Le strategie della Posta non convincono molti cittadini
Proteste per le chiusure
dalla Romandia a Berna
MASSIMO SCHIRA


Proteste, petizioni e raccolte di firme un po’ ovunque in Svizzera. Dalla Romandia al canton Berna, passando per Argovia. Ha sollevato parecchie perplessità tra la popolazione la nuova politica di ristrutturazione lanciata nei mesi scorsi dalla Posta. Il "gigante giallo" ha infatti previsto una riduzione sostanziale dei suoi uffici "tradizionali" in tutta la Svizzera. Da 1.400 a circa 800, con un "taglio" netto di 600 uffici postali entro il 2020. Una scelta che, malgrado le rassicurazioni dei vertici sul mantenimento del servizio pubblico, l’ammodernamento delle strutture e l’assenza di licenziamenti, non ha molto convinto i clienti.
Anche il parlamento federale ha esaminato la questione, con una proposta di moratoria alla chiusura degli uffici avanzata dalla socialista Susanne Leutenegger Oberholzer. Una proposta di moratoria però respinta dal Consiglio federale - che resta comunque il proprietario della Posta - il quale ha sottolineato di tenere al ruolo di servizio pubblico del "gigante giallo", ma anche che l’azienda ha sempre rispettato questa funzione. "Conformemente all’ordinanza sulle poste - ha osservato il governo -, il 90 per cento della popolazione residente permanente deve poter accedere a un ufficio postale o un’agenzia nell’arco di 20 minuti. Per l’accesso alle prestazioni nel settore del traffico dei pagamenti questo limite è stato fissato a 30 minuti. Finora la Posta ha sempre rispettato questi valori".
La progressiva trasformazione da uffici tradizionali ad agenzie - spesso inserite in altri contesti, come negozi, farmacie o cancellerie comunali - e lo sviluppo sia dei servizi porta a porta, sia dei supporti digitali viene insomma vista come una valida alternativa. Sulla bontà della politica della Posta, dovranno ancora esprimersi le Camere. Che, di fronte alle proteste di molti cittadini, potrebbero anche imporre un freno alle strategie del "gigante giallo".

m.s.
29.10.2017


Articoli Correlati
IL DOSSIER


I fatti e le opinioni
sulle vicende S.Anna
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

Povere chiese...
con meno denaro
L'INCHIESTA

Un bebè su quattro
ha genitori stranieri
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Il Piano B italiano
senza canone Rai
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Millennial al potere
ma non "correct"
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nella base americana
"Pronti, qui in Corea"
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Propaganda e verità
sono sempre in guerra
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Quelle vie d'uscita
per Gerusalemme
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La pizza nasce local
ma è diventata global
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
11.01.2018
Prova delle Sirene 2018
10.01.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta del 22 gennaio 2018.
28.12.2017
Pubblicati online gli oggetti che sottostanno all’Ordinanza sulla protezione contro gli incidenti rilevanti (OPIR) con le loro aree di coordinamento [www.ti.ch/oasi]
28.12.2017
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, terzo trimestre 2017
22.12.2017
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, novembre 2017
22.12.2017
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, dicembre 2017
21.12.2017
Riqualifica del fondovalle di Airolo: credito di 50 milioni di franchi quale contributo cantonale [www.ti.ch/cantieri]
19.12.2017
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, ottobre e terzo trimestre 2017
19.12.2017
Caccia tardo autunnale: evoluzione delle catture al 19.12.2017 [www.ti.ch/caccia]
15.12.2017
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, terzo trimestre 2017

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Vienna:
"Non lasciate
governare
i nazisti"

Repubblica Ceca:
per le presidenziali
sarà
ballottaggio