Pro e contro l'idea basilese di tassare direttamente i salari
Immagini articolo
"Anche per i residenti
le imposte alla fonte"
MASSIMO SCHIRA


Il prelievo delle imposte direttamente dalla busta paga anche per i residenti potrebbe presto rientrare dalla porta principale quale tema nel dibattito politico ed economico a livello cantonale e federale. A far da "apripista" in questo senso - anche se l’argomento non è nuovo in Svizzera - Basilea, con un’iniziativa lanciata in questa direzione che potrebbe presto passare attraverso il voto popolare. Lo scopo principale per lo Stato sarebbe quello di riuscire ad incassare il "tesoretto" di milioni normalmente persi a causa dei contribuenti morosi. Lo scorso anno, in Ticino, i precetti esecutivi per mancato pagamento delle imposte sono stati 9.643, mentre i casi terminati con un attestato di carenza beni sono stati l’1% del gettito fiscale delle persone fisiche.
Tecnicamente, lo Stato preleverebbe una percentuale fissa sullo stipendio lordo dei lavoratori (a Basilea è calcolata al 10%) attraverso una detrazione effettuata direttamente dal datore di lavoro (nel caso di dipendenti). Alle autorità fiscali toccherebbe poi il compito di emettere eventuali conguagli. "Si tratterebbe di dedurre un acconto dal salario - spiega al Caffè Giordano Macchi, vice direttore alla Divisione delle contribuzioni ticinese -. Ma il forfait proposto a Basilea non rispecchierebbe la reale capacità contributiva dei singoli cittadini. Alcuni pagherebbero troppo poco, ad altri, invece, bisognerebbe restituire denaro una volta elaborati i conteggi. Che non potrebbero, ad esempio, tener conto delle deduzioni. Un sistema che ha qualche vantaggio, ma che presenta anche alcuni problemi, insomma".
Il principale ostacolo, secondo Macchi, è però legato all’eterogeneità del mercato del lavoro e quindi anche dei "profili" da tassare a livello fiscale. "Si rischierebbe di non poter coprire parecchie casistiche - osserva -. Per esempio, per gli indipendenti queste sarebbero misure ben difficilmente applicabili. Da nostri calcoli, 105mila dei 210mila contribuenti totali in Ticino rimarrebbero esclusi. E non è detto che si risolverebbero i problemi di chi non paga, perché manca uno strumento che tracci il rapporto tra tipo di professione e versamento delle imposte. Si andrebbe magari a colpire dove non serve. Bisognerebbe piuttosto individuare meglio le fasce lavorative dove vi sono le maggiori difficoltà nei versamenti".
Tra i problemi, anche il rapporto tra imprenditori e Stato. Una delle prime obiezioni al progetto basilese è stata quella che le aziende non sono disposte a trasformarsi in esattori fiscali, a subire un aggravio di lavoro amministrativo obbligatorio. "Non è solo questo a rendere difficilmente applicabile il prelievo diretto - aggiunge Macchi -. In Ticino, ad esempio, per il prelievo diretto dell’imposta alla fonte per i lavoratori stranieri, le aziende vengono indennizzate dallo Stato. Fanno del lavoro per noi e vengono rimborsate per questo. Con il modello Basilea, finiremmo a dover versare alle imprese un milione ogni 100 milioni di incasso". Da ultimo, secondo Macchi, per gli uffici cantonali del fisco ci sarebbero compiti raddoppiati. Soprattutto per quello dell’imposta alla fonte. "Con difficoltà anche nella gestione di cassa", conclude.

m.s.
13.08.2017


IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
GRANDANGOLO

Sgravi fiscali per tutti
con un taglio del 5%
L'INCHIESTA

L'estate al museo
con 100mila visitatori
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Nelle città turistiche
non si santifica la festa
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Lehman Brothers
e la fine del sogno Usa
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Con il "topo morto"
la lotta tra Cia e Kgb
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
I missili non aiutano
la Siria senza pace
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Perché il sovranismo
costruisce nuovi muri
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
È urgente arrivare
ad un'economia "pulita"
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
19.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, settembre 2018
14.09.2018
Proscioglimento dagli obblighi militari 2018
13.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Statistica delle abitazioni vuote, Ticino, 1° giugno 2018
13.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, agosto 2018
06.09.2018
Documentazione regionale ticinese (DRT) - È il linea il nuovo dossier sul tema “La scuola che verrà”
06.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel secondo trimestre 2018
05.09.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 17 settembre prossimo
31.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Popolazione residente permanente, Ticino, 2017
28.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, luglio e secondo trimestre 2018
28.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, luglio e secondo trimestre 2018

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

"Florence"
declassato
ma vittime
e danni

Città del Messico:
sparatoria
in pieno centro,
morti e feriti