Il ministro Vitta spiega come lo Stato attirerà gli investitori
Immagini articolo
"Questi incentivi fiscali
aiuteranno le startup"
STEFANO PIANCA


Queste misure fiscali che toccano l’ambito delle startup nascono da una semplice constatazione". A spiegare i nuovi strumenti d’incentivo  messi a punto dal Cantone è lo stesso direttore del Dfe, Christian Vitta. "Oggi - prosegue il consigliere di Stato - i giovani possono avere idee brillanti e innovative, conoscere la tecnologia per concretizzarle, ma poi spesso non hanno il capitale da investire. Un capitale che le banche non sono sempre disposte a rischiare in questo tipo di progetti".
Da qui il vostro tentativo di incentivare l’arrivo di capitali da investitori privati. In che modo?
"Con un incentivo fiscale, una defiscalizzazione dell’investimento che potrebbe spingere alcune persone ad investire in una startup. È un incentivo che dovrebbe favorire i giovani che hanno una tecnologia da sviluppare ma pochi mezzi".
A quali condizioni questo tipo di investimenti verranno incoraggiati dal Cantone?
"Chiaramente la condizione di partenza è che dovranno essere delle startup innovative riconosciute come tali. Abbiamo scuole universitarie e istituti che coi loro riconoscimenti attestano il valore di questi progetti. I criteri di valutazione ci sono".
Per sostenere le nuove aziende anche lo Stato rinuncerà ad introiti fiscali... in che ordine di grandezza?
"La misura principale in questo ambito riguarda la defiscalizzazione degli investimenti nelle startup. Noi, come Dipartimento finanze ed economia, stimiamo che possa avere inizialmente un impatto sui conti del Cantone di circa 2 milioni di franchi e di 1,6 milioni per le casse dei Comuni".
Con quale obiettivo ultimo?
"In prospettiva futura di favorire la crescita economica e di recuperare, se la startup funziona, questi soldi come gettito fiscale".
Qual è il messaggio politico?
"Questo tipo di società crea una dinamica positiva nell’economia. Si mettono in moto dei capitali. Ma soprattutto in un’economia come quella ticinese, che è in trasformazione, sarebbe un peccato che le buone idee nate qui venissero poi, per mancanza di mezzi, sviluppate altrove".
Gli ambiti, conclude, "sono molteplici. Dal Fintech per la finanza (di cui è previsto a marzo 2018 un evento internazionale a Lugano organizzato con l’Associazione bancaria ticinese, ndr) alla ricerca nel campo delle scienze della vita (con attori quali, ad esempio, Irb, Iosi, Sirm)".
17.09.2017


Articoli Correlati
IL DOSSIER


I fatti e le opinioni
sulle vicende S.Anna
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

Se l'assistenza
è a lungo termine
L'INCHIESTA

Un "aiuto domiciliare"
diventato carissimo
L'IMMAGINE

Una settimana
un’immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Lei un invalida?
Ma è sui social!
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
I "Paradise Papers",
un furto di ricchezza
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nella base americana
"Pronti, qui in Corea"
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Propaganda e verità
sono sempre in guerra
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Il secessionismo
scuote l'Europa
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Il colore "pervinca"
emblema di artificio
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
24.11.2017
Caccia tardo autunnale: evoluzione delle catture al 24.11.2017 [www.ti.ch/caccia]
16.11.2017
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, ottobre 2017
15.11.2017
Istituto della formazione continua - Pubblicato il nuovo programma gennaio-giugno 2018 dei corsi base per formatori di apprendisti
15.11.2017
Comunicazione di prassi cantonale concernente le deduzioni di spese professionali particolari degli espatriati domiciliati nel Canton Ticino
08.11.2017
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da mercoledì 8 novembre 2017 alle ore 10.00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
07.11.2017
I dati del censimento annuale dei rifiuti sono ora consultabili in modo interattivo anche sul portale dell'Osservatorio Ambientale della Svizzera Italiana [www.ti.ch/oasi]
30.10.2017
Pubblicato nuovo formulario per la compilazione elettronica della dichiarazione dei redditi 2017 dei Patriziati, con la funzione di somma automatica
24.10.2017
Aggiornato il sito tematico del Parco del Piano di Magadino [www.ti.ch/ppdm]
19.10.2017
Pubblicati i dati del traffico sulla rete stradale in Ticino nel 2016 [www.ti.ch/conteggi]
19.10.2017
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, settembre 2017

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio




I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Parigi:
Hariri annuncia
il ritorno
a Beirut

Zimbabwe:
corteo
contro
Mugabe