Dipendenti sotto pagati dietro le quinte di alcuni mestieri
Immagini articolo
Siamo tutti "complici"
del caporalato digitale
STEFANO PIANCA


C’è chi sfreccia in scooter per consegnare a domicilio la pizza surgelata e appena sfornata. E c’è chi è costretto tutto il giorno ad inanellare telefonate su telefonate cercando di convincere altre persone a barattare un po’ di tempo e pazienza. Le chiamano "professioni di servizio", ma forse sarebbe meglio dire al servizio. Al servizio di un’idea sbagliata di lavoro che la digitalizzazione rischia di diffondere. Con le sue promesse al cliente di acquistare tutto, subito e spendendo meno. Perché basta un clic.
Fenomeni che i sindacati stanno monitorando da vicino, anche se la preoccupazione riguarda ormai tutti i settori, come spiega Vincenzo Cicero di Unia: "La precarizzazione, la flessibilizzazione, come il degrado delle condizioni di lavoro sono qualcosa di generalizzato che però esplode maggiormente in questi nuovi settori".
Non sono necessariamente gli stessi ambiti investiti dalla "digitalizzazione" dei processi  produttivi. Che può essere vista come promessa di un mondo senza più professioni logoranti, se si pensa alla celebrata "industria 4.0". Ma toccano pericolosamente alcune professioni alienanti nel settore del terziario. Sempre di corsa per reggere la velocità della comunicazione tramite Internet. Oggi in Ticino se ne avvertono i primi indizi, conferma il sindacalista di Unia:  "L’impressione è che il fenomeno investirà maggiormente il settore dei servizi. Anche se qui è ancora piuttosto contenuto, soprattutto perché i grandi colossi provengono dall’estero. Tuttavia i grandi distributori svizzeri si stanno adeguando a quello che è il commercio digitale...", ammonisce Cicero. Il riferiemento va alle "cabine" dove chi fa la spesa online potrà in futuro passare a ritirare ciò che ha acquistato. Ma questo sarebbe uno scenario ancora più spersonalizzato.
Le pressioni, ricorda il sindacalista, arrivano dalle grandi aziende, "anche se oggi in Svizzera ancora non ci sono settori da equiparare a ciò che accade, ad esempio, con Amazon". Tra i call center e il fattorino che fa consegne a domicilio, esiste comunque un mondo di mezzo che non tranquillizza: "Migliaia di lavoratori che oggi ricevono un salario inferiore ai tremila franchi. Ma non bisogna per forza scoprirli nelle nuove professioni. Basta guardare nelle fabbriche dell’orologeria o in qualche centro della logistica in Ticino. Sono fenomeni che naturalmente si accentuano di più in cantoni di confine, come il nostro, dove c’è una forte offerta di manodopera e tanti ci speculano. Dai trasporti fino al settore impiegatizio dove troviamo situazioni indicibili". E non direttamente collegate alla sostituzione dovuta ai processi digitali, ma, sostiene il sindacalista, "piuttosto con la volontà di massimizzare i profitti".
Se l’offerta è figlia della domanda, di questa fame di "digitalizzazione" quanto è responsabile il cittadino consumatore... L’interrogativo resta sospeso, anche se il sindacalista non condanna "Certo il cliente cerca sempre il prezzo più basso e la maggiore comodità. Ma questo perché culturalmente si sta cercando di spingere un tale approccio. Si ha sempre meno tempo e il poco tempo libero viene passato sui siti web spinti verso il consumo. C’è una copartecipazione, certo, ma il lavoratore che deve fare i conti con un salario sempre più contenuto cerca anche di risparmiare come può. La sua è una responsabilità indiretta, causata dalla diminuzione del potere d’acquisto", conclude assolutorio Vincenzo Cicero.

s.pi.
29.10.2017


IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

Lampi di guerra
e fulmini su Trump
L'INCHIESTA

Viviamo circondati
da 8mila videocamere
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Dalle buche di Roma
a quelle di Bellinzona
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Ecco come l'Occidente
scoprì la globalizzazione
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Mosaici di guerra
dalla postazione Judy
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Lampi di guerra
e fulmini su Trump
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
La razza è un concetto
inventato della politica
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Alienati per il lavoro?
La cucina è l'antidoto
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
18.04.2018
Pubblicato il nuovo sito tematico "Mobilità ciclabile" della Sezione della mobilità [www.ti.ch/bici]
17.04.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, marzo 2018
10.04.2018
Pubblicato il rendiconto 2017 del Consiglio della magistratura
05.04.2018
Tiro obbligatorio 2018
28.03.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 9 aprile prossimo
22.03.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, marzo 2018
21.03.2018
L'Ufficio dei beni culturali (UBC) ospite della trasmissione RSI "Finestra popolare" per una serie di incontri dedicati al patrimonio culturale del Cantone Ticino.
21.03.2018
Aperte le iscrizioni all'evento "Un’altra opportunità è d’obbligo - La nuova procedura di annuncio dei posti vacanti" promosso dal Servizio aziende URC della Divisione dell’economia del DFE.
16.03.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, febbraio 2018
12.03.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere Ticino, gennaio 2018 e quarto trimestre 2017

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Siria:
ispettori Opac
entrano
a Douma

Nicaragua:
almeno 10 morti
per le proteste
sulle pensioni