

Ecco le cinque ricette
per salvare l'aeroporto
L'INCHIESTA

Quei crimini di guerra
"congelati" da Berna
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Salvacondotto Ue
per La Valletta
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Millennial al potere
ma non "correct"
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nella base americana
"Pronti, qui in Corea"
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Propaganda e verità
sono sempre in guerra
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Quelle vie d'uscita
per Gerusalemme
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La pizza nasce local
ma è diventata global
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
12.12.2017
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel terzo trimestre 2017
11.12.2017
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, ottobre e terzo trimestre 2017
07.12.2017
Pubblicati orari e tariffe dei trasporti pubblici, validi dal 10 dicembre 2017 [www.ti.ch/trasporti]
04.12.2017
Militare: Visite di reclutamento 2018
04.12.2017
Caccia tardo autunnale: evoluzione delle catture al 04.12.2017 [www.ti.ch/caccia]
01.12.2017
Pubblicato il Rapporto al Gran Consiglio sull'aggiornamento delle Linee direttive 2015-2019
30.11.2017
Consegna degli attestati 2017 alle nuove Guardie della natura [www.ti.ch/natura]
29.11.2017
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria dell'11 dicembre prossimo
28.11.2017
Concorsi scolastici: sono aperti i concorsi per la nomina e l’incarico di docenti e operatori per l’anno scolastico 2018/2019
16.11.2017
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, ottobre 2017

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio




I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Al-Abadi
dichiara la fine
della guerra
all'Isis in Iraq

I 300 giorni
di carcere
del giornalista
Deniz Yucel