Il chirurgo Simone Ghisla sugli orari di lavoro in corsia
'Nuova organizzazione
nei nostri ospedali'
MAURO SPIGNESI


Da chirurgo non guarda l’orologio. "E nessuno dei miei colleghi lo fa, perché chi lavora nella sanità guarda innanzitutto al paziente". Simone Ghisla, chirurgo, è stato presidente cantonale dell’Associazione medici assistenti e capiclinica, dopo aver lavorato in diversi ospedali, non solo ticinesi, ma anche in quello regionale di Burgdorf (Emmental) e quello universitario di Berna. Ha dunque visto come sono organizzati i servizi in diverse realtà della Confederazione. "Per noi medici, ma credo anche per chi ha precise responsabilità operative nelle aziende, gli orari - dice Ghisla - stanno diventando sempre più di difficile applicazione. Almeno per come sino ad oggi abbiamo pensato e concepito l’organizzazione del lavoro. I mutamenti a tutti i livelli ci dicono che ci sono sempre più eccezioni che regole e dunque io credo che senza aumentare il tempo di lavoro bisogna tuttavia ripensare l’organizzazione del lavoro". Come? Simone Ghisla ha un’idea che da una parte rispetta l’orientamento generale dei diversi contratti collettivi e dall’altra va incontro alle nuove esigenze. "Secondo me - spiega - si potrebbe ad esempio pensare a una settimana consecutiva d’attività o a due in un mese, e poi a periodi di sosta. Questo senza superare  le ore previste dagli accordi tra enti e sindacati. Insomma un medico, ma anche un manager, penso ad esempio al responsabile della filiale di una banca, insomma chi ha responsabilità, deve poter riorganizzare il suo lavoro secondo le mutate esigenze della società. E tenendo conto appunto che ha precise responsabilità". Questo non vuol dire, secondo Ghisla, diventare schiavi del lavoro. Ma affrontare i nuovi scenari da una prospettiva diversa. "E più moderna".

m.sp.
15.10.2017


IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

Quando lo Stato
diventa mamma
L'INCHIESTA

Calano i morosi
delle Casse malati
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

L'anziano digitale
stimola la produttività
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Il protezionismo,
retorica della paura
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Mosaici di guerra
dalla postazione Judy
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Lampi di guerra
e fulmini su Trump
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
La razza è un concetto
inventato della politica
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Orchi e melodrammi
non scaldano Cennes
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
L'amore d'antan
nel "Regality show"
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
16.05.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta del 28 maggio 2018.
15.05.2018
Pubblicato un nuovo rapporto sullo sviluppo territoriale: "Nuove geografie della logistica nel Cantone Ticino" [www.ti.ch/ostti]
27.04.2018
Avvio della consultazione del Progetto di risanamento fonico delle strade cantonali e comunali del Bellinzonese e Locarnese-Vallemaggia
27.04.2018
Avvio della consultazione del Progetto di risanamento fonico delle strade cantonali e comunali della Riviera e Valli
25.04.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 7 maggio prossimo
18.04.2018
Pubblicato il nuovo sito tematico "Mobilità ciclabile" della Sezione della mobilità [www.ti.ch/bici]
17.04.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, marzo 2018
10.04.2018
Pubblicato il rendiconto 2017 del Consiglio della magistratura
05.04.2018
Tiro obbligatorio 2018
22.03.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, marzo 2018

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Londra:
il grande giorno
è finalmente
arrivato

L'arduo tentativo
della formazione
del governo
iracheno