Gli orari di lavoro secondo il presidente dei manager
"Ma basta rigidità!
Io non stacco mai"
MAURO SPIGNESI


Ha vissuto negli Stati Uniti dove il lavoro è "full time", un’immersione senza sosta, e la vita ininterrotta 24 ore su 24, senza fermarsi mai. "Ed è per questo che dico che oggi l’orario concepito in maniera rigida, come è stato pensato sino ad ora, con presenze lungo la giornata spezzate dalle soste previste dai contratti, riposi notturni e domenicali, non ha più alcun senso", spiega Vincenzo Ursino, presidente dell’Associazione Svizzera italiana d’organizzazione e management (Asio) e docente Supsi. "È giusto dunque - aggiunge il manager - adeguare le leggi, renderle più aderenti alla società e ai suoi mutamenti". I tempi imposti dalle aziende, piegati su esigenze che oggi non hanno più un senso preciso, per Ursino  alla fine vanno a intaccare anche la qualità della vita. "Perché - spiega il presidente dell’Asio - chi lavora tanto, come è il mio caso o quello dei miei colleghi che hanno parecchie responsabilità, è svantaggiato. Ed è svantaggiato proprio perché qui da noi ci sono orari poco flessibili ovunque. A cominciare, faccio un esempio, dai negozi che chiudono proprio quando la gente termina il lavoro giornaliero. Invece dovrebbe avere la possibilità di fare la spesa. La rigidità, nel mondo di oggi, frena l’avanzare di certe dinamiche importanti, rallenta certi importanti processo di sviluppo".
Secondo il manager allargare l’orario di lavoro, modificarlo, renderlo più vicino appunto alle esigenze quotidiane, come sostengono alcune proposte legislative presentate a Berna, potrebbe portare effetti positivi. "È un discorso complesso - spiega Vincenzo Ursino - ma io credo che l’ottimizzazione del lavoro sia sempre un bene. E può portare più occupazione".

m.sp.
15.10.2017


IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

Quando lo Stato
diventa mamma
L'INCHIESTA

Calano i morosi
delle Casse malati
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

L'anziano digitale
stimola la produttività
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Il protezionismo,
retorica della paura
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Mosaici di guerra
dalla postazione Judy
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Lampi di guerra
e fulmini su Trump
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
La razza è un concetto
inventato della politica
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Orchi e melodrammi
non scaldano Cennes
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
L'amore d'antan
nel "Regality show"
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
16.05.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta del 28 maggio 2018.
15.05.2018
Pubblicato un nuovo rapporto sullo sviluppo territoriale: "Nuove geografie della logistica nel Cantone Ticino" [www.ti.ch/ostti]
27.04.2018
Avvio della consultazione del Progetto di risanamento fonico delle strade cantonali e comunali del Bellinzonese e Locarnese-Vallemaggia
27.04.2018
Avvio della consultazione del Progetto di risanamento fonico delle strade cantonali e comunali della Riviera e Valli
25.04.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 7 maggio prossimo
18.04.2018
Pubblicato il nuovo sito tematico "Mobilità ciclabile" della Sezione della mobilità [www.ti.ch/bici]
17.04.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, marzo 2018
10.04.2018
Pubblicato il rendiconto 2017 del Consiglio della magistratura
05.04.2018
Tiro obbligatorio 2018
22.03.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, marzo 2018

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Londra:
il grande giorno
è finalmente
arrivato

L'arduo tentativo
della formazione
del governo
iracheno