Banche e istituti finanziari alla prova dell'automazione
Immagini articolo
Nelle Piazze svizzere
38 mila posti a rischio
MASSIMO SCHIRA, MAURO SPIGNESI


Una piazza finanziaria diversa. Più tecnologica, ma con meno personale impiegato. Una tendenza che potrebbe "contagiare" anche la Piazza finanziaria svizzera e ticinese. Che potrebbero vedere ridotti gli impieghi di 1.800 unità rispetto ai circa 6.000 attuali in Ticino e di 37.000 unità sui  124.000 totali nel Paese. Cifre di una piazza che diverrebbe però più efficiente e con posti di lavoro più interessanti. È quella tratteggiata dall’amministratore delegato di Ubs, Sergio Ermotti in un’intervista rilasciata recentemente al sito Bloomberg Markets. Secondo il dirigente, con i giusti investimenti e puntando su tecnologie all’avanguardia, la maggior banca elvetica potrà rinunciare fino al 30% dei suoi circa 95mila dipendenti. Previsioni sulla carta preoccupanti per l’evoluzione del mercato del lavoro.
Un cambiamento tecnologico, comunque, non può essere completato dall’oggi al domani. "Parlare di cifre legate al futuro è sempre un’operazione rischiosa. Ma il trend tecnologico è strutturale, forte. È una sorta di ‘rivoluzione industriale ritardata’ applicata alla finanza - osserva Franco Citterio, direttore dell’Associazione bancaria ticinese (Abt) -. I progressi soprattutto informatici acconsentono di essere automatizzate ad un numero sempre maggiore di funzioni nel settore bancario, come succede un po’ in tutti gli altri settori industriali e dei servizi". La prospettiva di una piazza finanziaria più efficiente e con professioni più qualificate, ma in minor numero, è una sfida tra opportunità da cogliere e rischi da evitare anche per chi si occupa di formazione. "Sicuramente la digitalizzazione porterà a cambiamenti nell’organizzazione del lavoro e alla perdita di una serie di ruoli e attività che si tradurranno inevitabilmente in perdita di posti di lavoro - spiega Alberto Petruzzella, presidente dell’Abt -. Ma non sarà un processo rapido, per questo è importante sin da oggi seguire l’evoluzione della situazione sotto il profilo sociale, perché inevitabilmente ci saranno dei contraccolpi. Detto questo, però, la digitalizzazione creerà nuove opportunità e anche posti di lavoro in altri ambiti non tradizionali, perché bisognerà inventare, sviluppare e seguire le nuove attività e serviranno nuovi profili professionali".
Proprio in questa direzione vanno le richieste da parte sindacale. "Vogliamo una formazione continua obbligatoria - spiega Denise Chervet, segretaria centrale dell’Associazione svizzera degli impiegati di banca -. Solo in questo modo le competenze degli impiegati possono essere all’altezza delle esigenze del futuro. Non vogliamo, come oggi, assistere a licenziamenti di personale con la scusa che non è formato a sufficienza".
Il trend digitale è percepito in modo chiaro anche all’interno degli ambienti bancari. Confrontati sempre più spesso con nuove forme di concorrenza, non a caso, legate proprio allo sviluppo tecnologico. "Si vedono sempre più spesso società informatiche che offrono a loro volta servizi di tipo bancario, ma non in modo tradizionale - conferma Citterio -. Il che porta tutto il settore a dover per forza recepire la necessità di analizzare a fondo alcune funzioni, per capire dove l’elemento umano ha davvero importanza e dove, invece, ne ha meno. Il cambiamento non va però visto solo dal profilo dei costi o del prezzo da pagare in termini di minor numero d’impieghi. Ci saranno nuovi prodotti da gestire e nuove consulenze da fornire. Per la piazza finanziaria svizzera e ticinese è un’opportunità per profilarsi dal profilo dell’innovazione". Non è quindi il momento di lasciarsi prendere dal panico.  "Io sono ottimista - commenta Ettore Bonsignore, condirettore generale della Banca Pkb di Lugano -. È vero che con la digitalizzazione si andrà verso un cambio generazionale, ma i clienti avranno sempre bisogno di un’offerta personalizzata che genererà nuovi posti di lavoro, più specialistici. E noi, in campo internazionale, abbiamo le competenze e la passione per offrire questi valori".
Sul futuro, comunque, qualche nube rimane. "Le macchine, i software senza le risorse umane non vanno avanti - conclude Alberto Petruzzella -. Non so se alla fine il saldo sarà negativo, ma lo temo". m.s./m.sp.
22.10.2017


IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

Lampi di guerra
e fulmini su Trump
L'INCHIESTA

Viviamo circondati
da 8mila videocamere
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Dalle buche di Roma
a quelle di Bellinzona
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Ecco come l'Occidente
scoprì la globalizzazione
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Lampi di guerra
e fulmini su Trump
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Mosaici di guerra
dalla postazione Judy
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
La razza è un concetto
inventato della politica
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Alienati per il lavoro?
La cucina è l'antidoto
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
18.04.2018
Pubblicato il nuovo sito tematico "Mobilità ciclabile" della Sezione della mobilità [www.ti.ch/bici]
17.04.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, marzo 2018
10.04.2018
Pubblicato il rendiconto 2017 del Consiglio della magistratura
05.04.2018
Tiro obbligatorio 2018
28.03.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 9 aprile prossimo
22.03.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, marzo 2018
21.03.2018
L'Ufficio dei beni culturali (UBC) ospite della trasmissione RSI "Finestra popolare" per una serie di incontri dedicati al patrimonio culturale del Cantone Ticino.
21.03.2018
Aperte le iscrizioni all'evento "Un’altra opportunità è d’obbligo - La nuova procedura di annuncio dei posti vacanti" promosso dal Servizio aziende URC della Divisione dell’economia del DFE.
16.03.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, febbraio 2018
12.03.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere Ticino, gennaio 2018 e quarto trimestre 2017

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Siria:
ispettori Opac
entrano
a Douma

Nicaragua:
almeno 10 morti
per le proteste
sulle pensioni